venerdì 22 marzo 2019

Scoprire la Calabria in camper con Goboony

La Calabria è diventata una meta importante per i turisti: crescono le prenotazioni e le presenze impennano. In alcuni periodi dell'anno è diventato complesso trovare alloggi ed allora il camper è la soluzione perfetta. 

Da poco presente sul mercato italiano Goboony è la soluzione perfetta per chi intende trascorre le vacanze in Calabria. 

Nata in Olanda per volonta di due giovani appassionati di camper e turismo on the road, Goboony è da poco approdata in Italia. Una piattaforma semplice ed intuitiva, bella da vedere e da navigare riesce a mettere in contatto in modo semplice e fattivo turisti e proprietari di camper. Insomma nell'epoca della sharing economy dove tutto o quasi ormai è condiviso in modo sicuro e semplice i camper non potevano non esserlo. 

Itinerario in Calabria con un camper Goboony 

Uno degli itinerari più belli della Calabria è quello dei monti della Sila perfetto per i camperisti. 

Lasciando la A3 Salerno-Reggio Calabria all'altezza di Cosenza si percorre laSS 107 per Spezzano della Sila, Camigliatello Silano e San Giovanni in Fiore. Se non si è sulla Autostrada del Mediterrano ma si è lungo la costa calabrese si può scegliere il bivio di Paola sulla SS 18 Tirrena Inferiore. Qui superando il passo della Crocetta ci si abbarbica nella bella Sila. Stessa cosa si può fare se si è nella costa Ionica dove Crotone si percorre la SS106 Ionica. Indubbiamente la Sila è un luogo amatissimo da chi vuole stare in contatto con la semplice e stucchevole natura. 

Lungo la statale 107 salite e discese si alternano. Osservare la natura è molto bello e particolare, se il viaggio è fatto in primavera non mancheranno i fiori di mandorlo e le profumate ginestre locali. I paesi di alternano a case basse e sparse delle tipiche contrade calabresi. Parcheggiare e fare qualche foto sarà molto facile. 

A Rovito una tappa è necessaria infatti qui la bella chiesa romano-gotica di S. Barbara è molto particolare e, chiunque conosta la storia non può dimenticare che proprio qui a Rovito nel 1844 i fratelli Bandiera, patrioti mazziniani sono stati fucilati dai soldati di Ferdinando II delle Due Sicilie. 

Dopo Rovito, Spezzano della Sila. Un paese di montagna tra pini secolari e faggi. Da queste parti ci si immerge nel parco letterario dedicato a Norman Douglas, che nel suo celebre volume “Old Calabria” ha raccontato la Calabria dei primi del 900. In Sila sebbene siano poco segnalate è zeppo di aree di sosta perfette per i camperisti. 

In Sila: le soste golose 

Il cibo in Sila è unico: vale la pena fermare il camper per assaporare piatti locali. Quali? 

1. ‘Pasta a lu fùrnu’ ovvero una pasta al forno ricca e ripiena di ragù di carne, polpette, uova sode, caciocavallo e melanzane fritte. Un piatto molto calorico ma ugualmente ottimo. Uno strappo alla dieta vale la pena 

2. Formaggi: la Sila è nota per essere terra di pastori erranti ed allora qui i formaggi hanno quel sapore antico e forte che raramente si trova in altre realtà italiane.

0 commenti:

Posta un commento