giovedì 22 settembre 2022

Cosa fare durante una vacanza sull’isola d’Elba

Tra le località turistiche più conosciute d’Italia rientra sicuramente l’isola d’Elba. Si tratta dell’isola più grande dell’arcipelago toscano ed è la terza isola più grande d’Italia, dopo la Sicilia e la Sardegna. Ogni anno tantissimi turisti provenienti da tutt’Italia (e non solo) fanno a gara per trascorrere qualche giorno sull’isola, immergendosi nella natura incontaminata e nelle acque cristalline che lambiscono le spiagge dorate.
 
Raggiungere l’isola con il traghetto

Il mezzo di trasporto principe per raggiungere questa splendida isola è il traghetto. Ormai esistono svariati traghetti isola d’Elba il che rende molto semplice raggiungerla, anche nei mesi non estivi. Tuttavia, se si è intenzionati a visitarla, è sempre consigliabile controllare in anticipo gli orari delle tratte e prenotare i biglietti, in modo da essere preparati e organizzare al meglio il proprio viaggio.
Cosa visitare una volta giunti sull’isola d’Elba

In molti pensano che l’isola d’Elba abbia da offrire “solamente” spiagge mozzafiato e natura incontaminata, in cui potersi rilassare lontani dalla frenesia delle giungle urbane. Tuttavia, non è affatto così. Una volta giunti sull’isola, infatti, è possibile fare tantissime attività e visitare svariati punti turistici che vale la pena vedere almeno una volta nella vita.
 
Acquario dell’Elba

L’acquario dell’Elba è una struttura privata situata a Marina di Campo. Questo acquario è considerato uno fra i più completi per ammirare le diverse specie del Mediterraneo. Nello specifico, ospita 150 specie dell’Arcipelago Toscano, più un settore tropicale, per un totale di 85 vasche e 250.000 litri d’acqua. Tra gli animali che è possibile ammirare, vi sono le tartarughe Caretta caretta, le cernie, le murene, le razze, i pesci civetta ed i polpi. In questo acquario ha vissuto anche il famoso Polpo Paul, noto per i suoi pronostici durante i Mondiali di calcio del 2010. L’acquario può essere visitato durante la stagione estiva dalle 9.00 alle 23.30, mentre negli altri periodi fino alle 20.
Area archeologica della Linguella

L’area archeologica della Linguella è una zona di Portoferraio che racchiude l’omonima torre, il Museo Archeologico e la Villa Romana. Quest’ultima è una tipica villa marittima dell’età Imperiale, che rappresenta perfettamente le case degli aristocratici durante quel periodo. Nel museo, invece, possono essere ammirati reperti etruschi e romani, provenienti sia da ritrovamenti terrestri che marini, come anfore, armi, relitti ecc. La torre, chiamata sia della Linguella che del Martello, è una costruzione militare dalla forma ottagonale, edificata per difendere il porto dagli attacchi nemici. La sua particolarità è l’insieme di colori: pareti di mattoni rossi, spigoli in calcare rosa, e rifiniture di marmo bianco. Per raggiungere quest’area, bisogna camminare lungo la darsena medicea, e, dopo aver superato il cancello, ci si trova dinanzi alla torre, i resti della villa sono a sinistra.
Capolivieri

Si tratta di una delle località più caratteristiche dell’isola, che ogni anno attira sempre più turisti. È uno splendido borgo medievale arroccato in cima a una collina con ben quattro rioni: il Fosso, la Torre, la Fortezza ed il Baluardo. Il centro storico di questo magnifico borgo è caratterizzato da un’affascinante piazza vista mare, da vicoli pittoreschi e casette alte e strette che ricordano tempi ormai lontani.

0 comments:

Posta un commento