A Matera 'Ars Excavandi'

lunedì 21 gennaio 2019

A Matera 'Ars Excavandi'

MATERA - Proseguono le iniziative culturali nella Città dei Sassi in occasione di Matera Capitale della Cultura. Una grande caverna con il pavimento solcato dalle radici della conoscenza, alla scoperta della storia dell'uomo e di Matera, capitale della civiltà rupestre, illustrata lungo pareti illuminate con video e immagini digitali, pannelli interattivi per ascoltare suoni primordiali o vedere i segni di civiltà antiche. E' il percorso ideato con la mostra "Ars Excavandi" allestita a Matera nel Museo archeologico "Domenico Ridola" e negli ipogei di Palazzo Lanfranchi.

La mostra - che si apre il 20 gennaio ed è una delle grandi esposizioni previste nell'anno in cui Matera è Capitale europea della Cultura - è stata curata dall'architetto Pietro Laureano, autore del dossier di candidatura che nel 1993 consentì l'iscrizione dei rioni Sassi e dell'habitat rupestre nel patrimonio dell'Unesco. Un altro elemento di novità molto significativo è rappresentato dalla riapertura al pubblico degli ipogei che ospitano la mostra. "Ars Excavandi - ha detto Laureano - è l'arte dello scavo dalla preistoria, la lettura dell'incisione di chi ha messo un nome sulla parete, disegnato un animale o il Big Ben cosmico. Scavare nella roccia è come scavare nella conoscenza ed è quello che ho fatto. Nella mostra abbiamo il racconto sula percezione. Abbiamo messo la Caverna, la caverna del mito di Platone. Siamo ombra, apparenza di quello che c'è dietro, che dobbiamo capire. Forse tutto l'Universo è un ologramma. E' fatta tutta di proiezioni che arrivano da fuori e creano tutto questo mondo fittizio".

Il percorso nella mostra avviene attraverso cinque tappe "caratterizzate dagli elementi aria, fuoco, eros, acqua e terra, marcati dai colori giallo, rosso, ultravioletto, blu e verde e da una serie di suoni e profumi". I visitatori potranno osservare anche "una ricostruzione dell'altopiano murgico e dei Sassi di Matera così come erano descritti nel 16/o secolo". Luci e proiezioni permetteranno di guardare Matera ai raggi X, "mostrando una parte degli oltre 20 mila metri quadrati di strutture e architetture ipogee nascoste sotto la città". Tra le attrazioni della mostra, che stimolano l'interesse del visitatore, c'è un olobox, una macchina oleografica "dove presentiamo qualcuno dei più bei reperti del Museo Ridola: si tratta - ha spiegato Laureano - di una selce paleolitica di 15 mila anni avanti Cristo, del gravettiano, già incisa, già una forma d'arte e alcune delle bellissime ceramiche di Serra d'Alto. E cioè un'ansa e una figura quasi aniconica, il viso che quasi non c'è ma che con pochi tratti ha una espressione straordinaria".

mercoledì 16 gennaio 2019

Cinque cose imperdibili da fare in Basilicata nel 2019

MATERA - Incastonata nel sud Italia, la Basilicata è il nuovo place to be. Grazie a Matera, nominata Capitale Europea della Cultura 2019, questa regione spesso dimenticata, si prepara ad accogliere un pubblico internazionale, che verrà catturato dalla straordinaria Città dei Sassi, ma non solo. La Basilicata, infatti, è una terra ricca di tradizioni, che vanta paesaggi splendidi,
borghi antichi, siti archeologici e spiagge segrete.

Sui suoi oltre 10 mila chilometri quadrati, questa regione ospita infatti 4 bandiere arancioni, altrettante bandiere blu e 11 aree protette, di cui due parchi nazionali, che si sviluppano su un territorio composto principalmente da colline e montagne, dal quale però fanno capolino le coste sabbiose del litorale ionico e quelle rocciose del litorale tirrenico.

Hai in programma di visitare questa regione dai mille volti? Ecco 5 cose da fare assolutamente secondo Airbnb.

1. Dormire in un sasso a Matera
Straordinaria città scavata nella roccia, Matera ha mantenuto il suo segreto fino alla fine degli anni Quaranta. Nominata Capitale Europea della Cultura 2019, è oggi pronta ad accogliere all’interno delle sue cave di tufo visitatori da tutto il mondo. Per vivere a pieno la peculiarità della città, è d’obbligo passare almeno una notte all’interno dei celebri sassi. La casa di Leano, SuperHost di Airbnb, vi aspetta con le sue stanze scavate nella pietra.

2. Prendersi un periodo sabbatico nel borgo di Grottole
Grottole, uno dei tanti piccoli borghi lucani, quest’anno è protagonista di un’iniziativa unica nel suo genere. Il paesino a 30 km da Matera, offre infatti a 4 fortunati la straordinaria opportunità di trasferirsi nel borgo per 3 mesi e godersi un periodo sabbatico apprezzando il vero concetto di slow living. The Italian Sabbatical è un progetto sponsorizzato da Airbnb e promosso dalla onlus locale Wonder Grottole nell’ambito della partnership con Fondazione Matera Basilicata 2019 per promuovere l’idea di cittadino temporaneo. Le candidature sono aperte al sito www.italiansabbatical.com

3. Scoprire i prodotti tipici locali
La Basilicata è una terra ricca di tradizioni antiche. Scopri i suoi prodotti tipici attraverso le Esperienze Airbnb, vere e proprie “attività” organizzate da persone del luogo che mettono disposizione dei viaggiatori le proprie competenze e passioni. Da provare assolutamente l’esperienza nel frantoio di Grottole e quella nel caseificio di Montescaglioso.
I segreti dell’olio extra vergine di oliva a Grottole – Innamorato della sua terra, Giuseppe viene da una storica famiglia di produttori di olio d’oliva. Insieme al padre, vi svelerà i segreti della sua produzione, dalla selezione delle olive migliori fino all’imbottigliamento.
Visita al caseificio a Montescaglioso – Dal 1973 Giuseppe produce formaggi usando le antiche tecniche dei mastri casari della sua città. Con lui scoprirai l'alchimia che si nasconde dietro la produzione del formaggio e assaggerete la mozzarella prodotta con le vostre mani.

4. Un’esperienza a contatto con la natura
L’entroterra della Basilicata, ricco di valli pittoresche e paesaggi mozzafiato, è il luogo perfetto dove apprezzare una giornata immersi nella natura. In compagnia di Rocco visiterete le campagne fuori Matera per scoprire piante, fiori selvatici e le sue arnie che cura con grande passione per produrre un miele unico nel suo genere.

5. Visitare i borghi della Basilicata 
Fondati in epoca romana o medievale ma con origini che risalgono alla Preistoria, i borghi della Basilicata sono piccoli gioielli incastonati nella roccia o a sbalzo sul mare, in cui sorgono siti archeologici, si sviluppano parchi nazionali e si possono visitare antichi palazzi e monasteri che hanno fatto la storia del nostro Paese. Da San Severino Lucano a Castelmezzano, da Aliano a Pisticci ecco dove soggiornare per un’esperienza di viaggio davvero autentica.
Castelmezzano La casa dell’arco di Antonello offre ai viaggiatori un suggestivo panorama sulle montagne di Pietrapetrosa, oltre che un delizioso giardino dal quale apprezzare la quiete del borgo.
Montescaglioso Nel centro storico e a due passi dall’abbazia benedettina di San Michele Arcangelo, offre una magnifica vista panoramica della zona e di trova a mezz’ora di auto dalle spiagge dorate del metapontino.
Pisticci Affacciata sull’uliveto, la casa di Jessica può accogliere fino a 8 ospiti, che potranno assaporare la vita rustica della campagna lucana.

lunedì 14 gennaio 2019

Da Dubai ad Amsterdam: 9 maratone intorno al mondo

(Pixabay)
MILANO - Pronti, ai posti di partenza…via! Il 15% dei viaggiatori europei non rinuncia a mettere in valigia un paio di sneakers da corsa: a rivelarlo è Volagratis.com, che a pochi giorni dall'inizio del nuovo anno ha stilato un calendario delle prossime opportunità per mettersi in pista e sfidare se stessi scegliendo tra 9 City Marathon che si svolgeranno durante il 2019.

Un’occasione imperdibile non soltanto per i runner più esperti, concentrati sulla propria performance, ma anche per chi vorrà mettersi in gioco scoprendo la città in un modo del tutto inusuale. Gli accompagnatori e i turisti potranno invece godersi la città immersi in un clima di festa e di sport. Non resta altro da fare che allenarsi o preparare l’itinerario perfetto con Volagratis.com, per arrivare pronti sulla linea di partenza.

Dubai - 25 gennaio 2019
Per chi ama correre - o camminare - con il naso all’insù, da non perdere la  maratona tra le strade e i grattacieli di Dubai. La Dubai Marathon è la 42 km dei record: la più veloce e la più ricca, con premi che non hanno eguali al mondo (fino a 200.000 euro). Partenza prevista da Umm Suqeim Road di fronte al Madinat Jumeirah, enorme complesso residenziale, alberghiero e commerciale.

Tokyo - 3 marzo 2019
Tokyo ospiterà la più grande maratona d’Asia: il segnale di partenza è puntato dal Tokyo Metropolitan Government Building e il percorso tocca alcuni dei luoghi più suggestivi della città, come il Palazzo Imperiale e l’Hibiya Park. E se le bellezze di Tokyo non sono un incentivo sufficiente, ci pensa il montepremi: chi conclude la maratona in meno di 2 ore e 7 minuti incassa 10 milioni di Yen (76.000 euro)!

Marocco - dal 5 al 15 aprile 2019
Suggestiva, avventurosa e impegnativa: è La Marathon des Sables ("Maratona delle Sabbie"), la gara di 240 km che si corre nel Sahara marocchino, tra dune di sabbia, distese di pietre e montagne rocciose. La competizione si svolge nell’arco di una settimana, e il percorso viene svelato soltanto quando i concorrenti giungono al campo base, nei giorni che precedono la partenza.

Londra - 28 aprile 2019
Vedere Londra in tre ore? Con la Virgin London Marathon si può fare! Il percorso della maratona si snoda lungo entrambe le rive del Tamigi toccando le principali attrazioni della città: Tower Bridge, London Eye, Houses of Parliament e Buckingham Palace. Un grande evento di sport e beneficenza: più dei tre quarti dei maratoneti corrono per scopi benefici.

Boston - 15 aprile 2019
“Since 1897”: nel 2019 si terrà la 123° edizione della maratona di Boston, la più antica tra le maratone annuali nel mondo. Un’occasione entusiasmante per scoprire il Massachusetts: la gara parte infatti da Hopkinton e prima di entrare a Boston attraversa le cittadine di Ashland, Framingham, Natick, Wellesley e Newton.

Inca Trail Marathon - 3-11 agosto 2019
"La maratona più difficile del mondo": 30 km tra rovine archeologiche, altipiani e discese mozzafiato lungo il sentiero del pellegrinaggio che conduce alla leggendaria "Città perduta degli Incas", Machu Picchu. 9 giorni di cui 2 di effettiva corsa: si parte da Cusco, antica capitale dell’impero Inca, ad un’altitudine di 3,399 mt. Dopo aver scoperto antichi villaggi come Urubamba, Chinchero, Ollanta and Ollantaytamba, si arriva all’ingresso del Santuario Storico di Machu Picchu per iniziare la preparazione atletica: necessari una corsa di acclimatamento per abituarsi all’altitudine e il mate di coca, la bevanda tipica che aiuta ad evitare i disturbi legati all’altitudine. Il giorno dopo comincia la vera e propria maratona che arriva ad oltre 4,000 metri. Una grande avventura nella storia della civiltà Inca, tra fortezze e ampie viste dagli alti passi per arrivare di corsa fino alla città sacra.

Berlino - 29 settembre 2019
Sono già aperte le iscrizioni per la Berlin Marathon: insomma, c’è tutto il tempo per allenarsi! Il percorso è lineare e non presenta difficoltà particolari. Una bellissima esperienza per tutti, ideale per scoprire i luoghi più importanti della capitale tedesca: si parte nei pressi della Porta di Brandenburgo, per poi costeggiare il Castello di Charlottenburg e raggiungere Potsdamer Platz.

Per maggiori informazioni sulle maratone del 2019 e per scoprire tutte le offerte: https://www.volagratis.com/it/volo-hotel/maratone.html

giovedì 10 gennaio 2019

La Puglia finisce sul New York Times: "E' uno dei 52 posti da visitare nel 2019"

BARI - Importante riconoscimento per la Puglia che finisce nella prestigiosa classifica “52 places to go in 2019” del New York Times, uno dei più autorevoli quotidiani del mondo.

A rappresentarla è stata scelta Monopoli, meta turistica di grande richiamo che in cinque anni, dal 2012 al 2017, ha raddoppiato le presenze turistiche totali e quadruplicato quelle estere.

“Guardiamo con molto interesse e simpatia al mercato statunitense – commenta l’Assessore all’Industria Turistica e Culturale, Loredana Capone - I turisti americani che scelgono la Puglia sono in crescita esponenziale. Nel quinquennio 2013-2017 il mercato americano è fra i primi cinque per crescita percentuale, con + 52% di arrivi in Puglia. Gli statunitensi che visitano la Puglia amano i piccoli borghi, le città d’arte e le masserie. Anche il turismo delle radici è in costante crescita fra le comunità dei Pugliesi d’America: la crescente notorietà della Puglia al di là dell’oceano Atlantico, spinge numerosi italo-americani a riscoprire le proprie radici nei comuni di origine. I turisti americani poi sono quelli che più apprezzano la Puglia anche fuori stagione. D’altronde è stata proprio Danielle Pergament del New York Times a scrivere tempo fa un articolo sulla Puglia che “è più bella da vivere proprio di inverno”. E adesso arrivano importanti riconoscimenti di testate americane che ci fanno capire che è il momento giusto per promuovere la Puglia negli Usa!”.

In fiera a New York la Puglia si presenta come “Travel Therapy “ con uno stand di 36mq circa nell’area dei paesi europei. La musica del Canzoniere Grecanico Salentino la rappresenterà con due esibizioni dal vivo all’interno dell’area fieristica il 26 gennaio. Il canzoniere parteciperà con Pugliapromozione anche il 25 gennaio alla cena dell’Associazione newyorchese dei Pugliesi nel Mondo.

“Un riconoscimento importante per la Puglia e per le sue bellezze, che dimostra le potenzialità di un territorio tra i più belli del mondo e che è in grado di attrarre turisti da ogni parte del pianeta”, commenta Anna Rita Tateo, deputata pugliese della Lega.

“La Puglia - prosegue Tateo - non solo è inserita dal New York Times tra le 52 mete da visitare nel 2019, ma precisamente si trova alla 18esima posizione. Il nostro territorio viene posto prima di altri luoghi del mondo più noti e mainstream come New York City, Doha, Los Angeles e Tahiti. Dato che fa capire quanto la Puglia sia osservata con interesse e possa essere un forte richiamo per i turisti che arrivano dall’estero. Una classifica giornalistica che deve inorgoglire i pugliesi e che, purtroppo, si scontra con le misurazioni che certificano come nel corso degli anni ci sia stato un progressivo crollo in termini di qualità della vita, che si attesta su livelli disastrosi. Una delle terre più belle del mondo che, per colpa di scelte politiche scellerate negli ultimi anni, si trova relegata agli ultimi posti del panorama nazionale.”

“L’obiettivo per il futuro - conclude Tateo - dovrà essere sfruttare di più e meglio le potenzialità turistiche attrattive dei nostri territori, per fare in modo che la nostra Puglia possa attrarre visitatori e generare quell’indotto che permetterebbe di potenziare l’economia del nostro territorio”.

martedì 8 gennaio 2019

San Valentino in Slovenia

Non sai ancora cosa organizzare per il prossimo San Valentino? Ecco qualche spunto per festeggiarlo in Slovenia, il cuore verde d’Europa!

VISTA LAGO: BLED - A solo un’ora e mezza d’auto da Trieste si trova il lago di Bled, uno dei luoghi più romantici al mondo, un vero e proprio paradiso dove cigni e imbarcazioni tradizionali in legno scivolano sulla superficie dell’acqua verso il famoso isolotto, un paesaggio incantevole in ogni stagione dell’anno. Il sentiero di 6 km intorno al lago invita a piacevoli passeggiate, con soste ristoratrici sulle panchine dal profumo antico distribuite lungo tutto il percorso, ma il must è farsi accompagnare in barca a remi fino all’isola: qui si erge la chiesa di Santa Maria Assunta, ricca di antichi affreschi incantevoli. Vi si accede da una scalinata di 99 passi, che val la pena scalare per godere del panorama e suonare la “campana dei desideri”, legata a un’antica leggenda. Non ultimo, il castello di Bled, la cui vista è difficile da dimenticare dal momento che questo maestoso castello, con la sua architettura fiabesca, domina dall’alto della scogliera il romantico lago.

Info: https://www.sava-hotels-resorts.com/it/sava-hotels-bled/sistemazioni/rikli-balance-hotel

ALLE TERME: OLIMIA - Se cercate una proposta veramente romantica, il pacchetto proposto da Terme Olimia è quello che fa per voi. Nel periodo tra il 14 ed il 17 febbraio 2019, presso il lussuoso e pluripremiato Wellness Orhidelia, si potranno vivere esperienze speciali, create ad hoc per l’occasione: dal concerto a tema allo spettacolo di una coppia di ballerini, dalla musica da ballo con animazione presso il ristorante Lipa alle piccole sorprese dedicate agli ospiti, dalla possibilità di un giro in carrozza alla camminata di San Valentino con le fiaccole.

Nei dintorni, da non perdere il caratteristico villaggio di Olimje, con il Monastero dei Minoriti che comprende la Chiesa di Santa Maria Assunta e la più antica farmacia in Slovenia, un’erboristeria con té, tinture e pomate prodotti grazie al loro orto di erbe medicinali, la boutique del cioccolato di produzione artigianale e Jelenov Greben, un ristorante con fattoria che ospita oltre 100 daini, cervi e mufloni, ai quali è possibile dare da mangiare.

Info: www.terme-olimia.com

AL CASTELLO: GRAD OTOČEC - Incastonato come una pietra preziosa su un isolotto artificiale in mezzo al fiume Krka, l’Hotel Grad Otočec è uno degli alberghi più affascinanti di tutta la Slovenia. Membro della prestigiosa associazione di hotel e ristoranti Relais & Châteaux, è l’unico castello della Slovenia in riva all’acqua, con i suoi cinquanta cigni reali bianchi, arrivati qui il secolo scorso. La struttura affonda le proprie radici nel medioevo ma presenta oggi degli interni dall’allure rinascimentale e dal design contemporaneo, così che gli ospiti possano assaporare la magia di un soggiorno ricco di fascino e suggestione con tutte le comodità della vita moderna. L’eccellente cucina del ristorante del castello, inoltre, è il frutto di una grande passione e di un’instancabile ricerca di materie prime che garantiscono la genuinità di ogni ingrediente. L’indimenticabile esperienza è completata dal bellissimo parco e dal campo da golf, oltre che dalle piscine termali delle vicine Terme Šmarješke Toplice e Terme Dolenjske Toplice.

Info: https://www.grad-otocec.com/it/it/home/

giovedì 3 gennaio 2019

Matera 2019 tra luci e ombre

MATERA - Parte il conto alla rovescia che separa Matera dal 19 gennaio - quando, alla presenza del Presidente della Repubblica Mattarella, prenderà ufficialmente il via il suo 2019 da Capitale europea della Cultura - procede con alcune certezze, non tutte positive.

Tuttavia l'immagine delle 'luci ed ombre' questa volta si adatta perfettamente alla realtà della Città dei Sassi che arriva al suo più prestigioso appuntamento con diversi ritardi, soprattutto di tipo infrastrutturale. E così Matera - che nel 1993 esordì con successo a livello planetario vedendosi riconosciuti dall'Unesco i Sassi e l'habitat rupestre come Patrimonio dell'Umanità e che negli ultimi anni ha vissuto un vero "boom" di turisti - si affida oggi per 'sfondare' proprio ai suoi due antichi rioni, e a un programma di manifestazioni con centinaia di appuntamenti che vuole richiamare ogni fascia di pubblico.

Sono stati sinora circa cinquemila i "passaporti" venduti: al costo di 19 euro (12 per i lucani) per assistere a tutte le manifestazioni pensate dalla Fondazione Matera-Basilicata 2019 e che si svilupperanno lungo tutto l'anno. Che si concluderà con un'altra iniziativa che ha molto di accattivante: chiunque arriverà a Matera è pregato di farlo portando un oggetto (persino il classico orsacchiotto di peluche va bene) da lasciare in città, come ricordo della sua visita. Tutti i doni saranno raccolti in una mostra che - hanno annunciato il presidente e il direttore della Fondazione, Salvatore Adduce e Paolo Veri - "si prolungherà nel 2020".