giovedì 19 aprile 2018

Dieci case vacanza e una libreria per celebrarla

ROMA - Per tutti i viaggiatori che sono anche inguaribili lettori e che non partono senza un buon libro in valigia Airbnb ha selezionato, in occasione della Giornata Mondiale del Libro del 23 aprile, 10 case con librerie bellissime in tutto il mondo per una vacanza dedicata esclusivamente (o quasi) alla lettura e al relax.

Villa Maraviglia, Milano - Tra Brera e il Castello Sforzesco, al primo piano di un palazzo storico della vecchia, questo appartamento è un rifugio di fine ‘800. Con la sua terrazza fiorita è un rifugio calmo e luminoso dove godersi una buona lettura.

Ttekceba Retreat, Australia - Un posto magico arredato con cura dal proprietario con mobili e opere d’arte collezionate nei suoi viaggi intorno al mondo. Qui trova spazio la libreria con vista su un giardino lussureggiante, un rifugio nel verde dove rilassarsi circondati da arte, letteratura e natura.

Home in Kaunas, Lituania - Una casa in legno di inizio ‘900 ospita, nel sottotetto, una confortevole mansarda dove rifugiarsi con un buon libro inebriati dal profumo e dal calore del legno.

Love & Life Bem, Budapest, Ungheria - Un appartamento di classe affacciato sul Danubio con vista panoramica su Budapest. Dalle ampie finestre la luce naturale filtra nel salotto creando l’atmosfera perfetta per immergersi nella lettura.

Quiet Private Retreat in Palo Alto, California - Letteralmente ogni parete della zona notte di questo appartamento in California è tappezzata di libri. Una vera chicca per i più romantici è la piccola nicchia rialzata con divano, accanto alla finestra, dove appollaiarsi per leggere e rilassarsi.

Under the roofs of Warsaw, Polonia - Sotto i tetti di Varsavia, al quarto piano di un palazzo nel cuore della città c’è la mansarda di Anna. Se nella sua libreria non doveste trovare quello che trovate, a soli 5 minuti a piedi si raggiunge l’antico e bellissimo edificio che ospita la libreria dell’Università di Varsavia. Un must see!

42 Terrace Guest House, Missouri - La piccola villetta verde di Susan e Julian è pronta ad accogliervi a Kansas City. Una dimora calda e intima che i proprietari hanno ristrutturato con amore e pazienza per conservarne il fascino storico. Ne è una testimonianza l’antica libreria in legno a muro.

Villa Flavia, Italia - Sogni d’oro e ricchi di fantasia aspettano gli ospiti di Villa Flavia, in Umbria. Qui le pareti della camera da letto padronale sono totalmente coperte da una libreria in legno a muro dove trovare libri per davvero tutti i gusti!

Exquisito Apartamento, Spagna - Più minimalista, questa casa Airbnb Plus a Barcellona sfrutta la libreria come elemento d’arredo della zona giorno. I libri sono in questo caso il tocco di colore che mancava in una casa dove domina il bianco.

Fab View in the Center of Athens, Grecia - Uno scorcio del soggiorno della casa di Ira ad Atene, con angolo-studio per concentrarsi e perdersi tra le pagine della sua nutrita libreria.

E se invece di rifugiarvi in una casa con libreria poteste vivere sopra una libreria e prenderla in gestione per tutta la durata del vostro soggiorno?! E’ possibile! Succede in Scozia, con The Open Book una curiosa iniziativa dove gli ospiti che prenotano il soggiorno possono lavorare nella libreria sottostante.

martedì 17 aprile 2018

Momondo porta in Italia i Bloggers’ Open World Awards

Social media e nuove tecnologie negli ultimi anni hanno rivoluzionato il modo in cui si vive il viaggio, ci si informa e si prende ispirazione e l’Italia è ricca di blogger di talento che raccontano con passione attraverso parole, scatti e video gli itinerari e le esperienze uniche che hanno provato in prima persona. Da sempre impegnata a sviluppare iniziative che invitano ad essere curiosi verso il mondo e ad apprezzarne le differenze e gli aspetti sconosciuti, momondo.it - la piattaforma digitale di ricerca voli e hotel - lancia in Italia lo speciale contest Bloggers’ Open World Awards, attraverso cui desidera valorizzare il lavoro e il contributo dei blogger italiani che ispirano maggiormente i viaggiatori italiani, promuovendo così l’idea del viaggio come opportunità per rendere il mondo un luogo sempre più aperto.

I blogger in gara competono in quattro categorie:

Open World – è la categoria aperta a tutti i blogger (non solo di viaggio) che attraverso il proprio lavoro ispirano a viaggiare secondo i cinque modi promossi da momondo - ovvero con una mente aperta e libera da pregiudizi; creando nuove amicizie ovunque ci si sposti; accettando nuove esperienze; aggiungendo curiosità verso l'ignoto e infine, essendo sempre pronti a scoprire cose nuove.

Blog – si rivolge solo ai travel blogger e il criterio di valutazione principale è la qualità di scrittura. Per vincere, i post dovranno essere, oltre che accattivanti e ben scritti, anche ricchi di personalità e in grado di far sognare chi legge.

Fotografia – si focalizza sulle immagini e per questo accoglie gli scatti non solo di blogger ma anche di Instagrammer e di chi lavora con piattaforme affini. Le foto dovranno catturare la poesia e il fascino della destinazione e saper raccontare in un solo fermo immagine un mondo di avventure.

Video – è la categoria che premia i video che sanno narrare in modo stimolante e coinvolgente. La sezione si rivolge sia a blogger di viaggio sia a chi gestisce un sito o un canale di condivisione come YouTube o Vimeo.

La fase di votazione online, che si concluderà domani, decreterà i 15 finalisti più votati dal pubblico che accederanno alla fase finale. Dal 19 aprile al 10 maggio gli esperti di momondo saranno impegnati a valutare i lavori dei finalisti e selezionare due vincitori (primo e secondo classificato) per ciascuna categoria. Infine, in occasione dell’evento del 14 giugno che si terrà a Milano, saranno annunciati e premiati i vincitori.

Cosa c’è in palio? I primi classificati delle categorie Blog, Fotografia e Video avranno la possibilità di partecipare a un appuntamento di formazione di alto livello insieme a blogger provenienti da diversi paesi europei, per un momento di scambio unico in cui esperti di marketing digitale li aiuteranno ad affinare le potenzialità e la strategia di comunicazione del proprio blog, e di seguire il corso online Travel Film School per diventare film maker di viaggio. I secondi classificati, invece, potranno beneficiare del corso Travel Film School.

AI vincitori della categoria Open World, inoltre, quella che più di tutte incarna la vision di momondo, l’azienda offrirà un voucher (rispettivamente di 2.000 € e di 1.000 € per il primo e il secondo classificato) per organizzare il loro prossimo fantastico viaggio da raccontare.

"Sono felice di prender parte a questa iniziativa unica che mette in primo piano la creatività e la capacità di ispirare. Crediamo sia importante sviluppare un progetto che consenta contestualmente di ringraziare e valorizzare la comunità di blogger italiani che con il loro lavoro e le loro esperienze contribuiscono a far conoscere il mondo ai propri connazionali, ispirando i viaggiatori del Bel Paese ad aprirsi a nuove esperienze,” commenta Cristina Oliosi, Responsabile Marketing per momondo Italia.

Per premiare i vincitori di ogni categoria momondo ha selezionato alcuni esperti: Cristina Oliosi – Responsabile Marketing per momondo Italia – che premierà la categoria Open World e la giornalista Cinzia Conti di Ansa che giudicherà i testi in gara per la categoria Blog. Saranno invece Costangelo Pacilio – Photo Contributor National Geographic America e Vogue Italia/Art+commerce NY – e Ludovico de Maistre – documentarista di viaggio, autore e produttore de Il Mondo al Rallentatore su Rai3 – a valutare rispettivamente le categorie Fotografia e Video.

Per maggiori informazioni visitare: https://www.momondo.it/content/bloggers-open-world-award/

mercoledì 11 aprile 2018

Tutti pazzi per il design: quasi triplicate nel 2018 le ricerche di voli per raggiungere Milano in occasione di Design Week

MILANO - Uno degli appuntamenti più cool di Milano (dal 17 al 22 aprile) è alle porte e i design addicted di tutto il mondo sono pronti ad invadere il capoluogo lombardo per immergersi nel ricchissimo programma di eventi che interesseranno la città: il motore di ricerca viaggi momondo.it ha analizzato i propri dati per delineare i trend di viaggio legati a Design Week e la capacità della manifestazione di ispirare i turisti a partire.

Le ricerche di voli sulla piattaforma di Momondo sono quasi triplicate in un anno

I dati di Momondo incoronano la Design Week come manifestazione per eccellenza capace di influenzare i trend di viaggio su Milano, forte di iniziative che mettono in mostra tutte le novità e le innovazioni più creative e all’avanguardia nel campo di decor e design e capace di affascinare e ispirare appassionati e curiosi provenienti da tutto il mondo. Infatti, le ricerche di voli per raggiungere la città della Madonnina per il periodo dell’evento hanno registrato aumenti da capogiro, arrivando a +193% rispetto al periodo in cui si è svolta l’edizione dello scorso anno (dal 4 al 9 aprile 2017). Gli aeroporti preferiti per raggiungere Milano sono, in ordine,  Malpensa, Bergamo Orio al Serio e infine Milano Linate.

Crescono anche le ricerche di hotel: +75%

Anche i dati sulle ricerche di hotel confermano il grande interesse generato da Design Week: queste, infatti, sono aumentate del 75% rispetto al periodo in cui si è svolta la manifestazione lo scorso anno. Per una stanza a Milano non sarà necessario prevedere un budget maggiorato rispetto a un anno fa, considerando una permanenza media di tre giorni. Infatti, il costo per una doppia è in media di 213 € a notte, solo il 3% in più rispetto a inizio aprile 2017, quando una stanza costava 206 €.

“La settimana del design è uno dei momenti più vivaci e affascinanti del capoluogo lombardo ed è interessante vedere quanto di anno in anno questo appuntamento di fama internazionale attiri sempre più visitatori da tutta Europa e non solo” commenta momondo.it. “Occasioni come questa offrono la possibilità di lasciarsi ispirare per organizzare una nuova partenza e i nostri dati lo dimostrano, con le ricerche di voli che sono quasi triplicate rispetto all’edizione passata. Siamo davvero entusiasti di vedere tanti viaggiatori approfittare di questo evento per andare alla scoperta del Bel Paese”.

martedì 10 aprile 2018

Bluserena acquista tre villaggi-resort. Con 4000 camere è primo gruppo italiano per ricettività 'Vacanza mare'

PESCARA - Bluserena Spa del Gruppo Carlo Maresca ha definito il riacquisto di tre villaggi vacanze, ceduti nel 2007 dalla stessa azienda abruzzese al fondo immobiliare Delta del Gruppo Capitalia. Le tre strutture sono il Serena Majestic in Abruzzo, il Serenè Village in Calabria e il Calaserena Village in Sardegna. Con un totale di 12 villaggi gestiti, di cui otto di proprietà, l’azienda abruzzese si colloca al vertice del settore vacanze mare, potendo contare, ad oggi, su oltre 10mila posti letto e 4mila camere, che diventeranno 4.400 nel 2019.

“Si tratta di un risultato importante che conferma la solidità dell’azienda e l’appeal della nostra offerta e delle nostre strutture”, commenta l’amministratore unico di Bluserena Spa, Silvio Maresca. “Quest’anno completeremo anche l’Hotel villaggio 4 stelle di 400 camere, in Sardegna a Badesi, che sarà sul mercato dall’estate 2019. E sempre quest’anno, il 31 maggio prossimo a Castellaneta Marina in Puglia, ci sarà l’inaugurazione di Ethra Reserve, già Nova Yardinia: un complesso profondamente ridisegnato e rinnovato, con servizi ampliati e aree esterne riqualificate grazie a un investimento di oltre dieci milioni di euro”.

Struttura collocata nella grande pineta della riserva biogenetica di Stornara, l’Ethra Reserve si comporrà di due hotel 5 Stelle, il Kalidria Hotel & Thalasso SPA e l’Alborèa Ecolodge Resort e di un Villaggio 4 stelle, il GranValentino Village. Tutte le strutture sono congiunte al mare da una splendida pineta, per un totale di 790 camere, una Spa da 3.500 mq e un grande centro congressi.

Primato sulla ricettività, dunque, ma anche sul risparmio energetico Bluserena è all’avanguardia. Quattro sono, infatti, i villaggi (la metà di quelli di proprietà) che autoproducono il proprio fabbisogno energetico tramite energia solare. “Queste strutture – spiega Maresca –  ci permettono di concretizzare un rapporto sostenibile sia con le strutture ma soprattutto con l’ecosistema che le ospitano. Un ramo importante della Carlo Maresca – ricorda a tal proposito l’ad Bluserena – è impegnato nelle rinnovabili, un settore a cui teniamo molto poiché in linea con la visione green del nostro modo di fare impresa”.

“Nel 2018  - conclude l’ad Bluserena -  stimiamo di arrivare a un milione e duecentomila presenze, circa trecentomila in più rispetto al 2017. Si tratta di una crescita costante, a conferma che l’attenzione al cliente e la solidità finanziaria e organizzativa sono da trent’anni i tratti distintivi ed i fiori all’occhiello di Bluserena”.

I numeri di Bluserena

Nel 2017 Bluserena ha realizzato circa 950.000 presenze e un fatturato di oltre 67 milioni di euro, con un incremento del 3% rispetto al 2016, in crescita per il quarto anno consecutivo.

In aumento anche il livello di marginalità, con un Ebitdar che si attesta a 28 milioni di euro (incremento dell’8% rispetto all’anno precedente).

I Villaggi Bluserena, con oltre 12.000 recensioni dal giudizio "Eccellente" e "Molto Buono, 6 Villaggi con un punteggio medio di 4.5 su 5.0 e 2 Villaggi con 4.0, dal 2012 sono stati costantemente premiati da TripAdvisor con 53 premi, 42 Certificati di Eccellenza e ben 11 Travellers' Choice, categoria “Hotel Per Famiglie”.

L’attenzione al cliente rappresenta il vero punto di forza: villaggi nuovi o continuamente rinnovati e migliorati, in cui ci sono spazi giusti per ogni attività; fondali marini sabbiosi adatti alla balneazione dei più piccoli; una ristorazione ricca, varia e di qualità; un’animazione coinvolgente; i centri benessere, autentiche oasi con percorsi wellness personalizzati.

Da quest’anno con 3.926 camere - dislocate in villaggi e resort di cinque regioni (Abruzzo, Calabria, Puglia, Sardegna e Sicilia) -, Bluserena Spa offre la maggiore ricettività nel settore delle vacanze Italia.

Una mission d’impresa ‘rinnovabile’

Sono quattro i villaggi turistici Bluserena alimentati ad energia solare. Grazie all’istallazione di impianti fotovoltaici su tetti e pensiline, il Serené Village di Marina di Cutro (Kr), il Granserena Hotel di Torre Canne di Fasano (Br), il Serenusa Village di Licata (Ag) e il Torreserena Village di Torre Mattone di Ginosa (Ta) coprono i propri fabbisogni di elettricità per il 78%. Gli impianti di queste strutture sommano 3.044 KWp di potenza, per una produzione complessiva di 4,8 GWh ed un risparmio di emissioni di Co2 in atmosfera di circa 15mila tonnellate annue.

Il Gruppo Maresca è entrato nel settore delle energie rinnovabili nel 2010 con la costituzione di Blunova Srl che ha investito nell’energia green oltre 150 milioni di euro. Nel 2017 gli impianti del Gruppo hanno prodotto 78,5 GWh di energia rinnovabile e un risparmio di emissione di Co2 in atmosfera di circa 210 mila tonnellate. A fronte di un consumo energetico totale di 19.5 GWh, nel 2017 il Gruppo Maresca ha prodotto 78 GWh di energia rinnovabile ovvero quattro volte l’energia che consuma (407%), rimettendo il surplus di produzione nella rete energetica nazionale.  

giovedì 5 aprile 2018

A Borgo Egnazia la 'Festa di primavera'


SAVELLETRI DI FASANO (BR) - La fine del freddo in Puglia si festeggia calorosamente, come ogni cosa in questa regione, e in questo particolare momento di passaggio dal freddo ai fiori, si avverte nell’aria un intenso bisogno di rigenerazione, tanto nella natura, quanto nelle persone.

Ispirandosi ai tradizionali falò nei borghi e negli incroci di campagna, dove il vecchio viene accatastato e bruciato per far spazio al nuovo, anche la suggestiva Piazza di Borgo Egnazia è tutta un fervore di fascine per la Festa di Primavera, grande evento in onore della nuova stagione.

Così Borgo Egnazia avvia la stagione dei nuovi inizi con una magnifica serata in Piazza, una festa tra fuoco e musica, in un carosello di prelibatezze pugliesi e un crescendo di corpi danzanti al ritmo dei tamburelli.

La Festa di Primavera, inedita e sorprendente, prevede una cena tradizionale pugliese in Piazza e culminerà con un grande falò, in cui una Fenice (alta quasi cinque metri) sarà bruciata tra le mura bianche del Borgo. Simbolo di rinascita ma anche omaggio all’arte artigiana pugliese, la Fenice è opera di Deni Bianco, maestro cartapestaio di eccezionale talento artistico, più volte vincitore delle ultime edizioni dello storico Carnevale di Putignano.

Un omaggio alla tradizione ma anche un segno del forte legame tra Borgo Egnazia e il territorio, in una celebrazione delle tradizioni e delle eccellenze di Puglia nel primo tepore della nuova stagione.

Info e prenotazioni: www.borgoegnazia.it - +39 080 2255772

martedì 3 aprile 2018

Escursione nel Gargano, tra paesaggi antichi e sapori veri


FOGGIA - Lasciati alle spalle gli abbondanti pranzi pasquali arriva l'ora di mettere corpo e mente in movimento nella splendida natura primaverile del Gargano.

Domenica 8 aprile è organizzata un'escursione aperta a tutti nel territorio di San Giovanni Rotondo e più precisamente a Valle della Monaca, un ambiente peculiare del Gargano caratterizzato dagli adattamenti che gli uomini, nei secoli, hanno praticato sul paesaggio al fine di renderlo produttivo: muretti a secco, masserie e pagliai, tracce della pastorizia del Gargano integrate perfettamente con la bellezza della natura del luogo.

Si tratta di un paesaggio costellato di grotte abitate fino a 50 anni fa dai pastori che, tra queste valli, passavano una vita intera secondo stili di vita tramandati di padre in figlio da secoli e ancora oggi resistono ai segni del tempo i terrazzamenti che, pietra dopo pietra, gli uomini costruivano per strappare alla natura impervia piccoli appezzamenti coltivabili.

Osservando l'ambiente circostante saranno evidenti le tracce della natura geologica del Gargano, che si impareranno a osservare e leggere con il geologo Gianluca Russo, tra fossili e segni dei grandi movimenti tettonici del Gargano.

Dopo circa 2km si giungerà nella masseria della famiglia Placentino, dove apprezzeremo la maestria dei massari nella lavorazione dei formaggi tipici degustando i sapori di questa terra, a tratti aspra e ruvida ma sempre bella e accogliente.

Meta finale sarà la cosiddetta "Grotta del bambinello", una cavità sulla sommità di uno sperone di roccia, localmente chiamato "Picone", che ospita una importante reliquia sacra legata a San Pio.

Appuntamento alle ore 9 al Bar in località "Le Matine".

L'escursione si concluderà nel primo pomeriggio e l'intero percorso ha una lunghezza di 5km. Il contributo di partecipazione è di soli 10 euro e comprende la guida, il geologo e la degustazione in masseria; è obbligatoria la prenotazione al 3931753151.

L'organizzazione è a cura della guida turistica Domenico Sergio Antonacci in collaborazione con Giuseppe Placentino.