domenica 28 agosto 2016

Sisma: i musei devolvono l'incasso di oggi alla ricostruzione

Un giorno di arte per l'arte e di vicinanza alla vittime del Sisma, alle loro famiglie, a chi ha perso tutto ma anche per i tanti monumenti danneggiati o distrutti di una meravigliosa parte d'Italia. Questa prima misura straordinaria, si aggiunge a quelle già previste e alle ulteriori misure del governo e il MIBACT destinerà gli incassi dei musei del 28/8 a interventi sul patrimonio culturale danneggiato dal sisma. Il tempestivo invito del ministro nei giorni scorsi è stato accolto da molti ed ha innescato un effetto a catena che coinvolgerà domani gran parte delle istituzioni culturali del paese. Ad esempio il presidente dell'Associazione musei ecclesiastici italiani (Amei), nonche' direttore del Museo diocesano tridentino, Domenica Primerano, ha a sua volta invitato tutti i musei soci e i musei ecclesiastici che ancora non aderiscono all'Amei a devolvere l'incasso della domenica (o di un altro giorno, qualora la domenica coincidesse con il turno di chiusura del museo) alle popolazioni terremotate. Federculture ha accolto con con favore Museums4Italy e invitato "tutte le realta' culturali e museali anche non statali, associati a Federculture e non, a mettere in campo un'analoga disponibilita''.

Lo stesso ha fatto Civita Cultura Holding S.r.l., insieme alle societa' controllate presenti su tutto il territorio nazionale. Molte le iniziative intraprese in questa direzione dalla singole città o regioni. In prima battuta Regione Piemonte e Comune di Torino si sono mobilitati anche devolvendo alle popolazioni colpite dal sisma gli incassi dei musei di domenica. E hanno avuto subito l'adesione della Reggia Venaria e del Castello di Rivoli, Leon dei musei torinesi: Palazzo Madama, Gam, Mao, Borgo Medievale, Musei Reali, Museo del Cinema, Egizio, Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, Museo del Risorgimento, Museo della Montagna, Museo Ettore Fico, Museo Pietro Micca, Museo della Resistenza, Pav, Palazzo Falletti di Barolo, Museo della Sindone, Museo dell'Auto, Juventus Museum e Fondazione Merz. Ad esempio ci saranno anche gli incassi del Polo museale della Sardegna, che va dal Museo archeologico nazionale e la Pinacoteca nazionale di Cagliari al Memorial di Caprera. Lo stesso fine avranno gli incassi del Sistema Museale dell'Università di Camerino del week end di sabato 27 e domenica 28 agosto. Gli incassi di tutti i musei di Bergamo di domenica 28 agosto saranno devoluti interamente. Anche singoli musei hanno condiviso l'iniziativa dei musei statali, così ha fatto la Fondazione Museo Civico di Rovereto e le altre strutture della Fondazione. Ha dato il suo assenso il Palazzo Reale di Genova che per l'occasione organizzerà anche eventi straordinari.

Per esprimere vicinanza e solidarieta', la Fondazione MAXXI ha deciso di devolvere l'intero incasso di sabato 27 agosto agli aiuti coordinati dalla Regione Lazio. E, sempre a Roma, tra gli altri, Cinecitta' si Mostra, devolvera' l'intero incasso dei biglietti venduti sul posto e acquistati on line nella giornata di domenica 28 agosto 2016, anche se per date di visita successiva, a favore delle vittime del terremoto. Solidarietà anche dalla Fondazione Teatro La Fenice di Venezia e Fest Fenice Servizi Teatrali che devolveranno gli incassi delle visite guidate di domenica. Nonsolomusei ovviamente nella gara quotidiana di solidarieta'. Oggi, tra i tanti, dal mondo dello spettacolo si sono aggiunti i Tre tenori. Una raccolta fondi a favore dei bambini terremotati che sarà promossa dall'Unicef in occasione dei loro concerti a Gubbio e a Foligno nell'ambito del progetto Omaggio all'Umbria. Poste Mobile, l'operatore telefonico di Poste Italiane, ha deciso di accreditare ai clienti residenti nei centri colpiti dal sisma un bonus del valore di 20 euro. A sostegno delle popolazioni colpite dal terremoto per affrontare l'emergenza Fastweb provvederà ad inviare 600 smartphone dotati di Sim gratuite. I terminali verranno distribuiti con modalità condivise con la Protezione Civile. Nei prossimi giorni i primi cellulari raggiungeranno le zone interessate dal sisma e saranno immediatamente utilizzabili dalla popolazione per sei mesi.

sabato 27 agosto 2016

Basilicata, l'altra 'meraviglia' di Montescaglioso

MATERA - E' lo stupore il sentimento comune nei visitatori degli ambienti ipogei, estesi su tre livelli, dell'abbazia di San Michele Arcangelo di Montescaglioso (Matera) per il sistema di cantine, depositi cerealicoli, impianti molitori e oleari realizzati nei secoli dalla comunità monastica benedettina che ha gestito la struttura e i possedimenti terrieri per secoli, all'insegna dell'efficienza e della produttivita'.

Il complesso ipogeo, restituito di recente alla fruibilità, ricostruisce con l'attraversamento di ambienti restaurati, attrezzi, vasellame riprodotto con decorazioni dell'abbazia, in alcuni casi recuperati, strumenti e pannelli divulgativi bilingue, le "linee produttive" di olio, formaggi, conservazione di derrate, panificazione e molitura di cereali. Di rilievo sono le cisterne per la raccolta dell'acqua piovana, profonde 18 metri, e la cantina, di epoca tardo medievale, che si estende per una lunghezza di 80 metri e con un'altezza di otto.

venerdì 26 agosto 2016

In Trentino Alto Adige il linguaggio del contemporaneo con Transart

ALTO ADIGE - Dal 7 al 25 settembre l’Alto Adige si trasforma in uno spazio di sperimentazione dove esplorare, con il Festival Transart, i diversi linguaggi del contemporaneo. Fra i “fili rossi” di quest’anno: la natura come risorsa da preservare, il bisogno di spiritualità, l’incontro senza pregiudizi fra culture, l’elaborazione di nuovi formati dove arte, musica, performance si possano intrecciare.
Immensi scenari alpini, piccoli castelli in riva al lago, atelier d’artista, musei, boschi e luoghi della quotidianità, ecco alcune delle mete che costelleranno il percorso di Transart16.

Gli artisti di quest’edizione: John Luther Adams, Roman Signer, Chris Watson, Mashrou’ Leila e Omar Souleyman, Tomoko Mukaiyama e Spellbound Contemporary Ballet, Rose Breuss, Jagoda Szmytka, PHACE ensemble, Claudio Rocchetti, Alberto Boccardi, Sadi, Gea Brown, Tomoko Sauvage. Fra le proposte inedite: la Cena Oltranzista di Luciano Chessa al Castello di Monticolo, uno Sleep Concert per accompagnare i ritmi del sonno e della veglia, la scoperta del Gagok, canto tradizionale coreano, una Camminata artistica, il ritorno del format Rent a Musician! e tanta, tantissima sperimentazione sonora.

E’ un viaggio che ogni anno cambia coordinate, quello di Transart, che mira a condividere con il pubblico progetti e produzioni ad hoc, coinvolgendo in nuove sfidanti formule artisti locali e internazionali, enti territoriali e rinomati festival europei.

DALL’OCEANO E RITORNO. LA MUSICA è LA NATURA. Omaggio a John Luther Adams & Camminata artistica con Chris WatsonL’idea della fine dell’umanità a seguito dello scioglimento dei ghiacci è anche il punto di partenza di INUKSUIT, opera scritta per un ensemble di 99 percussionisti che verrà messa in scena sull’Alpe Rasciesa, in Val Gardena (11.09). La composizione è immaginata per essere suonata in uno spazio naturale e per dissolversi in esso.Per assistere allo spettacolo è necessario prendere una funicolare, partire verso uno spazio nuovo, abbandonare ogni difesa.Il ritorno alla natura, a uno stadio primitivo di bellezza, è anche il tema di una Camminata artistica attraverso l’Alpe di Siusi (25.09). Il pubblico di Transart procederà fra prati, piccoli paesi, strade e vallate insieme alla guida Martha Silbernagl e con musicisti e artisti fra cui Chris Watson, fondatore del gruppo di musica sperimentale Cabaret Voltaire e documentarista del suono di programmi tv fra cui la celebre serie LIFE di David Attenborough. Dopo questo viaggio, che idealmente chiude il percorso iniziato con l’opera Become Ocean, l’azione si sposta a Compaccio nella vecchia stazione a valle Panoramaper assistere a un concerto per sette musicisti montenegrini, scatole del suono e 14 microfoni.

I MILLE CANTI DEL MONDO. Gagok - Mashrou’ Leila - Omar Souleyman
IlMonastero di Sabiona a Chiusa è uno dei più antichi monumenti cristiani dell'arco alpino. Per la prima volta, questo potente luogo della spiritualità riecheggerà di sonorità lontanissime nel tempo e nello spazio. Il monastero, da trecento anni sede di una comunità di monache benedettine, ospita le voci di cinque cantanti di Gagok, un antico genere di musica tradizionale coreana(17.09). Il gruppo di artisti performativi ’박박parkpark’lo reinterpreta in chiave contemporanea, trasformando gli antichi suoni in un linguaggio di fisicità e spazio. Dopo un percorso a piedi, il pubblico giungerà alla rocca per attraversare cinque differenti stanze e trovarsi faccia a faccia con la potenza e la poesia di quest’antichissima forma d’arte. Gagokcircola nel tempo, circola come una canzone. Nel momento in cui lo ascoltiamo, tutto quello che normalmente è importante scompare. Rimane solo una cosa. E quella cosa è differente per ognuno di noi.

UNA CENA OLTRANZISTA - Il Grande Fratello al Castello di Monticolo
Il Castello di Monticolo ad Appianosi trasforma nel surreale set di unaCena Oltranzista (22 -24.09).Prendendo spunto dal manifesto della cucina futurista di Marinetti il compositore Luciano Chessadà vita a un progetto fra performance art, peep show, influssi televisivi alla “Big Brother” e mystery. Undici commensali scelti in base a interessi e abilità complementari vivono insieme nel castelletto di Monticolo. Dopo una cena frugale interrotta da rintocchi di campane inizia un digiuno di due giorni. I protagonisti, chiusi nel castello, verranno osservati costantemente attraverso un circuito di telecamere e microfoni.L’idea è che il digiuno permetta loro di raggiungere stati contemplativi che ne influenzeranno le azioni. I giorni del digiuno culminano nell’edonismo della cena finale, un climax sensuale e sinestetico, dove il pubblico - come richiede Marinetti- potrà solamente osservare voyeuristicamente senza partecipare.Il live streamingdei due giorni sarà visibile aMuseione sul sito del festival www.transart.it e www.museion.it

IL RITORNO DI ROMAN SIGNER - Un’esplosione e una valanga dal tetto!
Alle 11.00 del 24 settembre sul tetto di una stalla nei pressi di Brunico avverrà un’esplosione.L’artista Roman Signer torna sul luogo del delitto. Dopo aver messo in scena nel 2014 un concerto per pianista su una zattera ed elicottero nel mezzo del lago di Vernago, farà esplodere delle cisterne piene d’acqua per farle rotolare dal tetto di una stalla così da creare una valanga. La natura è l’atelier di Signer: fuoco, acqua, terra e aria rappresentano il punto di partenza e di arrivo delle sue “opere temporanee”. La spettacolarità del lavoro di questo grande artista torna dunque ad animare la tranquillità del paesaggio altoatesino con un’installazione cinetica che racchiude tutta la potenza delle sue opere più visionarie.

TRANSART è MUSICA + SPERIMENTAZIONE
BIAS è un termine che indica un errore sistematico in varie discipline. Nel parco dell’Hotel Laurin prende vita un progetto dedicato ai "rifiuti sonori" (10.09),a tutte le zone liminali e grezze dell'ascolto e ai processi di decomposizione del suono. La sera, il ritmo della musica cambia velocità: la fabbrica StahlbauPichler si trasforma nel set del clubbing di Transart, quest’anno a cura di Interzona. Fra gli artisti che animeranno il dacefloor di quest’anno Hot Shotz (Powell e Lorenzo Senni), Samuel Kerridge, NotWaving.
Cosa succede se un’azienda specializzata nella produzione di soluzioni metallichelascia campo libero alla forza creativa degli artisti di Transart? Alpewadi Bolzanomette a disposizionei suoi spazi e tutti i suoi materiali che verranno usati collettivo di artisti visuali e designer Drahthausper realizzare un evento di musica elettroacustica con strumenti digitali e analogici (16.09).
“Il suono tocca la pelle, attraversa le fibre, penetra le ossa. Immersi nel suono, i corpi non sono solo toccati ma diventano tutt’uno con il suono”. In H / A / U / T (20.09)la coreografa Rose Breuss, la compositrice JagodaSzmytka e l’ensemble PHACE indagano la fisicità del suono intrecciando i gesti con i materiali sonori, video, elettronica, strumenti analogici e digitali.
Nella sua solo-performance i (TO BE DEFINED), l’artista altoatesino Benno Steinegger(22.09)produce invece un anomalo ritratto si sé attraverso le voci delle persone che hanno parlato di lui in varie occasioni e incontri fortuiti.

LA MUSICA È DOVE SEI TU. RENT A MUSICIAN! & SLEEP CONCERT
Transart dà il via alla collaborazione con il cluster creativo Lottozeroper Sleepconcert, unconcertodi dodici orenegli spazi della Kunsthalle di Lana (17.09). Un susseguirsi di live set darà vita a un ambiente sonoro immersivo che si fonderà con l’esperienza del sonno del pubblico, modulandola e scandendone le fasi. Fra gli artisti coinvolti la curatrice Gea Brown, Claudio Rocchetti, Alberto Boccardi, Sadie TomokoSauvage. Dal tardo pomeriggio alle prime luci dell’alba il pubblico verrà circondato da una selezione di opere visuali, performative e musica.L’installazione ‘site-specific’ di Arianna Moroderverrà utilizzata dal pubblico per crearsi un bivacco nel quale dormire. Nel corso della notte infatti, i tessuti cambieranno forma a seconda dell’uso che ognuno ne farà. Fra gli artisti in mostra: MarjorieChau, Nicole Miltner, KathrinStumreich, Aldo Lanzini e Claudia Losi, Anna M. Rose e ZoèGruni, Jens Risch, Mariana Sales e Cevdet Ere, KollektivZeitguised.
Ritorna inoltre, a grande richiesta, Rent a musician!(18.09), ovvero concerti nella location unica di una casa privata. Nessun salotto o giardino di Merano sarà troppo piccolo per un momento di musica dal vivo. Il concerto finalesi terrà in un luogo dove mai fino ad ora si è fatto musica contemporanea: il Circolo Unificato Esercito di Merano.

PLAY TRANSART! - Due progettidedicati alle giovani generazioni
Nella potente architettura della sede del marchio sportivo Salewa di Bolzano viene messa in scena (K)eineAlpensage(20.09), storia interattiva sul mondo mistico delle saghe. Un progetto dedicato ai più piccoli che, grazie all’aiuto di una magica cantastorie potranno creare una propria narrazione creando suoni che si basano sui quattro elementi delle montagne: il vento, l’acqua, la grandine e i sassi. Una storia sulla curiosità, sul misticismo e sulla forza e significato della natura.
Il giorno dopo, in collaborazione con l’ufficio cultura del Comune di Bolzano il festival presenta una nuova versione dello spettacolo LIGNA, il grande rifiuto (21.09). I giovani delle superiori coinvolti in questo spettacolo – performance avranno la possibilità di “riscrivere la storia” provando la “vertigine” di essere fra coloro che possono riuscire a cambiare in bene il corso degli accadimenti opponendosi allo spirito del tempo. Il “Grande rifiuto” è il risultato di una serie di residenze di ricerca a Bolzano, Bologna, Genova e Reggio Emilia avvenute ad aprile del 2015.

MOVIE MONDAY - Due appuntamenti da non perdere con il cinema d’autore al Filmclub di Bolzano
Il primo appuntamento con Movie Monday al Filmclub di Bolzano è con Heart Of A Dog, toccante primo lungometraggio dell’artista Laurie Anderson, in anteprima, lunedì 12 settembre alle 20.30, con un giorno di anticipo rispetto alle sale italiane. “Suggestivo. Brillante, buffo, amaro e implacabilmente onesto.” (The New York Magazine). Dopo la premier al Telluride Film Festival in Colorado e alla 72a edizione della Mostra Internazionale d’arte cinematografica di Venezia, arriva a Bolzano, con una speciale sorpresa di Laurie Anderson per il pubblico della città che in passato l’ha accolta con affetto.
Secondo appuntamento, lunedì 19 settembre, con il pluripremiato Citizenfour. Diretto da Laura Poitras, Premio Oscar nel 2015 come miglior film-documentario, Citizenfourracconta la storia di Edward Snowden e dello scandalo sulle sorveglianze illegali della National Security Agency (NSA), l’organismo governativo degli Stati Uniti che si occupa di sicurezza nazionale.

In Toscana, alla scoperta della Sassicaia

Oggi la redazione di Radiomania vola nel livornese, esattamente a Bolgheri, dove a pochi passi dal Mar Tirreno sorge Tenuta San Guido, casa del celebre Sassicaia. A riconoscerlo come vino degno di nota fu nel 1985 il critico Robert Parker. Parker apprezzò così tanto questo vino che, secondo lui, l'Italia poteva finalmente dirsi al pari della Francia.

Il Sassicaia è stato però recentemente al centro di un aspro dibattito. Alcuni lo hanno brutalmente definito "parkerizzato", cioè ideato per degustatori d'oltreoceano e non per gli italiani. Evidentemente, però, la dura critica non riguarda il vino in sè, quanto il contesto in cui fu mossa. Infatti, in un recente evento di Slow Food Italia dedicato a questo vino, è sorta una protesta riguardante questi eventi, che pare vedano favorire sempre e solo le etichette più note, lasciando in secondo piano i vini meno conosciuti.

La produzione della Doc Bolgheri Sassicaia vede intervenire al 15% il Cabernet Franc, affiancato dal Cabernet Sauvignon. Ambo i vini godono di un pregiato terroir: ben 75 ettari, caratterizzati da zone calcaree ricche di sassi e rocce argillose. Per i suo invecchiamento ci si affida alle barriques di rovere francese e lo stesso dura in media ventiquattro mesi, per poi essere affinato in bottiglia. In particolare, l'annata targata 2013 presenta un particolare colore rosso rubino, mentre all'olfatto porta sfumature mentolate e fruttate.

Infine, restando nell'ambito delle produzioni della Tenuta San Guido e andando oltre il Sassicaia, troviamo un altro vino. Nato dall'incontro fra Merlot e Cabernet Sauvignon, nel 2000 è stato ideato il Guidalberto, ottimo per chi intenda avvicinarsi maggiormente al mondo della Doc Bolgheri Sassicaia.

giovedì 25 agosto 2016

Omaggio a Todi di Pizzi Cannella

TODI - Dedicate a Todi e all'Umbria le opere inedite del maestro Pizzi Cannella realizzate in occasione del Festival ed esposte presso la rinnovata sala delle Pietre Alla sala Pinacoteca del Museo civico i viaggi onirici della pittrice Rossella Fumasoni Piero Pizzi Cannella e Rossella Fumasoni, che hanno firmato il manifesto dell'edizione del trentennale del Todi Festival, sono anche i protagonisti di due mostre personali che arricchiranno l'edizione 2016 della manifestazione tuderte. Entrambe le mostre saranno visitabili per tutta la durata del Festival di Todi, fino al 4 settembre.

Nella prestigiosa sala delle Pietre dei Palazzi Comunali di Todi, recuperata e restituita alla città dopo 2 mesi di interventi di restyling che hanno permesso di renderla più fruibile, saranno esposte le opere di Pizzi Cannella: una produzione ad hoc per Todi Festival dal titolo Piero da Todi. Si tratta di 10 opere (tecnica mista su tela di grandi e medie dimensioni) dedicate interamente a Todi e all'Umbria. Pizzi Cannella ha voluto creare un cortocircuito affiancando i personaggi che da sempre costituiscono il suo museo immaginario, Lucertole, Salon de Musique, Tutte le stelle del cielo, le Mappe, ai più importanti monumenti della città dando vita a delle vedute riconoscibili e, allo stesso tempo, piacevolmente inedite.

Si intitola, invece, Rossella Fumasoni 2005- 2016 A Piazza dei Sanniti bisognerebbe metterci il mare la mostra dell'artista romana che riunisce lavori recenti su tela e carta realizzati dall'artista romana. Le sue opere saranno esposte alla sala Pinacoteca del Museo civico, anch'essa oggetto di un intervento di ristrutturazione che è andato avanti per 12 mesi e che riaprirà i battenti proprio in occasione di Todi Festival.
 
Tuffatrici funambole, bagnanti contorsioniste, figure femminili suggeritrici di un significato che slitta di continuo,enigmatico oniricoide e poetico, figure che attingono a cliché della raffigurazione per vocazione ed evocazione di un tempo sospeso.

mercoledì 24 agosto 2016

Puglia, a Borgo Egnazia 'Cena a Quattro Mani'

SAVELLETRI - Lunedì 29 agosto l’incantevole scenario del Ristorante Due Camini ospiterà un nuovo, speciale appuntamento con la rassegna Cene a Quattro Mani, esclusive collaborazioni “one dinner only” tra Domingo Schingaro, executive chef di Borgo Egnazia e i più importanti chef del panorama italiano.

Lo speciale appuntamento del 29 agosto vedrà la partecipazione di Alfio Ghezzi, chef de cuisine della Locanda Margon Locanda Margon Locanda Margon il ristorante stellato di casa Ferrari a Trento, primo ristorante del Trentino e tra i migliori cento in Italia. 

Le pluripremiate bollicine Ferrari (Perlé, Maximum Demi-sec, Riserva Lunelli, per citarne solo alcune), scelte dal wine experience manager Giuseppe Cupertino, saranno il Giuseppe Cupertino punto di partenza per le reinterpretazioni e i sapori alla base del menu appositamente concepito e realizzato dagli chef Schingaro e Ghezzi. Ancora una volta, Borgo Egnazia sarà il luogo in cui si incontrano grandi talenti e in cui le eccellenze culinarie, della Puglia e di tutto il paese, vengono valorizzate.

Inizio cena alle ore 20. Prezzo: 95€ per persona, acqua, caffè e vini in abbinamento inclusi.