giovedì 6 febbraio 2020

In vacanza alle Tremiti



Le isole Tremiti si trovano a est della Puglia, al largo di Termoli. Si tratta di 5 piccole isole, abitate sin dai tempi dei Romani; proprio qui l’imperatore romano Augusto vi esiliò la nipote Giulia. Le isole offrono moltissime opportunità al viaggiatore; da un lato le coste che affacciano sullo splendido Adriatico, dall’altro lato i resti storici, che vanno dall’antica Roma fino al tardo medioevo e oltre. Per arrivarci ecco l’elenco traghetti da Termoli alle isole Tremiti, in modo da poter organizzare il viaggio in tutta comodità.

Come si arriva alle Tremiti

Come abbiamo detto, le isole si trovano al largo di Termoli, e sono raggiungibili comodamente in traghetto. Da Termoli si ha il tragitto più breve, ma partono traghetti anche da altre località pugliesi, così come dai porti dell’Abruzzo e del Molise. Il viaggio in aliscafo è il più rapido, ma anche il più costoso. Stiamo parlando di isole molto pittoresche e splendide, al contempo però anche molto contenute nelle loro dimensioni. Per questo motivo sulle isole non è possibile sbarcare in automobile o con altro mezzo a motore; solo previa autorizzazione si può sbarcare sull’isola di San Domino. Diciamo però che l’auto non serve, sono infatti disponibili pratici noleggi di passaggi per qualsiasi meta eccessivamente lontana. Volendo è poi possibile noleggiare un passaggio verso le altre isole, rispetto a dove si attracca, oppure anche avere a disposizione un gommone per un’intera giornata.

Cosa vedere alle Tremiti

La maggior parte dei turisti che arrivano sulle isole sono alla ricerca di un luogo in cui godere del mare cristallino che le circonda. Per questo si dirigono immediatamente verso le più belle spiagge, tra cui ricordiamo cala Matano, sull’isola di San Domino, Cala dei Turchi e Cala Pietra del Fucile, a Caprara; ce ne sono però decine di altre, alcune più affollate, altre molto meno frequentate. Solitamente più si è vicini a un punto di attracco e maggiore è il numero di persone presente. Le isole Tremiti offrono anche moltissime vestigia del loro passato; l’isola di San Nicola infatti ospita ancora oggi l’Abbazia di Santa Maria a Mare, detta la Montecassino nel mare, le cui alte mura hanno protetto i monaci che qui vivevano.  Nel 1780 l’Abbazia fu abbandonata, ma rimane ancora oggi, a fronteggiare il mare. Notevole anche il Castello dei Badiali, sempre sull’isola di San Nicola, dove sono ancora visibili i resti di una domus romana. A san Domino è la natura a farla da padrone, anche se a Punta del Diavolo è ancora visibile un antico faro.

Dove dormire

Prima di partire per le Tremiti è importante ricordare che solo due sono abitate: San Nicola e San Domino; Pianosa oltre a non essere abitata è anche una riserva marina protetta, quindi non ci si può avvicinare. I pochi abitanti vivono di turismo e di pesca, ma le attività non sono costantemente attive durante tutto l’anno. Meglio quindi prenotare con largo anticipo, sia per evitare di non trovare un luogo dove dormire, sia per non trovarsi con tutte le soluzioni chiuse per ferie.

0 commenti:

Posta un commento