martedì 3 gennaio 2017

Parigi, il ponte Alexandre III

di CRISTINA ANTIFORA - Il Pont Alexandre III fu inaugurato in occasione dell’esposizione universale del 1900 dal presidente della Repubblica Émile Loubet e celebra l'amicizia Franco-Russa. La prima pietra fu posta simbolicamente il 7 ottobre 1896 dallo zar di Russia Nicolas II, figlio d'Alessandro III.

Dichiarato monumento storico nel 1975, il ponte è formato da un solo arco d'acciaio lungo 107 metri, elemento architettonico che costituì una vera novità all’epoca della sua costruzione e offre una bellissima vista sulla famosa torre Eiffel che si trova nelle vicinanze con un'esuberanza di crisalidi e ghirlande scolpite, candelabri di bronzo e brillanti statue dorate. Collega le Invalides al Grande e Pètit Palais.

Alle sue quattro estremità è possibile ammirare incredibili piloni alti 17 metri, sovrastati da Pegaso in bronzo dorato che rappresentano la Fama delle Arti, del Commercio, dell'Industria e delle Scienze. Alla base, una serie di gruppi marmorei rappresentano la Francia di Carlomagno, la Francia contemporanea, la Francia del Rinascimento e la Francia di Louis XIV.

Al centro del ponte sono disposte alcune composizioni in rame lavorato che raffigurano le Ninfe della Senna e della Neva.Trentadue stupendi candelabri rischiarano la struttura, quattro di questi circondati da angeli e riccamente decorati.

Il ponte suscita un’indiscutibile bellezza e rappresenta una delle testimonianze artistiche più importanti del suo tempo.

Come arrivare:

Indirizzo: cours La Reine / quai d’Orsay
Metro/RER: Invalides, Champs-Elysées-Clémenceau
Bus: 63, 83

0 commenti:

Posta un commento