mercoledì 25 gennaio 2023

Booking: Polignano a Mare è la città più accogliente al mondo


BARI - Polignano a Mare (Bari) è la città più accogliente del mondo secondo gli utenti di Booking. Svelati, infatti, i vincitori dell'undicesima edizione del 'Traveller Review Award' di Booking.com, che premia le strutture ricettive di 220 Paesi e territori per l'impegno profuso nel garantire un servizio e un'ospitalità di eccellenza con costanza nel corso dell'anno.

Quest'anno le destinazioni più accoglienti al mondo, sottolinea una nota, sono distribuite su cinque continenti e comprendono "bellezze costiere poco note, mete rurali immerse in paesaggi naturali mozzafiato". Sono state tutte scelte in base alla percentuale di strutture ricettive partner che hanno ricevuto un Traveller Review Award 2023* e rappresentano "anche per i viaggiatori più esperti una fonte imperdibile di ispirazione per i loro viaggi futuri". E ad primo posto tra le destinazioni che meritano la speciale menzione per l'accoglienza c'è il comune pugliese.

"Polignano a Mare, come città più accogliente del mondo - sostiene il sindaco Vito Carrieri - rappresenta il miglior riconoscimento a cui la comunità che mi onoro di rappresentare potesse ambire dal punto di vista turistico". "Gli utenti di Booking.com hanno premiato le competenze, la passione - prosegue - e i sacrifici profusi quotidianamente dagli operatori e dagli addetti al settore. Mi piace pensare che questa eccellente ospitalità sia anche stata influenzata dall'attitudine all'accoglienza, dalle meraviglie paesaggistiche, dalle tradizioni, dagli eventi culturali e dall'enogastronomia di qualità tipici del nostro territorio". "Sono sicuro - conclude Carrieri - che questo riconoscimento sarà solo un punto di partenza e non di arrivo. Funge da stimolo a migliorare ulteriormente".

martedì 24 gennaio 2023

Msc Crociere: Groenlandia e Islanda in un unico viaggio lungo 3 settimane

GINEVRA - MSC Crociere ha inserito nella programmazione estiva un tour da sogno verso destinazioni rimaste quasi incontaminate in cima al globo terrestre, tra ghiacci, terapeutici silenzi e paesaggi fortemente introspettivi per chi sente la necessità di ritrovare se stesso immergendosi nella natura, alla ricerca del benessere dell’anima. Groenlandia, Islanda, Scozia propongono queste caratteristiche, i giorni di navigazione necessari per raggiungerle in nave sembrano appositamente calcolati per prepararsi e per metabolizzare esperienze a terra dal forte impatto emotivo.

21 notti tra soste  e traversate nei mari del nord con tappe intermedie nel Regno Unito, ad esempio nelle Isole Orcadi, in Scozia, a contorno di una magica e memorabile avventura. Poi la capitale della Danimarca e quella della Germania, Berlino, comodamente raggiungibile da Warnemunde.

Dopo la partenza MSC Poesia punterà la prua verso l'arcipelago indipendente di Orkney, di cui Kirkwall è la capitale che possiede una cattedrale in pietra arenaria, senza dubbio il più bell’edificio medievale nel nord della Scozia. Oggi, la città è divisa in due punti focali principali: il vecchio porto, a nord della città, dove i traghetti per le isole vanno e vengono tutto l’anno, e la strada principale, che cambia il suo nome quattro volte se la si prende in direzione sud, dal porto oltre la cattedrale.

Sempre in territorio scozzzese la tappa successiva, a Stornoway capoluogo delle Ebridi Esterne e situata sull'isola Lewis e Harris. Città marittima all'estremità di una baia ben riparata, la sua importanza di deriva dall'essere uno dei maggiori centri pescherecci della paese, al quale affluiscono, durante la stagione della pesca delle aringhe, numerosi pescatori e operai, impiegati nella salagione e nell'essiccamento del pesce.

Poi l’Islanda. Reykjavík si specchia nella sua baia. Il suo fronte mare è ricco di banchine ricolme di negozi, locali in cui si suona musica dal vivo e caffetterie. Percorrendo viale Frakkastigur fino a Lækjartorg ci si imbatte nella Sólfar, anche detta Sun Voyager, una grande scultura moderna, in acciaio, di Jón Gunnar Árnason, che rappresenta una nave vichinga, con la prua rivolata verso nord.

Lasciata l’islanda ulteriormente mozzafiato sarà il passaggio nello stretto di Prins Christian Sund, caratterizzato da un gruppo di isolette a sud in cui si trova Capo Farvel, all'estremo meridionale della costa, tra Oceano Atlantico ad est e Mare del Labrador ad ovest. Luogo noto per i suoi imponenti ghiacciai, montagne, cascate, iceberg e fiordi. Oltre per l’osservazione della fauna selvatica. Un corso d'acqua semplicemente spettacolare, che si apre solo in estate quando gli enormi blocchi di ghiaccio si sciolgono, questo percorso affascinante merita di essere esplorato, con i suoi paesaggi sorprendenti punteggiati da svettanti montagne innevate, magnifici ghiacciai e scogliere di granito.

Segue l’arrivo nella magica Groenlandia tappa a Nuuk, la capitale più a Nord del mondo raggiungibile solo via mare o via aereo. Porto peschereccio, è il più grande centro commerciale, si trova alla bocca del fiordo Godthåbsfjorden, sulla costa occidentale dell'isola, a circa 240 km a sud del Circolo polare artico e a circa 10 km dalle coste del Mare del Labrador, sulla costa sud-occidentale del Paese. Sulla città incombe la maestosa montagna Sermitsiaq, che può essere vista da ogni angolo della località;

Salutata Nuuk è il momento del grazioso villaggio colorato di Ilulissat, capoluogo del comune di Avannaata, il cui nome significa gli iceberg, proprio in questa zona si staccano immensi blocchi dal ghiacciaio di Icecap, largo 5 km e di spessore sconosciuto, il più grande ghiacciaio del mondo al di fuori dell'Antartide. La maggior parte degli iceberg sostano poi nel fiordo gelato, il Kangia, una delle mete più ambite del turismo groenlandese, Patrimonio dell'umanità dal 2004. 

Chiude l’esperienza groenlandese la suggestiva città di Qaqorto, la più grande città del sud della Groenlandia, oltre 3.000 abitanti, il suo nome significa la bianca, anche se d'estate qui sbocciano innumerevoli fiori selvatici di ogni colore. Si trova a 450 km in linea d'aria da Nuuk (anche se il percorso via terra è molto maggiore); si può raggiungere con traghetti e voli giornalieri, ma anche con il trekking da alcune cittadine limitrofe. In questa città vengono prodotti i mantelli di pelle di foca. Ma Qaqortoq è soprattutto il punto di partenza di escursionisti che si dirigono verso vicine attrazioni turistiche: il lago Tasersuaq, il Cairn di Peter e la principale, Hvalsey, un antico insediamento scandinavo di cui sono rimaste solo rovine: qui, secondo gli annali islandesi (dove è chiamata Flateyjarbók) nel XV secolo vi furono molti roghi di streghe. 

Il viaggio prosegue con il ritorno in territorio islandese, verso la punta nordoccidentale dell’isola si approda a Isafjordur, una piccola città dalle antiche origini, intorno al 1743. Alla periferia di Bolungarvík, la località più settentrionale dei fiordi occidentali, si può invece visitare Ósvör, un tempo villaggio di pescatori ora museo a cielo aperto.

Si chiude, prima del rientro a Copenaghen e Warnemunde con la partenza per Akureyri, con escursione imperdibile al lago Myvatn, passando da Eyjafjördur, da dove si gode di una splendida vista sul porto cittadino.La prima fermata d'obbligo è a Godafoss, qui le acque del Skjálfandafljót formano una cascata alta 12 metri. Secondo la leggenda, nell'anno 999 o 1000, uno dei capi degli islandesi proclamò il Cristianesimo la religione ufficiale dell'Islanda e gettò nelle sue acque gli idoli degli dèi nordici (Odino, Thor e Freyr, cui probabilmente la cascata era precedentemente dedicata) nella cascata.

mercoledì 18 gennaio 2023

Borgo Egnazia, il 9 e il 10 febbraio tornano i Recruiting days

ph Giorgio Baroni
SAVELLETRI DI FASANO (BR) – Dopo il successo dello scorso anno, Borgo Egnazia annuncia nuovamente una doppia data per i Recruiting Days: il 9 e il 10 febbraio si terranno due giornate interamente dedicate alla ricerca di nuove risorse che possano entrare a far parte della famiglia di Borgo Egnazia.

L’annuncio dei Recruiting Days di Borgo Egnazia arriva in concomitanza con la notizia della certificazione Top Employers Italia 2023, conseguita per il quarto anno consecutivo: un’attestazione che conferma la centralità che l’Azienda riconosce ai propri collaboratori. La Certificazione Top Employers rappresenta il riconoscimento ufficiale delle eccellenze aziendali che dimostrano grande attenzione per le persone e un impegno concreto nel contribuire al loro benessere, migliorando l’ambiente e il mondo del lavoro.

Lo scorso anno hanno partecipato ai recruiting days circa 300 persone, e di queste più di 70 hanno iniziato un percorso professionale all’interno dell’azienda. Tra le novità di quest’anno, l’estensione della ricerca anche per altre strutture del Gruppo: Masseria San Domenico, San Domenico Golf, Masseria Cimino, Masseria Le Carrube.

La ricerca è indirizzata sia a profili con esperienza sia a profili che si affacciano per la prima volta nel mondo dell’ospitalità di alta gamma. Le principali posizioni aperte sono per Camerieri di Sala, Chef de Rang, Maitre, Chef, Hostess, Capi Partita di cucina, Addetti alla plonge, Pasticcieri, Commis di Cucina, Camerieri ai Piani, Front Office Agent, Local Adviser, Porter, Addetti alla Logistica, Addetti agli Allestimenti, Sales Assistant Boutique, Event Agent e Stage in vari reparti aziendali. Voglia di mettersi in gioco in un contesto strutturato, dinamico e internazionale, passione per l’hospitality, esperienza commisurata al ruolo e conoscenza della lingua inglese sono le principali caratteristiche ricercate.

Iniziative come queste si iscrivono nel solco dei valori di Borgo Egnazia, realtà da sempre attenta alla valorizzazione delle persone e alla continua ricerca di talenti che, guidati da una passione sincera, sappiano declinare l’innovazione partendo dalla tradizione.

Il Recruiting Day del 9 febbraio si svolgerà interamente su piattaforma digitale, i candidati selezionati riceveranno in via preliminare una comunicazione con i dettagli per partecipare all’evento. Oltre alla possibilità di sostenere una call conoscitiva, i candidati potranno scoprire maggiori dettagli su Borgo Egnazia durante una plenaria virtuale. Il 10 febbraio, invece, Borgo Egnazia aprirà le sue porte per tutti i candidati che vorranno partecipare all’iniziativa. I dettagli per la partecipazione al seguente link: https://bit.ly/RecruitingDays_BE2023

venerdì 6 gennaio 2023

Giro del mondo in 120 giorni: due crociere MSC oggi al via

(Pixabay)

ROMA - Con le ultime partenze salgono ad oltre 13 milioni di italiani che hanno deciso di andare in vacanza durante le festività, di fine ed inizio anno, con un forte aumento del 13% rispetto allo scorso anno. E’ quanto emerge da una indagine Coldiretti/Ixe’ diffusa in occasione del ponte dell’Epifania che circa 5 milioni di italiani hanno scelto di trascorrere fuori casa spinti anche dalle condizioni climatiche favorevoli. Un bilancio molto positivo – sottolinea la Coldiretti – con la grande maggioranza dell’87% degli italiani che ha deciso di rimanere nella Penisola dove si registra peraltro il ritorno degli stranieri con oltre 5 milioni di presenze nel periodo considerato e una decisa inversione di tendenza dopo le difficoltà degli ultimi due anni.

La spesa media degli italiani è di 575 euro per persona in aumento del 28% rispetto allo scorso anno. Oltre 1/3 è destinato alla tavola per consumare pasti in ristoranti, pizzerie, trattorie o agriturismi, ma anche per cibo di strada o specialità enogastronomiche in mercati, feste e sagre di Paese da riportare a casa come souvenir. L’alimentazione – sottolinea la Coldiretti – è diventata la principale voce del budget turistico anche grazie all’immenso valore storico e culturale del patrimonio enogastronomico nazionale che è diffuso su tutto il territorio e dalla cui valorizzazione – precisa la Coldiretti – dipendono molte delle opportunità di sviluppo economico ed occupazionale.

L’Italia può contare sull’agricoltura più green d’Europa di 5450 specialità sono ottenute secondo regole tradizionali protratte nel tempo per almeno 25 anni censite dalle Regioni, 316 specialità Dop/Igp riconosciute a livello comunitario e 415 vini Doc/Docg, la leadership nel biologico con circa 86mila aziende agricole biologiche, 25mila agriturismi che conservano da generazioni i segreti della cucina contadina, 10mila agricoltori in vendita diretta con Campagna Amica e le numerose iniziative di valorizzazione, dalle sagre alle strade del vino.

Sul podio delle destinazioni – continua la Coldiretti – salgono le città e le località d’arte con il 54%, anche per la mancanza di neve nelle aree collinari, seguite dalla montagna con il 23% mentre il resto si è diviso tra campagna, mare e terme con la riscoperta del turismo di prossimità.

Il 57% ha scelto di alloggiare in case proprie o di parenti e amici mentre il 34% preferisce l’albergo ma tengono le formule alternative come bed and breakfast e agriturismi. Sono oltre un milione – stima la Coldiretti – infatti i vacanzieri che da Natale all’Epifania hanno scelto l’agriturismo per pernottare o mangiare, alla ricerca di riposo e di tranquillità lontano dalle preoccupazioni.

La capacità di mantenere inalterate le tradizioni enogastronomiche nel tempo resta – continua Coldiretti – la qualità più apprezzata degli agriturismi italiani che si confermano infatti come la più valida alternativa ai pranzi e ai cenoni casalinghi delle feste. Nel tempo gli oltre 25mila agriturismi italiani – conclude la Coldiretti – hanno però qualificato notevolmente la propria tradizionale offerta di alloggio e ristorazione con servizi innovativi per sportivi, nostalgici, curiosi e ambientalisti, come l’equitazione, il tiro con l’arco, il trekking o attività culturali come la visita di percorsi archeologici o naturalistici, ma anche corsi di cucina e wellness.

Giro del mondo in 120 giorni: due crociere MSC oggi al via

GENOVA - Due navi da crociera in contemporanea alla conquista del mondo, è la prima volta. Protagoniste di questo record sono MSC Poesia e MSC Magnifica, salpate insieme dal porto di Genova, il 5 gennaio, dopo una serie di celebrazioni con spettacolo di 33 sbandieratori, che in porto hanno omaggiato tutti i paesi toccati da questi fantastici itinerari. Saranno 5.000 gli ospiti a bordo delle due unità, per due viaggi simultanei ma con rotte diverse. Una volta attraversato il Mar Mediterraneo con soste a Marsiglia e Barcellona, le navi si separeranno nell'Oceano Atlantico.

MSC Magnifica in 117 giorni effettuerà 43 soste. Circumnavigherà il Sud America, attraverserà l'Oceano Pacifico del Sud e proseguirà verso l'Oceano Indiano, il Mar Arabico, il Mar Rosso per poi tornare nel Mediterraneo attraverso lo spettacolare Canale di Suez. Soste a Puerto Madryn (Argentina), Ushuaia (Argentina), Punta Arenas (Cile), Puerto Montt (Chile), Valparaiso (Chile), Callao/Lima (Peru), Hanga Roa /Rapa Nui (Cile), Rarotonga (Isole Cook), Auckland (Nuova Zelanda), Tauranga (Nuova Zelanda), Sydney (Australia), Mare (Nuova Caledonia), Lifou Island (Nuova Caledonia), Port Vila (Vanuatu), Alotau (Papua Nuova Guinea), Cairns (Australia), Lombok (Indonesia), Port Klang, (Kuala Lumpur/Malaysia), Colombo (Sri Lanka), Mumbai/Bombai (India), Aqaba/Petra (Giordania).

MSC Poesia, invece, in 119 giorni toccherà 53 porti. Attraverserà il Canale di Panama e viaggerà lungo la costa occidentale dell'America centrale e del Nord America, proseguendo poi per l'Oceano Pacifico passerà un lungo periodo in Asia. Attraversando l'Oceano Indiano, la nave tornerà poi nel Mediterraneo attraverso il Canale di Suez.

Sarà sempre MSC Poesia a solcare i mari del pianeta per la World Cruise 2024 che partirà sempre da Genova il 5 gennaio alla scoperta di 52 incredibili destinazioni in 30 nazioni diverse. Grande novità per questo giro del mondo molto particolare MSC Poesia attraverserà l'Oceano Atlantico del Sud e si dirigerà verso il Sud America portando gli ospiti ad esplorare l'Amazzonia brasiliana, risalendo il Rio delle Amazzoni fino a Manaus.

Leonardo Massa, Managing Director MSC Crociere: «I giri del mondo sono il fiore all’occhiello delle compagnie di crociera e riscuotono sempre molto successo, come dimostra l’ottimo andamento delle vendite della World Cruise 2024, che vedrà ancora protagonista MSC Poesia e partirà anch’essa da Genova per un viaggio indimenticabile di 121 giorni alla scoperta di molti dei luoghi più belli e affascinanti del pianeta, accompagnando i passeggeri alla scoperta di 52 destinazioni in 31 paesi».

mercoledì 4 gennaio 2023

Costa Crociere: parte il giro del mondo


GENOVA – Con il nuovo anno torna anche la crociera Costa più amata dagli appassionati di grandi viaggi: il Giro del Mondo. Costa è stata tra le prime compagnie a proporre questo viaggio eccezionale, sin dagli anni Settanta, e per l’edizione 2023 del suo Giro del Mondo ha pensato a un itinerario davvero speciale.

Partenza da Trieste il 6 gennaio, oppure da Savona l’11 gennaio 2023, a bordo di Costa Deliziosa, e rientro il 13 maggio 2023, per un viaggio indimenticabile di 128 giorni. Dal Mediterraneo alla penisola Arabica, navigando verso est sino all’India e alle Maldive, per poi fare rotta a sud, in Madagascar e Sud Africa, e attraversare l’oceano Atlantico sino al Brasile. Quindi, di nuovo diretti a sud, verso Ushuaia, in Argentina, la punta estrema del continente, navigando nel canale di Beagle e risalendo lungo il versante Pacifico, dal Cile sino a Panama, visitando il Centro America e New York, per poi rientrare in Europa. In totale, 52 destinazioni da scoprire in quattro continenti, attraversando tre oceani.

Un vero e proprio sogno che si avvera per tutti i grandi viaggiatori e gli appassionati di crociere, che potranno vivere un’esperienza unica di quasi quattro mesi, incontrando culture e paesaggi magnifici, sulle orme dei grandi navigatori del passato. Per coloro che avessero perso l’opportunità quest’anno, Costa Deliziosa proporrà il Giro del mondo anche nel 2024, con partenza prevista il 6 gennaio 2024. Non solo. Nelle prossime settimane sarà disponibile per la prenotazione anche il Giro del Mondo 2025, che circumnavigherà il globo prevalentemente nell’emisfero australe, visitando Terra del Fuoco, Polinesia, Nuova Zelanda, Australia e Sud Africa. Per la prima volta la partenza sarà ad inizio dicembre, 2024, da Savona, per godersi le feste natalizie in crociera. La notte di Capodanno a Rio de Janeiro sarà davvero speciale, con lo spettacolo dei fuochi d'artificio dalla spiaggia di Copacabana.

Sono circa 2.000 gli ospiti che hanno prenotato una cabina sul Giro del Mondo 2023. Provengono da 40 paesi diversi, con una prevalenza di francesi (circa 500), italiani e tedeschi (rispettivamente circa 360 e circa 340), svizzeri (circa 160), spagnoli (circa 140) e austriaci (poco meno di 100). Il viaggiatore più longevo, francese, ha 94 anni, mentre il più giovane è austriaco, di 6 anni.

La nave scelta per effettuare il Giro del Mondo è Costa Deliziosa, una delle più incantevoli della flotta Costa. A bordo il programma di intrattenimento sarà caratterizzato in base alle destinazioni, per offrire sempre un tocco locale. Il ricco programma di feste prevede, infatti, oltre ai grandi classici come la “notte bianca” o la “Notte in Maschera”, anche la “Serata Bollywood”, la “Festa Tropicale”, il “Brasilian Party” e la “Notte Araba”.

L’itinerario del Giro del Mondo 2023 comprende affascinanti destinazioni come Cipro, Israele, Giordania, India, Maldive, Seychelles, Madagascar, Reunion, Sud Africa, Namibia, isola di Sant’Elena, Brasile, Terra del Fuoco, Cile, Perù, Ecuador, Panama, Costa Rica, Honduras, Messico, Stati Uniti, isole Azzorre e Marocco. La particolarità di questa crociera sarà inoltre la possibilità di effettuare scali di più giorni in parecchie delle destinazioni visitate, come Mumbai (India), Malè (Maldive), Gqeberha/Port Elizabeth e Città del Capo (Sud Africa), Rio de Janeiro (Brasile), Buenos Aires e Ushuaia (Argentina), Santiago del Cile, Colon (Panama), New York (USA), Lisbona e isole Azzorre (Portogallo).

Gli ospiti potranno approfittare del ricco programma di escursioni proposte dalla compagnia per vivere momenti unici anche a terra, rendendo ancora più indimenticabile questo viaggio. Ad esempio, la visita al Taj Mahal, ad Agra (India), un’architettura meravigliosa che sembra ricamata nel marmo bianco; il parco di Ivoloina, in Madagascar, dove incontrare i lemuri; il tour per ammirare i ghiacci del Perito Moreno a ridosso delle Pampas, e il Parco Nazionale Torres del Paine, a Ushuaia; il giro in funivia sulle Table Mountain, a Città del Capo; il giro in elicottero nei cieli di Rio de Janeiro; la visita di tre giorni alle isole Galapagos, o la camminata sul ponte di Brooklyn, a New York.

giovedì 29 dicembre 2022

Coldiretti: a Capodanno 5 milioni di italiani in vacanza

(Pixabay)
ROMA - Con le ultime partenze  ed i rientri sono oltre 5 milioni gli italiani in vacanza a Capodanno per trascorrere almeno un giorno fuori casa durante le feste di fine anno. E’ quanto emerge da una stima della Coldiretti che evidenzia un aumento dei turisti superiore al 20% rispetto allo scorso anno, quanto le vacanze erano state fortemente frenate dalle limitazioni imposte dalla pandemia.

Per le vacanze nelle festività di fine anno si registra un deciso orientamento a rimanere in Italia, scelta quest’anno come meta dall’87% dei vacanzieri, secondo Coldiretti/Ixe’. Sul podio delle destinazioni – continua la Coldiretti – salgono le città e le località d’arte con il 54% seguite dalla montagna con il 23% mentre il resto si divide tra campagna, mare e terme. Il 57% ha scelto di alloggiare in case proprie o di parenti e amici mentre il 34% preferisce l’albergo ma tengono le formule alternative come bed and breakfast e agriturismi. Per le vacanze la spesa media è di 575 euro per persona con un aumento del 28% rispetto allo scorso anno, seppur con una forte polarizzazione tra una metà dei vacanzieri (48%) che si terrà sotto i 250 euro e un 9% che ne spenderà oltre 1000.

Tra gli svaghi insieme alle passeggiate, allo sport ed ai percorsi culturali c’è l’enogastronomia con un forte interesse per la scoperta dei prodotti locali a chilometri zero. Sono quasi 300mila gli ospiti per Capodanno a tavola negli agriturismi italiani spinti dalla tendenza a ricercare la buona tavola, ma anche la tranquillità lontano dal caos e dalle preoccupazioni delle città con la ripresa dei contagi covid in Cina, secondo le stime di Terranostra e Campagna Amica. La capacità di mantenere inalterate le tradizioni enogastronomiche nel tempo è – continua Coldiretti – la qualità più apprezzata dagli ospiti degli agriturismi, ma aumenta nel contempo l’offerta di servizi innovativi per sportivi, nostalgici, curiosi e ambientalisti.

La tendenza è verso la prenotazione last minute, ma per scegliere il consiglio – continua la Coldiretti – è quello di preferire aziende accreditate da associazioni e di rivolgersi su internet a siti come www.campagnamica.it senza dimenticare il passaparola tra parenti e amici che, per le vacanze in campagna, è sempre molto affidabile. L’Italia – conclude la Coldiretti – può contare su una offerta capillare diffusa lungo tutta la penisola con circa 25.400 aziende agrituristiche presenti in Italia che sono in grado di offrire un potenziale di più di 294mila posti letto e 532 mila coperti per il ristoro e quasi 2000 attività di fattoria didattica per i più piccoli.

Coldiretti: a Capodanno 300mila a tavola in agriturismo

ROMA - Sono quasi 300mila gli ospiti per Capodanno a tavola negli agriturismi italiani spinti dalla tendenza a ricercare la buona tavola, ma anche la tranquillità, lontano dalle preoccupazioni e dal caos delle città. E’ quanto stima la Coldiretti sulla base delle indicazioni degli agriturismi di Campagna Amica e Terranostra favorite anche dalle condizioni climatiche. Si registra – sottolinea la Coldiretti – un aumento dei giovani che trascorrono la notte più lunga dell’anno nella tranquillità delle campagne facendosi tentare dalle golosità gastronomiche tradizionali presenti sulle tavole imbandite degli agriturismi senza farsi sconvolgere dalle chiassose feste in piazza e dalle lunghe serate delle discoteche.

Una scelta condivisa da chi ha scelto di andare in vacanza ma anche da quanti hanno deciso di rimanere a casa limitandosi ad una gita in giornata fuori porta, grazie alla diffusione capillare degli agriturismi lungo tutta la Penisola. L’Italia – continua la Coldiretti – può contare su circa 25.400 aziende agrituristiche che sono in grado di offrire un potenziale di più di 294mila posti letto e 532 mila coperti per il ristoro e quasi 2000 attività di fattoria didattica per i più piccoli.

La riscoperta della natura, ma soprattutto della voglia di stare insieme per comunicare, che il silenzio della campagna a tavola certamente favorisce, sembrano essere dunque – sostiene la Coldiretti – graditi anche dalle giovani generazioni che spesso in piccoli gruppi di amici scelgono gli agriturismi, che hanno adeguato la propria offerta alle nuove esigenze.

La capacità di mantenere inalterate le tradizioni enogastronomiche nel tempo è – continua Coldiretti – la qualità più apprezzata dagli ospiti degli agriturismi dove è possibile riscoprire i sapori del passato veramente a chilometri zero tramandati da generazioni. Aumenta nel contempo l’offerta nelle campagne di servizi innovativi per sportivi, nostalgici, curiosi e ambientalisti. La tendenza è verso la prenotazione last minute, ma per scegliere il consiglio – conclude la Coldiretti – è quello di preferire aziende accreditate da associazioni e di rivolgersi su internet a siti come www.campagnamica.it senza dimenticare il passaparola tra parenti e amici che, per le vacanze in campagna, è sempre molto affidabile.