La laguna blu dell'Umbria

martedì 14 agosto 2018

La laguna blu dell'Umbria

NARNI (TERNI) - Sono 'Le Mole di Narni' la 'laguna blu' dell'Umbria: site a ridosso delle gole del fiume Nera, non distante dal ponte di Augusto raggiungibile con una pedalata di cinque chilometri, che tanti turisti stanno attirando in questa estate 2018. Geograficamente siamo nell'Umbria meridionale, zona Stifone, lungo la strada che porta verso Orte.

E a prendere d'assalto questo piccolo paradiso terrestre, con acqua cristallina e vegetazione rigogliosa, "sono soprattutto romani e turisti, anche stranieri, che hanno scelto le nostre terre per trascorrere le proprie vacanze e quando arrivano qui rimangono incantati, al punto che spesso ritornano pure nei giorni successivi", racconta Agnese Moscatelli che qui ha messo su un piccolo chiosco dove vende bibite e qualche panino alle decine di persone che affollano quotidianamente l'area.

Spiega che qui "l'acqua è pulitissima essendo di sorgente", ma c'è comunque il divieto di fare il bagno per la vicinanza con la centrale idroelettrica di Recentino che "ogni tanto scarica l'acqua in eccesso ricevuta dal Nera e questo provoca un'onda nella laguna a quel punto pericolosa per i bagnanti". 

"All'ingresso del solarium abbiamo affisso dei cartelli in cui si segnala il pericolo e quindi occorre fare molta attenzione", tiene a evidenziare il sindaco di Narni, Francesco De Rebotti. Che spiega come l'amministrazione comunale voglia ancor più migliorare questo lembo di terra "così da renderlo ancora più attrattivo e fruibile per tutti gli amanti della natura, del trekking e della bicicletta".

"Il solarium che abbiamo di recente realizzato a ridosso de Le Mole - aggiunge il sindaco - sta riscuotendo molto successo ed è anche molto apprezzata la pista ciclabile che corre tra le gole del Nera. L'intenzione è di incrementare i servizi in questa area con attività di ristorazione e anche legati agli sport acquatici. Dobbiamo far sì che questo luogo possa essere utilizzato dai visitatori con tutti i comfort del caso e nella massima sicurezza".

Intanto chi lo ha già scoperto, come Silvia ed Emilio, una giovane coppia di Roma, ne è rimasto affascinato. "E' un posto davvero magico - dicono - che abbiamo trovato per caso su internet, arrivando qui non sembra neppure di stare in Italia, ci torneremo di sicuro". Se la bellezza del luogo è indiscutibile, lo è anche anche la sensazione che regala l'acqua a chi non resiste di tuffarsi. "E' fredda, molto fredda, ma fantastica, non farsi il bagno qui è impossibile": parola di Alessio che, assieme a moglie e figlie, è partito da Civitavecchia per trascorrere un'intera giornata nella laguna blu dell'Umbria.

martedì 7 agosto 2018

Vacanze alle porte: i rimedi naturali per partire in piena serenità

MILANO – Milioni di italiani si preparano a chiudere con il lavoro per pensare alle tanto meritate vacanze. Basta con email, riunioni e appuntamenti: è arrivato il momento di rilassarsi e dedicarsi alla tranquillità. Senza però dimenticarsi di alcuni semplici accorgimenti per partire tranquilli e armati di tutti i prodotti e informazioni utili per assicurare il proprio benessere, sia fisico che mentale, durante le ferie. Per stilare il vademecum del perfetto kit medico da portare in vacanza MioDottore – piattaforma leader in Italia e nel mondo specializzata nella prenotazione online di visite mediche e parte del gruppo DocPlanner – ha coinvolto uno dei suoi esperti, il dottor Marcello Montorsi, omeopata ed ematologo di Modena, che ha fornito indicazioni puntuali su come prepararsi alla partenza.

La prima regola: gradualità e buonumore

Il dottor Montorsi conferma che la varietà dei disturbi che possono insorgere durante le vacanze è molto ampia: „Molto dipende dai luoghi ove ci si reca, che possono essere più o meno favorevoli alla nostra costituzione e quindi facilitare processi di salute o malattia a seconda delle situazioni. Nella maggior parte dei casi ci si confronta con una variazione dell’alimentazione, si trascorre più tempo all'aria aperta e a contatto con gli elementi naturali. Tutto ciò è potenzialmente positivo, ma può diventare causa accidentale di malattia se l’organismo viene sottoposto a cambi di abitudini repentini.” Fondamentale, quindi, affrontare il cambiamento in maniera graduale, abituarsi – in maniera progressiva – al nuovo habitat e saper ascoltare sempre le risposte che il corpo dà senza forzarle. Oltre a questo, anche l’approccio mentale è cruciale. „Un mito da sfatare è la possibilità che quindici giorni di vacanza possano far recuperare un anno di affaticamento nervoso o fisico. Lo stato d'animo con cui si affronta la vita è il fattore decisivo per la nostra salute, non lasciamo che un periodo di pioggia o un volo cancellato mettano a repentaglio l’equilibrio interiore e quindi la propria salute„ aggiunge lo specialista di MioDottore. Ne deriva l’importanza di vivere ogni cambiamento come un’opportunità, di essere ben consci dei propri limiti e non spingersi mai troppo oltre, in quanto questo potrebbe causare stati di indebolimento fisico e mentale che potrebbero esporre il fisico a conseguenti malanni. „La migliore garanzia di trascorrere la vacanza in salute è la consapevolezza di sè. Questo è ciò che ci compete. Sugli imprevisti della vita non abbiamo alcun potere, ma possiamo adattarci al meglio se impariamo ad accettarli come «parte del gioco»” conclude l’omeopata.

I 10 rimedi naturali da avere sempre con sè durante il viaggio

Durante una vacanza i sintomi e i malanni che si possono contrarre sono i più disparati ma MioDottore, con il supporto del dottor Montorsi, ha stilato una lista di 10 must-have naturali per affrontare tutte – o quasi – le situazioni più comuni che potrebbero insorgere e partire in serenità.

1.      In primis ciò che non deve mancare è una buona dose di buon umore e spirito di adattamento;
2.      Una lista di contatti per sapere cosa fare in caso di problemi di salute: numeri di telefono utili, luoghi di primo intervento, etc.;
3.      Un kit di primo soccorso per piccole ferite, ustioni e altre patologie banali, contenente disinfettante, cerotti, garze, etc.;
4.      Propoli tintura madre (soluzione idroalcolica) di buona qualità. La propoli ha una vasta gamma di applicazioni per il suo potere disinfiammante e antibiotico, tanto a livello generale che locale;
5.      Una crema a base di arnica montana, ideale per i traumi contusivi e distorsivi;
6.      Calendula tintura madre, da usare pura su piccole ferite o diluita opportunamente come lenitivo per lesioni cutanee, ustioni lievi, punture di insetti;
7.      Argilla verde ventilata per uso esterno ed interno. L'argilla, per le sue proprietà, risulta utile tanto in disturbi gastrointestinali quanto, come cataplasma, su esiti di traumi chiusi o per controllare la febbre;
8.      Un buon probiotico, da utilizzare per infezioni intestinali come diarrea del viaggiatore o altre forme enteriche, da solo o in associazione con altre opportune terapie;
9.      Un preparato che regoli l'equilibrio sonno-veglia che, in caso di lunghi viaggi, può aiutare a trascorrere serenamente la vacanza. „Più che la melatonina sono utili precursori della sintesi di serotonina e quindi di melatonina, che da questa deriva. In particolare, suggerisco integratori a base di lattoalbumina che possono assicurare risultati molto interessanti,” aggiunge l’esperto.
10.   Un "kit personalizzato” per chi sta già seguendo una terapia omeopatica. È importante ricordare però che non tutte le persone sono uguali, per cui potrebbe non essere utile proporre a tutti le proprie soluzioni.

In caso si dovessero, invece, manifestare sintomi seri o che perdurano nel tempo è sempre importante affidarsi con tempismo a uno specialista, affinchè la situazione non si aggravi. In vacanza il cellulare o gli altri supporti tecnologici possono essere molto utili. Con MioDottore è possibile trovare uno specialista o prenotare una visita con un esperto con la massima semplicità e non farsi cogliere impreparati. Con la ricerca geolocalizzata, la trasparenza di recensioni e prezzi, nonchè la visibilità immediata dell’agenda del medico, è possibile raggiungere in pochi click uno specialista ovunque ci si trovi in Italia, accorciando notevolmente le tempistiche di ricerca e prenotazione. In casi si fosse all’estero, altrettanto rapidamente si possono ottenere anche risposte a quesiti e dubbi utilizzando la sezione Chiedi al dottore presente all’interno del sito, dove rivolgere le proprie domande agli esperti della piattaforma ricevendo un riscontro professionale entro un massimo di 48 ore.

venerdì 3 agosto 2018

Matrimoni da sogno: i super vip amano la Puglia

ROMA - Il turismo dei matrimoni è un business da 1 milione di presenze straniere e più di 440 milioni di euro. In dieci anni il giro d’affari potrebbe decuplicare e raggiungere 3 miliardi di euro, se solo fosse più coordinato e – soprattutto al Sud – ci fosse un’ottimizzazione delle infrastrutture.

L’Italia è tra le mete preferite al mondo, un primato conteso solo dal Portogallo, dalla Francia e dalla Spagna, come ha scritto recentemente il Los Angeles Times. Saldamente in testa nelle mete più ambite del Belpaese c’è la Toscana, che rimane la regione più ambita per celebrare le nozze con il 31.9% delle preferenze, seguita dalla Lombardia al 16%, dalla Campania al 14.7%, dal Veneto al 7.9% e dal Lazio al 7.1%.

Ma i super vip amano soprattutto il Sud, in particolare la Puglia, la Sicilia e la Calabria, sia per i loro paesaggi mozzafiato che per le location da “urlo”. A riprova di ciò, alcuni dei matrimoni vip più sfarzosi si sono tenuti proprio in Puglia, come quello da 25 milioni di dollari di Renee Sutton, figlia del ricchissimo Jeff Sutton, o quello da 10 milioni di euro della figlia del magnate indiano dell’acciaio Pramod Agarwal, nel 2014.

Il profilo di chi vuole sposarsi in Italia è medio-alto e non bada a spese, con una cifra media di circa 54.000 euro per cerimonia, come certifica il rapporto Destination Wedding in Italia, stilato del Centro studi turistici di Firenze (CST). Lo stesso rapporto indica anche le principali nazionalità di chi convola a nozze in Italia, con una netta prevalenza degli inglesi al 27.6%. Gli altri due gradini del podio sono occupati da altri Paesi anglosassoni come USA al 21.2% e Australia all’8.9%, mentre a seguire ci sono Germania al 5.3% e Canada al 4.5%.

Ma, grazie a una ricerca dell’agenzia di comunicazione Klaus Davi and company, andiamo a scoprire nel dettaglio le location italiane più ambite dai turisti che desiderano sposarsi in Italia. Ecco, secondo lo studio fra oltre 100 top spender realizzato dalla Klaus Davi & Co., la top ten delle mete preferite e quest’anno il business toccherà i 700 milioni di euro:

1) BORGO EGNAZIA a Savelletri di Fasano, in Puglia: il meraviglioso resort tra la Valle d’Itria e il Mar Adriatico, tra i più suggestivi al mondo, ha ospitato negli ultimi anni vari VIP internazionali come Madonna. Borgo Egnazia si piazza al primo posto con il 19% delle preferenze degli intervistati.

2) CAPOFARO LOCANDA & MALVASIA a Malfa, in Sicilia (16% delle scelte): il resort sull'isola di Salina, di proprietà di Tasca d'Almerita (celebre casa vinicola), garantisce il fascino di soggiornare in un faro a picco sul mare, mangiando in un ristorante stellato e degustando vini d'eccellenza.

3) PALAZZO DEL CAPO a Bonifati, in Calabria (14% dei voti): per chi desiderasse una location più riservata, l’hotel Palazzo del Capo nel borgo marinaro di Cittadella del Capo (nei pressi di Cosenza), può rivelarsi la scelta perfetta. La secolare residenza della Famiglia dei Duchi De Aloe, sospesa tra il mare azzurro e il verde delle montagne che lo circondano, è stata aperta al pubblico nel 1991, e da allora ha garantito un matrimonio da sogno a chiunque abbia scelto la costa tirrenica per convolare a nozze.

4) VILLA CRESPI a Orta San Giulio, in Piemonte (12%): il fascino delle fiabe sul Lago d'Orta, combinato alla cucina creativa firmata dal famoso chef Antonino Cannavacciuolo. Villa Crespi è la prima località del Nord presente in classifica.

5) LA POSTA VECCHIA a Palo Laziale, nel Lazio (10%): la posizione a picco sul mare, nonché l’allure aristocratica e il sorgere sui resti di un'antica villa romana, rendono questo luogo una meta ambitissima. Fu il ritiro della famiglia Orsini e venne acquistata nel 1960 dal magnate americano Jean Paul Getty. L’hotel a 5 stelle è stato inserito da The Leading Hotels of the World nella classifica delle migliori 40 strutture al mondo.

6) ABBAZIA DELLA CERVARA a San Girolamo al Monte di Portofino, in Liguria (8%): a picco sul Golfo del Tigullio, la Cervara è un'antica abbazia – oggi presidio del FAI – con degli scorci di paesaggio unici. Quello che un tempo fu l’orto dei monaci, oggi è il solo Giardino all’Italiana rinascimentale che si affaccia sul mare ligure.

7) GRAND HOTEL EXCELSIOR VITTORIA a Sorrento, in Campania (6%): il fascino del turismo storico d’élite, che trova espressione da quasi due secoli nelle suite la "Vittoria", la "Rivale" e la "Favorita", riservate al turismo di lusso sulla costiera.

8) WINE RESORT VENISSA sull'isola veneziana di Mazzorbo, in Veneto (5%): per un soggiorno gourmet tra le vigne e la laguna di Venezia, ristorante stellato incluso. All’interno della vigna murata – dove la famiglia Bisol ha riportato alla luce l’antico vitigno autoctono Dorona di Venezia – è possibile ritrovare uno stretto contatto con i pescatori e le merlettaie del luogo.

9) CASTELLO DI VELONA RESORT a Castelnuovo dell'Abate, in Toscana (4%): a pochi chilometri da Montalcino, circondato dai filari della val d’Orcia, questo splendido resort consente di concedersi un weekend perfetto per un’evasione di coppia. Una sinfonia di frutta, conserve e diverse prelibatezze del luogo, rigorosamente prodotte in loco. Impossibile non sperimentare uno dei numerosi trattamenti della spa interna dedicati alla coppia.

10) DONNA CARMELA & RADICEPURA a Giarre, in Sicilia: incastonate nella terra di Sicilia, tra l’Etna e il Mar Ionio, sorgono queste due location esclusive dai particolari ricercati e dal design. Con il 3% delle preferenze, questi due gioielli siciliani registrano il decimo posto tra le mete più ambite dai futuri sposi internazionali.

mercoledì 1 agosto 2018

Momondo: dieci destinazioni perfette per sperimentare un’esperienza di camping unica

MILANO - Sdoganata l’idea che il campeggio sia unicamente sinonimo di poco comfort e imponga uno spiccato senso di adattamento, questo modo di viaggiare particolarmente “autentico” sta conquistando persone in tutto il pianeta: basti pensare che un quinto dei viaggiatori a livello globale nel 2018 sceglierà il camping. Per ispirare quanti sono alla ricerca di suggerimenti per organizzare il prossimo viaggio, la piattaforma digitale per la ricerca di voli e hotel momondo.it ha individuato dieci mete dove vivere un’esperienza unica e originale.

I dati dell’International Travel Survey 2018 di momondo mostrano che - con il 13% di preferenze - la vacanza in campeggio occupa il decimo posto della classifica delle tipologie di viaggio più apprezzate dagli italiani. La media nazionale si attesta al di sotto di quella mondiale (20%), mentre con il 38% e il 5% californiani e finlandesi sono rispettivamente i più e i meno entusiasti quando si parla di camping. Nel Bel Paese sono i viaggiatori tra i 23 e i 35 anni a optare maggiormente per questa esperienza, sebbene questa sia facilmente adattabile a seconda dei singoli gusti ed esigenze. Scegliendo questa tipologia di viaggio si è a diretto contatto con la natura, si può decidere senza vincoli  e ci si può dimenticare degli orari. Per questo il motore di ricerca viaggi momondo ha selezionato dieci località imperdibili per il glamping, in grado di soddisfare le aspettative sia degli amanti della natura incontaminata sia delle città d’arte, del comfort e del lusso.

In kayak ammirando la natura di Mazury, in Polonia

I viaggiatori alla ricerca di un’esperienza molto personale e quasi solitaria potranno trovare in Mazury la destinazione ideale. Rinomata per essere il “polmone verde della Polonia”, questa rigogliosa e incontaminata regione è popolata da migliaia di borghetti caratteristici e ospita svariati luoghi attrezzati per il campeggio. Il villaggio di Tumiany, ad esempio, è una pacifica località rivolta agli amanti della natura che vanta diverse strutture: tra una passeggiata nelle fitte foreste per avvistare la fauna locale o raccogliere funghi è d’obbligo un salto nelle vicine città di Giżycko ed Ełk per ammirare uno specchio d’acqua più vasto e scegliere tra un discreto assortimento di sport nautici.

Prezzo per un volo a/r per Varsavia nel 2018 a partire da: 106 €. Miglior periodo per prenotare: 60 giorni prima della partenza.

A caccia di troll a Fannefjorden, Norvegia

La Norvegia è la meta ideale per ritrovare la connessione primordiale con Madre Natura in uno scenario mozzafiato praticando la vita all’aria aperta. Vicino a Molde, cittadina che si affaccia sulla costa ovest, è possibile trovare siti per il camping perfettamente attrezzati per ricevere al meglio i visitatori in qualsiasi periodo dell’anno, dotati di elettricità, Wi-Fi, toilette e perfino un bar. In questo angolo di Scandinavia c'è l'imbarazzo della scelta per vivere esperienze uniche: visitare il pittoresco villaggio di pescatori Bud o l’isola Veoya, percorrere la tortuosa strada di montagna Trollstigen - ovvero il “sentiero dei troll” - e montare in sella contemplando le verdi colline che circondano il paesaggio sono solo alcuni esempi.

Prezzo per un volo a/r per Molde nel 2018 a partire da: 674 €. Miglior periodo per prenotare: 60 giorni prima della partenza.

Cavalcando le onde dell’oceano Atlantico a Vila Nova de Milfontes, Portogallo

Il clima mediterraneo e il tepore del mare rendono Vila Nova de Milfontes, nel sud-ovest del Portogallo, uno dei luoghi migliori per chi vuole conciliare il campeggio con il surf. Non solo: a deliziare i viaggiatori ci penseranno le spiagge intatte, il dolce cullare dei flutti, la fioritura di rigogliosi giardini e prospere vigne. Inoltre, presso i diversi camp di surf che popolano la costa è possibile intraprendere veri e propri corsi per imparare a cavalcare le onde. Gli sportivi a tutto tondo possono far rotta sul fiume Mira per dedicarsi al kayak, fare trekking battendo uno dei tanti percorsi segnalati o pedalare fino ad Almograve, uno degli arenili più incantevoli della zona.

Prezzo per un volo a/r per Faro nel 2018 a partire da: 249 €. Miglior periodo per prenotare: 60 giorni prima della partenza.

In Baviera in compagnia degli amici a quattro zampe

Nei pressi di Füssen, nella splendida cornice delle Alpi Bavaresi, si trovano diversi siti per il camping attrezzati per ospitare i viaggiatori accompagnati dai propri amici a quattro zampe, senza rinunciare ai comfort. La zona del lago Hopfensee, uno dei più temperati della zona, è la scelta ideale per chi desidera concedersi un po’ di relax, beneficiando delle saune e dei bagni turchi circostanti, ma che non rinuncia a una parentesi culturale e alle visite delle attrazioni locali, potendo scegliere tra i numerosi castelli e palazzi che popolano i borghi vicini, come Linderhof o Schwangau.

Prezzo per un volo a/r per Monaco di Baviera nel 2018 a partire da: 214 €. Miglior periodo per prenotare: 60 giorni prima della partenza.

Glamping e relax vista mare a Blåvand, in Danimarca

Blåvand rappresenta un vero gioiello che impreziosisce la costa danese: la location ad hoc per chi sogna di vivere il campeggio a due passi dalla spiaggia immacolata che si affaccia sul mare del Nord. Che si scelga di dormire in una tenda sotto la volta stellata oppure optare per il più modaiolo e confortevole glamping, dormendo in un'alcova dei deliziosi cottage privati della zona, a Blåvand è difficile non rimanere estasiati dall’acqua calma e poco profonda del mare e dalla distesa di sabbia eburnea che custodisce pietre d’ambra celate tra i granelli. Completano il quadro un acqua park, un centro benessere e uno spazio destinato ai più piccoli votati all’intrattenimento formato famiglia. E se anche il volo è un pò dispendioso quale migliore opzione per risparmiare ed essere in pieno contatto con la natura se non in tenda?

Prezzo per un volo a/r per Billund nel 2018 a partire da: 115 €. Miglior periodo per prenotare: 55 giorni prima della partenza.

In mezzo al verde della foresta di Versailles

La promessa dei siti di camping che si trovano nei pressi di Versailles è quella di un ritorno alla natura senza rinunciare al comfort, potendo scegliere il proprio alloggio secondo le proprie preferenze tra una tenda, un bungalow o un camper. I magnifici giardini della reggia reale sono facilmente accessibili e i frequenti collegamenti in treno consentono di raggiungere Parigi per una fuga metropolitana. Caratterizzano la zona perle storiche e architettoniche di rara bellezza: dalla dimora estiva di Maria Antonietta, al castello di napoleonica appartenenza e il Museo Nazionale di Archeologia insediato in un castello medioevale. Non mancano, poi, parchi meravigliosi per concedersi una pausa verdeggiante dalla visita alle ricche gallerie e chiese che popolano la zona.

Prezzo per un volo a/r per Parigi nel 2018 a partire da: 126 €. Miglior periodo per prenotare: 60 giorni prima della partenza.

Paesaggi incontaminati esplorando il Skuleskogen in Svezia

La legge svedese “allemansrätten” consente di esercitare il diritto al libero accesso agli spazi pubblici e, quindi, anche di campeggiare in territori che non siano di proprietà privata. Il consiglio per i viaggiatori è di imboccare le strade meno transitate e dirigersi alla baia di Kälsviken nel parco nazionale Skuleskogen, vicino alla costa Höga: i visitatori troveranno ad attenderli camping essenziali e senza fronzoli, che offrono acqua, bagni e la possibilità di accendere piccolo falò. Ideale per ingannare le afose giornate estive, questo paradiso ancestrale è perfetto scoprire sassi risalenti all’Età del Bronzo e immergersi in foreste centenarie. Per aggiungere un pizzico di adrenalina, è possibile organizzare tour in kayak nel mar Baltico e godere di un panorama insolito della regione.

Prezzo per un volo a/r per Umeå nel 2018 a partire da: 290 €. Miglior periodo per prenotare: 60 giorni prima della partenza.

In Romania il campeggio è a tinte noir... per tutta la famiglia

Per un’esperienza all’insegna della storia e della mitologia è imperdibile un viaggio nella regione di Bran, in Romania, dove nacque la leggenda sul castello trecentesco del vampiro più celebre della letteratura ed è possibile mettersi sulle tracce di altri luoghi da brivido. Inoltre, ai piedi del castello è possibile trovare camping a tema, luoghi adatti a tutta la famiglia dove è possibile alloggiare in bungalow e tende. Fortezze e altri palazzi in stile gotico troneggiano sull’intero territorio, ma la natura non manca e si manifesta con altre attrazioni: da non perdere la vista dal picco Omu dei monti Bucegi, la caverna Peștera Liliecilor e il santuario Libearty Bear.

Prezzo per un volo a/r per Bucarest nel 2018 a partire da: 162 €. Miglior periodo per prenotare: 60 giorni prima della partenza.

Sperduti nelle isole dell’arcipelago finlandese

L’arcipelago finlandese dispone di diverse aree adibite al campeggio e offre numerose attività quali kayak e trekking. Composto da oltre ventimila isole, è senza dubbio un luogo incantato: ospita, infatti, un vastissimo parco nazionale e il più alto dei Paesi nordici, che si erge in una magica area naturale visitabile prenotando una crociera. I più prudenti potranno anche partecipare a un corso di sopravvivenza per affrontare in maniera totalmente sicura l’escursione prima della partenza. Luogo d’interesse indiscusso per gli amanti della letteratura sono invece le isole Pellinge, fonte di ispirazione per la più affermata autrice finlandese di libri per l’infanzia.

Prezzo per un volo a/r per Helsinki nel 2018 a partire da: 220 €. Miglior periodo per prenotare: 60 giorni prima della partenza.

Un tuffo nel passato e nel mare color cobalto della Sardegna

Sant’Antioco è una gemma incastonata nella pittoresca Sardegna, ad ora una terra incolume dal turismo di massa rispetto alle altre zone dell’isola. A breve distanza, in direzione sud-ovest, sorge poi Tonnara, un angolo nascosto con una spiaggia privata e scogli accessibili per un bagno di sole. Qui è possibile accamparsi in uno dei 150 spiazzi a disposizione e apprezzare la visione magnetizzante del mare blu. Tra un tuffo e l’altro, ci si può lasciar ammaliare dalla ricca storia dell’isola che annovera il passaggio di Fenici, Romani e francesi: tra i luoghi memorabili da esplorare si annoverano il forte sabaudo, il Villaggio Ipogeo e le catacombe site sul retro della Basilica.

Prezzo per un volo a/r per Cagliari nel 2018 a partire da: 255 €. Miglior periodo per prenotare: 60 giorni prima della partenza.

“Essenziale o ricca di comfort, l'esperienza in campeggio rappresenta una modalità di viaggio "autentica", che consente ai viaggiatori di avvicinarsi alle persone e alle tradizioni locali con maggiore semplicità, in perfetto accordo con la filosofia di momondo, che invita i viaggiatori a scoprire nuovi posti a diretto contatto con la natura e la gente del posto” commenta Clizia L’Abbate, Head of Regional Strategy, South East EU di momondo. "Per ispirare e supportare nella pianificazione del viaggio sia gli esperti delle escursioni in tenda sia i campeggiatori alle prime armi in cerca della vacanza su misura, momondo è da sempre impegnata a fornire utili consigli con il supporto di veri esperti di viaggio e a sviluppare comodi strumenti e funzionalità. Ad esempio, Trip Finder consente di trovare proposte per il prossimo viaggio semplicemente indicando il tipo di vacanza preferito, il budget disponibile, il mese e il continente da visitare prescelto.”

mercoledì 25 luglio 2018

Fai, Luoghi del cuore: primo Fiume Oreto ma votazione prosegue

ROMA - Da due mesi l'Italia sta votando i Luoghi del cuore da salvare nella nona edizione del censimento nazionale promosso dal Fondo Ambiente Italiano in collaborazione con Intesa San Paolo. C'è tempo fino al 30 novembre, ma la pioggia di voti, quasi 300 mila per più di 20 mila luoghi, testimonia già l'affetto e l'urgenza di offrire un futuro ai beni che si amano.

A oggi, il primo Luogo del cuore della classifica provvisoria 2018 è il Fiume Oreto a Palermo: 19 km di corso d'acqua, che dalla Conca d'Oro corre a tuffarsi nel Tirreno. Nei secoli testimone dell'assalto di Asdrubale e cartaginesi, oggi giace in stato di abbandono, mentre potrebbe essere rivalutato come bene paesaggistico e culturale. Secondo classificato è il Bosco ai Prati di Caprara, un tempo area per esercitazioni e parate militari (tra cui, quella del 1805 per la visita di Napoleone Bonaparte e del 1861 per la proclamazione del Regno d'Italia), ora polmone verde nel tessuto urbano di Bologna. Terzo, il Castello Aragonese a Taranto, voluto da Ferdinando II alla fine del '400 per difendersi dagli attacchi dei Saraceni, già aperto al pubblico ma che i cittadini vorrebbero valorizzare maggiormente.

Dopo otto edizioni e 92 interventi promossi dal 2003, quest'anno sono poi già 160 i comitati registrati sul sito www.iluoghidelcuore.it, molti dei quali nati prima dell'inizio del censimento. Obbiettivo, non è solo la classifica dei Luoghi del cuore (ai primi tre vanno rispettivamente 50, 40 e 30mila euro), ma soprattutto, sottolineano al Fai, la visibilità che si può ottenere così da avviare nuove collaborazioni e attirare contributi preziosi (i luoghi con almeno 2 mila voti potranno aspirare anche a successivi aiuti Fai-Intesa San Paolo fino a 30 mila euro).

E allora ecco che la Top Ten provvisoria vede la Puglia regione più attiva, in particolare la provincia di Taranto, seguita da Sicilia, Lombardia ed Emilia Romagna. A un soffio dal podio, il Trabocco Turchino a Marina di San Vito (CH) al quarto posto e poi la Chiesa di San Francesco a Pisa, l'Antico Stabilimento termale di Porretta Terme (BO), la Basilica di Santa Giulia a Bonate Sotto (BG), il Santuario della Madonna della Scala a Massafra (TA), il Borgo di Rasiglia a Foligno (PG), l'Abbazia di San Michele Arcangelo a Lamoli di Borgo Pace (PU). Tra i più votati, tanti i luoghi d'acqua, ai quali, per la prima volta è dedicata una classifica speciale in accordo con la campagna FAI #salvalacqua.

Non solo laghi e fiumi, ma anche una macchina da pesca celebrata da D'Annunzio in Abruzzo e opifici storici come le Gualchiere di Remole a Bagno a Ripoli (FI). E poi beni di valore simbolico, oltre che storico e paesaggistico, come il borgo di Castelluccio di Norcia (PG) e la Chiesa di San Salvatore a Campi di Norcia. O luoghi già segnalati, come il Castello di Sammezzano a Reggello (FI), vincitore del censimento 2016, la cui storia è ancora drammaticamente sospesa (tuttora senza proprietario, tornerà all'asta a ottobre). Non mancano i luoghi insoliti, come il Sentiero delle Ripe a Muro Lucano, scavato nella roccia nel IX secolo per portare l'acqua al borgo. O il Parco Sommerso di Gaiola nel Golfo di Napoli che, sopra e sotto il blu del mare, custodisce ville romane, cave di tufo, ninfei e peschiere. E c'è persino un cimitero, l'Addolorata a Forno di Zoldo (BL), vero e proprio archivio della memoria storica e spirituale della sua piccola comunità.

martedì 17 luglio 2018

Serbia: estate tra rafting, musica e folklore

BELGRADO - La Serbia con ben 5 parchi nazionali, più di 60 riserve naturali, 15 parchi naturali, 4 riserve montane, 6 corsi d'acqua da navigare, innumerevoli canyon e 280 monumenti naturali, la Serbia è di per sè una grande avventura. Non a caso, il paese nel cuore dei Balcani, dove sorge il canyon più profondo d'Europa alle gole del parco di jerdap, degli etnovillaggi tra il parco nazionale di Tara e del rafting sui fiumi è per la Cnn tra i venti luoghi del mondo ideali per una vacanza nel 2018, grazie alle sue meraviglie naturali.

I turisti in Serbia possono fuggire dallo stress e trovare un'oasi di pace nelle tante località che coniugano la bellezza dei paesaggi alle numerose attività sportive, come il ciclismo, le passeggiate, l'arrampicata, la vela, la pesca e il rafting. Le opportunità sono infinite e davvero per tutti i livelli.

Per gli appassionati del trekking in montagna c'è l'imbarazzo della scelta e le seguenti località meritano una gita anche da parte dei principianti: le colline di Vrac o la montagna di Fruka Gora, le Sabbie di Deliblato (Deliblatska Peara), la montagna di Besna Kobila vicino a Vranje, la montagna di Cer vicino a Sabac o le cime di Maljen con il resort di Divibare vicino a Valjevo. La salita a Rudnik è dolce come quella alla Gola di Ovar-Kablar. Gli scalatori più esperti, invece, possono scegliere tra Stara o Suva Planina, Kopaonik o Golia, Tara e il canyon del fiume Trenjica.

In Serbia ci sono circa 300 guide specializzate e oltre 150 associazioni che possono accompagnare gli appassionati della montagna, sia principianti sia esperti. La strada ciclabile del Danubio (DBR) che attraversa la Serbia e parte del corridoio internazionale della Federazione Europea dei Ciclisti - Eurovelo 6, che collega l'Atlantico al Mar Nero. La buona segnaletica, le mappe dettagliate e la qualità dei servizi offerti rendono la Serbia una destinazione per i cicloturisti paragonabile agli altri Paesi attraversati dal Danubio, quali la Germania e l'Austria.

Per gli amanti del rafting, lo sport è praticabile su tre dei fiumi serbi: la Drina, il Lim e l'Ibar. I percorsi si differenziano per lunghezza, durata e livello di difficoltà. Il fiume Drina è anche il teatro dell'evento più iconico, folle e avventuroso di tutta l'estate serba: la Drinska Regata, una regata per amatori a cui ogni anno accorrono in media 100 mila serbi.

Sulle rive della Drina, per due giorni, basta portarsi una zattera o un gommone per attraversare il fiume in una cascata di canti, trombe e colore. Tutto il territorio intorno alla regata sulla Drina, il distretto di Zlatibor nella Serbia centro-occidentale, celebrerà dal 18 al 22 luglio la 25/a edizione della Drinska Regata: oltre la grande regata sul fiume, quattro giornate di turismo ricreativo e sportivo all'insegna della pesca, ciclismo, rafting, immersioni, tuffi, ma anche musica e la gara di zuppa di pesce. All'insegna dell'avventura è anche il Greenland festival, in programma dal 25 al 29 luglio a Kamena Gora, un villaggio di 210 abitanti sulle Alpi Dinariche al confine con il Montenegro.

Un festival all'insegna di adrenalina su ponti tibetani, arrampicata, scalate, kayak, trekking, orienteering, esplorazioni e speleologia nelle grotte, rafting con un grande tuffo alle cascate di Soptnica. Oltre gli appuntamenti con la natura, come in tutto il mondo, anche in Serbia l'estate è la stagione di festival, musica e cultura, in sospeso tra il contemporaneo e la tradizione. Dopo l'appuntamento con l'EXIT a Novi Sad, Capitale della Cultura Europea 2021 e capoluogo della Vojvodina, appena concluso, dal 9 al 12 agosto il festival delle trombe fa della cittadina di Gua la capitale mondiale degli ottoni. Miles Davis, dopo esserci stato, ammise: "Non sapevo che una tromba potesse suonare così".