mercoledì 22 novembre 2017

La Spezia, Laghezza: "indispensabile una forte rappresentanza del cluster marittimo"

LA SPEZIA - Il mondo dei trasporti marittimi ha necessità urgente di una rappresentanza politico-associativa forte, in grado di rilanciare con decisione, anche e specialmente con il nuovo governo che scaturirà dalle elezioni 2018, il tema della logistica dei trasporti marittimi e dei porti come centrale e strategico per il rilancio del sistema paese.

È in quest’ottica che, attraverso il suo presidente Alessandro Laghezza, l’Associazione Spedizionieri di La Spezia ha deciso di partecipare al tavolo di confronto per la realizzazione di Confmare, ovvero di una nuova struttura articolata che dia voce in modo coerente alle differenti categorie imprenditoriali che operano e interagiscono nel settore e che crei un rapporto armonico con il mondo dei servizi.

Con lo stesso spirito, esiste una forte motivazione a valutare alleanze di tipo differente ed estese ad altri soggetti.

“Non sono le sigle - afferma Alessandro Laghezza - a fare la differenza. Sono i contenuti e la capacità di coordinamento effettivo di categorie che per troppo tempo hanno seguito strade e strategie indipendenti, quando oggi un mercato dei trasporti, fortemente polarizzato è alle prese con una crisi finanziaria tutt’oggi sottostimata. Gli spedizionieri spezzini, come per altro i colleghi genovesi, sono convinti della necessità di concentrare gli sforzi e quindi il potere contrattuale in una organizzazione che possa, in particolare per quanto attiene la filiera mare e porti, esprimere posizioni forti anche rispetto alle controparti politiche e istituzionali”.

giovedì 16 novembre 2017

Il bianco e nero di Kounellis in mostra all'Istituto per la Grafica

ROMA - Il bianco e il nero diventa protagonista della mostra Kounellis. Impronte all'Istituto Centrale per la Grafica nelle sale di Palazzo Poli dal 15 novembre 2017 al 7 gennaio.
 
Kounellis, protagonista indiscusso di un'arte che ha rivoluzionato il linguaggio pittorico a partire dagli anni Sessanta, aveva personalmente scelto le opere da esporre e si accingeva a seguirne l'allestimento quando è venuto a mancare a febbraio.

Sulla base delle scelte stilistiche esercitate dal Maestro e per sua espressa volontà, l'Istituto, in accordo con l'Archivio Kounellis, espone nella mostra a cura di Antonella Renzitti e Bruno Corà, l'ultimo lavoro grafico realizzato nel 2014 con la Stamperia d'Arte di Corrado e Gianluca Albicocco di Udine e due cicli di opere, The Gospel according to Thomas del 2000 e Opus I del 2005, entrambi realizzati a Jaffa con la stamperia israeliana Har-El Printers & Publisher.

lunedì 13 novembre 2017

Hotel o appartamento? Kayak svela quale sistemazione scegliere per risparmiare

MILANO - Pianificare le vacanze significa anche trovare il giusto equilibrio tra costi e comodità, ma non sempre è così semplice. Le case vacanze sono spesso più economiche e spaziose, mentre gli hotel garantiscono maggiori servizi. Quindi, come districarsi nella scelta?  Il motore di ricerca viaggi KAYAK.it ha analizzato i propri dati per scoprire i costi effettivi per metro quadrato di hotel a 3 e 4 stelle, confrontandoli con i costi di case vacanze nelle destinazioni preferite dagli italiani.

Copenaghen e Londra le destinazioni europee più costose per una camera d’albergo

Tra le mete più popolari tra gli italiani, Copenaghen svetta come la più costosa in base al prezzo medio per metro quadrato di hotel a 3 e 4 stelle, con un costo medio che tocca gli 8,30 €. Seguono Londra e Parigi che, nonostante abbiano le camere più piccole (19 mq) rispetto alle altre destinazioni della top 10, registrano i costi maggiori, in media rispettivamente 7,72 € e 7,02 € per metro quadrato. Tra le dieci mete preferite dai viaggiatori del Bel Paese solo Praga e Budapest offrono hotel con costi medi per metro quadrato inferiori ai 3 € (rispettivamente 2,58 € e 2,84 €).

Guardando alle mete sud europee, tra Lisbona e Barcellona è la capitale portoghese a vantare costi più contenuti, il prezzo medio per metro quadrato per una camera d’albergo è infatti di 4,27 € contro i 5,94 € della città catalana, che vanta però una maggior ampiezza delle stanze, un paio di metri quadrati in più rispetto a quelle lisbonete (21 mq).

Case vacanze: quali sono le destinazioni più economiche in Europa?

Budapest e Praga salgono sul podio delle città più economiche non solo per gli alberghi, ma anche per le case vacanze (rispettivamente con un prezzo medio di 1,42 € e 1,61 € al metro quadrato), subito seguite da Lisbona, dove un appartamento si paga in media 1,94 € per metro quadrato. Amsterdam è invece la destinazione più costosa per una casa vacanze: con ben 6,14 € risulta essere l’unica città con un prezzo medio che supera i 5 € per metro quadrato.

Chi predilige gli spazi più ampi potrebbe quindi pensare a Copenaghen. Nonostante questa sia la città che offre le camere di hotel tra le più piccole e in media al maggior prezzo per metro quadrato, si può considerare invece un buon affare per un appartamento: in questo caso, infatti, spendendo solo l’11% in più rispetto all’albergo si può godere di un uno spazio tre volte più ampio, con una media di 65 mq rispetto ai 20 mq di una stanza di hotel. Una simile situazione si presenta a Madrid, dove aumentando il proprio budget solo del 4% si può soggiornare in un appartamento più ampio del 74% rispetto a una camera di hotel. La scelta di un appartamento rispetto a un albergo conviene anche a Budapest dove si risparmia fino al 17% e si può godere in media del 65% in più di spazio.

venerdì 10 novembre 2017

Mercatini di Natale a Borgo Egnazia: dal 18 novembre un appuntamento unico per entrare nella magia natalizia in 'stile pugliese'


SAVELLETRI DI FASANO (BR) – Si fa festa a Borgo Egnazia, anche quando l’estate è lontana e, al suo posto, arrivano le atmosfere cariche di tradizione del Natale pugliese. E dunque è tempo di piccole luci bianche come stelle tra gli ulivi, falò che illuminano la pietra, il suono delle zampogne, il profumo delle pettole e dei dolci di mandorle tra i vicoli del Borgo.

Dal 18 Novembre tornano i Mercatini di Natale, un appuntamento unico per entrare nella magia natalizia in “stile pugliese”. Aperti a tutti (con prenotazione obbligatoria), saranno un omaggio alle tradizioni più antiche, un affascinante percorso tra il talento degli artigiani locali e le delizie tipiche delle feste. La Piazza sarà il cuore della serata, inoltre sei casette saranno trasformate in botteghe, aperte a tutti coloro che vorranno avvicinarsi alle antiche maestranze pugliesi e non solo: la “Casa degli Artigiani”, la “Casa della Ceramica”, la “Casa di Carta Pesta” e poi ancora la “Casa del Sapore”, regno delle degustazioni e degli show cooking, la “Casa delle Bambole”, con la realizzazione “live” di bambole in panno, juta e rafia e per finire la “Casa di Borgo Egnazia”, un luogo di incontro per scoprire curiosità e novità del Borgo.

I Mercatini saranno visitabili ogni weekend dal 18 novembre fino al 10 dicembre, ogni giorno dal 23 dicembre al 1° gennaio 2018 e, infine, dal 5 al 7 gennaio 2018 con il gran finale dell’Epifania per salutare le festività.

Date: 18/19, 24/26 novembre - 1/3, 8/10 e tutti i giorni dal 23 dicembre al 1 gennaio (escluso il 29/12) - 5/7 gennaio
Orario: Venerdì: 18.00-22.00 - Sabato: 18.00-22.00 - Domenica: 11.00-22.00

BORGO EGNAZIA – Borgo Egnazia, a Savelletri di Fasano, è un meraviglioso luogo ispirato nelle forme, nei materiali e nei colori a un tipico paese pugliese. Qui unicità e autenticità si fondono per creare qualcosa di inedito e speciale, introvabile altrove, che riesce a combinare le più genuine tradizioni locali a servizi di altissimo livello. Aperto tutto l’anno, offre 63 camere, 92 casette e 29 ville, diversi ristoranti, due bellissime spiagge private, piscine indoor e outdoor, campi da tennis e le 18 buche del San Domenico Golf, un classico percorso “link” caratterizzato da vegetazione mediterranea, ulivi secolari e affacci sul mare. All’interno di Borgo Egnazia si trova Vair, spa la cui visione (“vair” in pugliese significa “vero”) pone l’enfasi sulla bellezza interiore come fulcro dei trattamenti, ispirati alle tradizioni locali e caratterizzati da nomi in dialetto.

giovedì 9 novembre 2017

New York: ecco le più belle giostre dei cavalli

NEW YORK — La Grande mela ha un fascino particolare per i bambini: luci, negozi di giocattoli, spettacolari musei e…meravigliose giostre dei cavalli! New York City ne va pazza, tanto che in città le giostre sono una vera attrazione da non perdere per le famiglie in viaggio, posizionate in luoghi iconici e scenografici. Dal SeaGlass a Battery Park, Manhattan, fino al Bug Carousel all’interno del Bronx Zoo, ecco le 11 giostre più belle, per un vero e proprio tour formato baby.

BROOKYLN
Jane’s Carousel; Brooklyn Bridge Park, DUMBO. Se si visita il quartiere di DUMBO (Brooklyn) con i più piccoli non si può perdere un giro su Jane’s Carousel. Questa bellissima giostra risalente al 1922, è stata portata a New York City dall’Ohio, completamente ristrutturata e posizionata nel Brooklyn Bridge Park nel 2011. La giostra è inserita all’interno di una struttura di vetro trasparente progettata dall’architetto francese Jean Nouvel, che la ripara in caso di pioggia. In sella ai suoi 48 cavalli, si possono ammirare vedute straordinarie dell’East River, del Ponte di Brooklyn e dello skyline di Manhattan. Una corsa costa solamente 2 dollari.
Prospect Park Carousel; Prospect Park. Intagliato a mano nel 1912 e assemblato a Coney Island, questa giostra è una delle principali attrazioni di Prospect Park dal 1952. Oltre ai 53 cavalli di legno, sono presenti altri animali, tra cui un leone, una giraffa, un cervo e un carro trainato da un dragone. Ognuno di essi è realizzato artigianalmente ed è dettagliato nei lineamenti e nelle forme. Questa giostra è una delle poche al mondo ad essere accessibile in carrozzella. Inoltre, può essere noleggiata per feste di compleanno.
B&B Carousell; Luna Park; Coney Island. Risalente al 1906 e oggetto di divertimento per grandi e piccini sin dagli anni ’30, la giostra del luna park di Coney Island ha il potere di trasportare nel passato chiunque ci salga. Il suo fascino è rimasto intatto nel corso del tempo, fattore che rende le corse ancora più emozionanti. Il B&B Carousel, situato al centro della Steeplechase Plaza, è l’unica giostra rimasta al Luna Park di Coney Island.

BRONX
Bug Carousel; Bronx Zoo. Si tratta di una giostra piuttosto insolita: al posto dei classici animali, infatti, qui si cavalcano mantidi, cavallette, scarabei e altre specie di insetti. Perfetto per tutti gli appassionati di entomologia, il Bug Carousel è posizionato proprio al centro dello zoo ed è aperto tutto l’anno.

MANHATTAN
Friedsam Memorial Carousel; Central Park, Midtown. Punto focale di Central Park, questo famosissimo e antico carosello è frequentato da quasi 250.000 persone all’anno. Oggi 57 cavalli di legno sostituiscono i cavalli veri presenti nella prima versione della giostra, realizzata da Stein & Goldstein nel 1908, successivamente smantellata nel 1924 e sostituita due volte da nuove giostre, che vennero però distrutte dagli incendi. L’attuale giostra è perfetta per organizzare feste di compleanno e eventi per bambini.
Le Carrousel; Bryant Park, Midtown. Il nome d’ispirazione francese non è un caso: Le Carrousel è un omaggio alla Francia, così come lo è l’intero parco. Le musiche del cabaret francese fanno da sottofondo alle corse su cavalli d’epoca e la piattaforma della giostra in legno si fonde alla perfezione con il tetto naturale creato dalle foglie dei platani.
Pier 62 Carousel; Hudson River Park, Chelsea. Questa grande giostra (10 metri) è una delle maggiori attrazioni dell’Hudson River Park: caratterizzata dalla presenza di 33 animali in legno intagliato a mano e da un carro, può ospitare fino a 36 persone in una sola volta. Contraddistinto da un tetto verde, il Pier 62 si affaccia su un vasto prato e su viali alberati.
SeaGlass Carousel; Battery Park, The Battery. Il carosello a tema acquatico è una delle grandi novità del Battery Park, con lo scopo di attirare ed entusiasmare grandi e piccini. Costruita in onore del vecchio Aquarium at the Castle, che aprì i battenti nel 1896 e chiuse nel 1941, questa giostra comprende grandi pesci luminosi e creature marine. La scenografia, composta da 60 pannelli SmartGlass, cambia colori rievocando tutte le sfumature dell’oceano, dall’azzurro al blu intenso.

QUEENS
Forest Park Carousel; Forest Park. Circondato dai 544 ettari del Forest Park, questo carosello è una vera e propria opera d’arte. Fu realizzata a mano da Daniel Carl Muller e inserita nel parco nel 1973.
Flushing Meadows Carousel; Flushing Meadows-Corona Park. Oltre al carosello, la Fantasy Forest di Flushing Meadows ospita tante altre attrazioni adatte a bambini di tutte le età.

STATEN ISLAND
The Carousel for All Children; Willowbrook Park. Realizzata in stile vittoriano, questa giostra venne inaugurata nel 1999. Creature mitologiche, specie in via di estinzione e i tradizionali cavalli da salto sono stati create da artigiani appositamente per il carosello di Willowbrook Park. Durante la corsa si ammirano 20 render dipinti a mano raffiguranti i simboli di Staten Island. La Greenbelt Conservancy si occupa della manutenzione di questa attrazione.

Il giro sulle giostre è un’attività imperdibile a NYC e d’inverno acquista ancora più fascino. Per ulteriori informazioni sui caroselli e su altre attività per famiglie, visitare il sito nycgo.com/family. Per condividere la propria esperienza personale su Instagram si può taggare @NYCGo e utilizzare l’hashtag #SeeYourCity.

martedì 7 novembre 2017

Riapre il Louvre di Abu Dhabi

ABU DHABI - Ci sarà anche il presidente francese, Emmanuel Macron, all'inaugurazione del Museo Louvre di Abu Dhabi, la nuova 'città museo' voluta dagli Emirati Arabi Uniti (Eau), un cantiere colossale firmato dall'architetto Jean Nouvel, che aprirà le porte dopo dieci anni di lavori su un'isola della città.

Uno scrigno "universale" - il primo del genere in tutto il mondo arabo - che metterà in luce opere provenienti dalle civiltà del mondo intero, coperto da una grande cupola di 180 metri composta da 8.000 singole stelle metalliche. Macron si recherà poi a Dubai. Tra gli altri temi sul tavolo della visita, la convergenza antiterrorismo e il partenariato economico.

giovedì 2 novembre 2017

Musei: tema novembre è #follianellarte


TREVISO - Dalle statue di due folli e sanguinari imperatori romani, Caligola al Mann di Napoli, Commodo al Museo Nazionale Romano allo Strangolatore folle del Museo nazionale Collezione Salce di Treviso. Dall'autoritratto del genio folle di Ligabue agli Uffizi di Firenze al il ritratto di Erasmo da Rotterdam, autore dell'Elogio della Follia, conservato a Palazzo Corsini. Parte #follianellarte, la campagna social che celebra genio, arte e follia nelle collezioni degli oltre 420 musei statali, per tutto il mese di novembre.

L'invito, come sempre, è quello di coinvolgere i visitatori degli oltre 420 musei, parchi archeologici e luoghi della cultura italiani in un collettivo reportage fotografico delle collezioni artistiche a caccia di opere che abbiano come tema dominante il genio, l'arte e la follia, per condividerle sui social con l'hashtag #follianellarte e #novembrealmuseo.

Tra le opere scelte dal Mibact per questo mese anime dannate per sempre o più semplicemente in preda alla follia amorosa come l'Orlando Innamorato al Palazzo Ducale di Sassuolo, la pazzia suicida di Ofelia dipinta da Gioacchino Toma alla Galleria Nazionale della Puglia o quella scolpita da Arturo Martini a Brera. E poi la statua che immortala il mito di Crono che divora i suoi figli, alla Galleria Spada, e ancora la follia fratricida in Caino e Abele di Tintoretto, la Pazza di Giacomo Balla alla Galleria Nazionale d'Arte Moderna e Contemporanea di Roma e La Folle del trittico Le tre sorelle Amedeo Bocchi del Complesso de La Pilotta a Parma.

venerdì 27 ottobre 2017

La Puglia vola sul mercato internazionale

BARI - “Obiettivo principale per il Buy Puglia è creare occasioni concrete di business con gli incontri btob. Questa borsa del turismo testimonia quanto sia rilevante l’incoming in Puglia e come, una volta qui, i buyer rimangano attratti dalla nostra regione.” Ne è più che convinta l’Assessore all’Industria Turistica e Culturale, Loredana Capone che ha commentato con queste parole la giornata conclusiva del Buy Puglia 2017.Oltre 2000 appuntamenti di lavoro in cui 200, tra Buyer provenienti da 25 Paesi europei ed extraeuropei, e Seller pugliesi, si sono incontrati per scoprire, comprare e vendere la destinazione Puglia.

E' questo il bilancio del business meeting che si è svolto nella giornata clou degli incontri BtoB del Buy Puglia - Meeting & Travel Experience. Ideato e organizzato dall’Agenzia regionale Pugliapromozione, il Buy Puglia, giunto alla sua quinta edizione, si è svolto presso il business center dell’Aeroporto di Bari.  Nella giornata conclusiva sono stati presentati i dati sulla reputazione delle strutture ricettive della Puglia dell’indagine di Travel Appeal (scaricabile da www.buypugliaitaly.it ) che ha analizzato i contenuti, e le performance di tutti i canali web sui quali le strutture del territorio sono presenti. All’incontro hanno partecipato, oltre all’Assessore Capone, Mario Romanelli di Travel Appeal, Alfredo de Liguori, responsabile Marketing di Pugliapromozione e Luca Scandale, responsabile del Piano strategico Puglia 365. Dal primo monitoraggio sulla soddisfazione generale degli ospiti, che nel periodo dal primo settembre 2016 al 31 agosto 2017 hanno recensito le strutture ricettive pugliesi, si registra un Sentiment positivo dell’85,5% rispetto all'83,9 dell'Italia (nel 2016 era 83,3% per la Puglia e 82,4% per l'Italia).

Il dato positivo proviene dall’analisi  realizzata su un campione di 5.358 strutture che impattano maggiormente sull’immagine della destinazione per quantità di contenuti online. “Siamo soddisfatti. Ma vogliamo migliorare ancora. Come? Migliorando le nostre performance, quelle degli operatori, delle strutture, di chi commercializza i servizi, della Regione e dei comuni – ha commentato l’Assessore Capone -  La reputazione positiva di una destinazione turistica non è istantanea; si costruisce nel tempo e varia nel tempo su dati che sono percezioni. Ci vuole grande impegno a potenziare la nostra reputazione, come già abbiamo fatto per superare lo stereotipo del sud, con la sua bellezza ma anche con i problemi della sicurezza, e come abbiamo fatto per far conoscere la Puglia, che solo qualche anno fa non si sapeva dove fosse posizionata sulla cara geografica. Oggi la Puglia non è solo ambita ma anche raggiunta: contano adesso le recensioni di chi dalla Puglia commenta e riporta le sue percezioni. Il Buy Puglia si è rivelato fin dalle prime edizioni una formula vincente: siamo soddisfatti della intensità della partecipazione e degli accordi di questa fiera. Anche in questa quinta edizione i tour hanno funzionato e hanno incontrato il favore dei buyer a testimonianza di quanto questa terra sia affascinante anche al di fuori dalla stagione balneare. Ovviamente il fascino da solo non basta. Si deve collegare all’organizzazione e all’offerta turistica sempre migliore per cui è indispensabile fornire servizi, tenere strutture aperte anche in questo periodo, insomma organizzare l’accoglienza in modo quanto più possibile efficace e direi attraente”.

Nell’edizione 2017 grande successo ha avuto la nuova importante sezione di formazione dedicata al Real Estate rivolta agli operatori turistici pugliesi, Buy Puglia Investment & Education, ideata e progettata con Federalberghi Puglia, PKF hotelexperts, Tourism Investment, BTO Educational; seguitissimo dagli operatori pugliesi il ricco programma di incontri su quattro aree tematiche: investment e sviluppo alberghiero, marketing, distribuzione e ospitalità. 

mercoledì 25 ottobre 2017

A Cesenatico l’hotel con il miglior rapporto qualità prezzo d'Italia

CESENATICO - E' a Cesenatico l’hotel con il miglior rapporto qualità prezzo per la stagione autunnale, almeno la classifica stilata da TripAdvisor sulla base delle recensioni dei viaggiatori e della comparazione prezzi tra 200 siti di prenotazione. I requisiti di selezione degli hotel per la classifica includono un minimo di 3 stelle, un punteggio su TripAdvisor pari o superiore a 4 su 5, una tariffa a notte per la stagione autunnale inferiore del 20% rispetto alla media della destinazione e un costo inferiore a 250 € a notte a camera.

A Cesenatico l’hotel con il miglior rapporto qualità prezzo
È il Maree Hotel di Cesenatico l’hotel che offre il miglior rapporto qualità prezzo a livello italiano, vincitore assoluto della classifica nazionale. Con una tariffa media a notte su TripAdvisor pari a 84 € per la stagione autunnale, questa struttura ha un costo inferiore del 30% rispetto al costo medio degli hotel della zona, e si è guadagnata il plauso dei viaggiatori che le hanno attribuito un punteggio medio delle recensioni pari a 5 su 5.

Tripletta per Trentino Alto Adige e Veneto
Con 3 vincitori a testa nella classifica degli hotel con il miglior rapporto qualità prezzo, le due regioni conquistano il primato per il numero di riconoscimenti ricevuti, rispettivamente in Veneto dal Park Hotel Brasilia a Jesolo (2/o), l’Hotel San Michele a Bibione (7/o) e l’Hotel Garden Terme a Montegrotto Terme (10/o) e in Trentino Alto Adige dall’Hotel Luise a Riva del Garda (3/o), l’Hotel Crozzon a Madonna di Campiglio (4/o) e il Mountain Spa Resort Hotel Albion a Ortisei (5/o). Completano la Top 10 l’hotel Majestic a Milano Marittima (4/o), l’Hotel Berna a Milano (6/o) e l’Hotel Mulino di Firenze a Firenze (9/o).

Hotel italiani con il miglior rapporto qualità prezzo in autunno
1. Maree Hotel – Cesenatico (FC)
Tariffa media per l’autunno su TripAdvisor a partire da 84 € a notte
(30% in meno rispetto al prezzo medio della destinazione in autunno)

2. Park Hotel Brasilia – Jesolo (VE)
Tariffa media per l’autunno su TripAdvisor a partire da 112 € a notte
(53% in meno rispetto al prezzo medio della destinazione in autunno)

3. Hotel Luise – Riva del Garda (TN)
Tariffa media per l’autunno su TripAdvisor a partire da 117 € a notte
(30% in meno rispetto al prezzo medio della destinazione in autunno)

4. Hotel Crozzon – Madonna di Campiglio (TN)
Tariffa media per l’autunno su TripAdvisor a partire da 240 € a notte
(46% in meno rispetto al prezzo medio della destinazione in autunno)

5. Hotel Majestic – Milano Marittima (RA)
Tariffa media per l’autunno su TripAdvisor a partire da 93 € a notte
(23% in meno rispetto al prezzo medio della destinazione in autunno)

6. Mountain Spa Resort Hotel Albion – Ortisei (BZ)
Tariffa media per l’autunno su TripAdvisor a partire da 222 € a notte
(26% in meno rispetto al prezzo medio della destinazione in autunno)

7. Hotel Berna – Milano
Tariffa media per l’autunno su TripAdvisor a partire da 194 € a notte
(21% in meno rispetto al prezzo medio della destinazione in autunno)

8. Hotel San Michele – Bibione (VE)
Tariffa media per l’autunno su TripAdvisor a partire da 100 € a notte
(58% in meno rispetto al prezzo medio destinazione in autunno)

9. Hotel Mulino di Firenze – Firenze
Tariffa media per l’autunno su TripAdvisor a partire da 205 € a notte
(34% in meno rispetto al prezzo medio della destinazione in autunno)

10. Hotel Garden Terme – Montegrotto Terme (PD)
Tariffa media per l’autunno su TripAdvisor a partire da 175 € a notte
(38% in meno rispetto al prezzo medio della destinazione in autunno)

lunedì 23 ottobre 2017

Un calice di vino con Trilussa, Pulci e Depero

ROMA - Nel Lazio bevendo il Cesanese del Piglio si varca la soglia del Palazzo Colonna di Paliano con la serie delle "Belle" di Ferdinand Voet e poi brindando con il Mater Matuta, dedicato alla dea dell'Aurora, si legge Trilussa, Belli o Goethe. In Toscana si sorseggia l'Orcia attraversando la sua Valle, patrimonio Unesco. E poi un fermo immagine sul ciclo delle pale d'altare del Duomo di Pienza e ancora nuovi reading tra cui quelli del poeta Luigi Pulci. E poi in Puglia, Friuli Venezia Giulia e Trentino Alto Adige tra Gewurztraminer e Fortunato Depero.

Prende il via "Di calice in calice", il viaggio culturale e multisensoriale alla scoperta dell'Italia del vino rivolto ad appassionati di wine, arte e versi promosso dal Punto Touring di Roma e Associazione Culturale Sinopie in collaborazione con Collegio e Magazzino Scipioni, le due location di Roma che ospiteranno gli appuntamenti.

Da fine ottobre a metà dicembre cinque incontri conferenze accompagneranno i partecipanti alla degustazione guidata del vino di cinque regioni italiane attraverso la stimolazione multisensoriale. Colore e fluidità, profumi, persistenza e corposità, sono solo alcuni degli elementi che si passeranno in rassegna per conoscere il vino nei suoi tratti visivi, olfattivi e gustativi. A far da cornice alle degustazioni, reading e incursioni letterarie a cura di Viviana Bello, ideatrice del percorso, e racconti artistici del territorio a cura della storica dell'arte Martina Gatti, console del Touring Club Italiano.

Il primo appuntamento è per martedì 24 ottobre con la scoperta dei vini del Lazio e avrà luogo presso Collegio (Piazza Capranica, 99).

"Di calice in calice" prosegue poi presso Magazzino Scipioni (Via degli Scipioni, 30) per i successivi quattro incontri. Il 7 novembre con le selezioni di vini ispirati all'arte della Toscana e il 21 novembre con la degustazioni dei vini che toccano il cielo del Friuli Venezia Giulia.

In questo viaggio ideale alla scoperta dell'Italia da bere martedì 5 dicembre si scende poi a Sud, in Puglia, con i vini pizzicati per ritornare in montagna il 12 dicembre con le proposte enologiche del Trentino Alto Adige. Le degustazioni saranno accompagnate da assaggi di prodotti selezionati dagli chef per esaltare l'impatto organolettico dei vini proposti. Tutti gli appuntamenti, della durata di un'ora e mezza, avranno inizio alle ore 18.

Per info e prenotazioni: Punto Touring Roma / Piazza Ss. Apostoli 62/65, tel. 06-36005281 - email: libreria.ptroma@touringclub.it

giovedì 19 ottobre 2017

Arte: a Palermo la Pop art di Warhol

PALERMO - S'inaugura oggi 18 ottobre (apertura al pubblico domani, fino al 7 gennaio ) al Palazzo Sant'Elia di Palermo, Andy Warhol - l'arte di essere famosi, ampia selezione di opere provenienti dalla Rosini Gutman Collection di Riccione. Sono oltre 150 pezzi tra multipli, pezzi unici e oggetti realizzati negli anni più importanti: dal 1957 al 1987. La raccolta rispecchia una particolare visione dell'opera dell'artista, presentando celebri lavori come le Campbell's Soup Can, Fiori, Marilyn, Mick Jagger, Liza Minnelli, Joseph Beuys, accanto ad altri meno conosciuti al grande pubblico, che rappresentano la parte più intima e personale della sua ricerca, vicina per sensibilità alla matrice europea.
   
Più di altri esponenti della Pop Art, Warhol riveste un ruolo chiave nel delineare gli oggetti- feticcio che racchiudono la vita e la morte della società occidentale del secondo 900. Per farlo si serve della ripetizione seriale dell'oggetto. Per lui la tecnica serigrafica non è solo un mezzo formale, ma il solo modo di espressione artistica. Con lui l'arte muore e risuscita in un continuo potenziamento dell'accessibilità estetica dell'immagine. Il quotidiano diviene così l'unica folgorante verità. Ed è la verità sottesa dalle immagini della civiltà dei consumi che ci assediano e si proiettano su di noi e in cui noi ci specchiamo alla ricerca di un'identità perduta.

martedì 17 ottobre 2017

Dall'aeroporto alla città: i modi per risparmiare

MILANO MALPENSA - Italiani nelle mete europee più popolari: taxi o treno? Come raggiungere il centro città dall’aeroporto risparmiando? Ecco un'analisi di Kayak.it per scoprire quali città dispongono dei collegamenti più rapidi ed economici per arrivare in centro senza stress e spendendo pochi euro

- A Parigi meglio optare per i mezzi pubblici: si risparmiano quasi 50 € rispetto al taxi;

- Le isole greche vantano le connessioni più veloci: solo 3 km dall’aeroporto al centro di Mykonos e Corfù, 5 km per arrivare nel cuore di Santorini;

- Con qualsiasi mezzo, Milano Malpensa è l’aeroporto che richiede il budget più elevato per raggiungere la città, Bologna invece vanta i costi più ridotti per un taxi

In attesa delle vacanze natalizie nulla di meglio che concedersi un weekend o una breve fuga autunnale alla scoperta di una nuova città o capitale europea. Ma per ottenere il meglio da queste brevi avventure, facilitate spesso dalle offerte voli presenti in periodi di bassa stagione, il motore di ricerca ha analizzato i dati relativi a costi e tempistiche per il trasferimento dall’aeroporto al centro città, valutando gli spostamenti più convenienti tra taxi e trasporto pubblico, così da risparmiare denaro per attività ben più divertenti in loco.

Gli aeroporti più vicini al centro: il primato è delle isole greche
Non sorprende che gli aeroporti più vicini alle città siano quelli sulle piccole isole: in particolare quelli di Mykonos e Corfù si trovano a minor distanza dal centro - solo 3 km - seguiti da Santorini (5 km) e Zante (6 km). Le isole greche sono pertanto un ottimo affare per chiunque consideri la vacanza sinonimo di comodità e di costi ridotti per il trasporto. Queste isole permettono infatti una spesa compresa tra 1 € e 2 € per avvicinarsi al centro con i mezzi pubblici, mentre il lusso di una corsa in taxi non supererebbe i 15 €.

Anche altre destinazioni europee offrono spostamenti vantaggiosi favoriti dalle brevi distanze: l’aeroporto di Lisbona dista solo 7 km dal centro e prevede un piccolo investimento di 1,90 € se si viaggia con mezzi pubblici. Seguono Ibiza, Copenaghen e Luqa (Malta), tutte ad una distanza di circa 8 km. Tra queste ultime, le più economiche sono Ibiza, dove si spendono solo 3 € per i mezzi pubblici e Luqa, dove sono necessari solo 17 € per una corsa in taxi.

Mezzi pubblici più convenienti e a volte più rapidi del taxi
Ci sono città in cui è molto conveniente optare per il trasporto pubblico e questo è il caso di Copenaghen, dove i viaggiatori possono risparmiare 35 € evitando il taxi e guadagnando anche tempo: 13 minuti contro i 20 del traffico cittadino. Anche chi atterra a Parigi dovrebbe prediligere i mezzi pubblici, che costano infatti quasi 50 € in meno rispetto al taxi.

Anche su Madrid i viaggiatori possono risparmiare optando per il trasporto pubblico e arrivando in centro in circa 45 minuti; chi ha più fretta e vuole dimezzare i tempi può optare per un taxi, raggiungendo il cuore della capitale spagnola in soli 20 minuti, ma dovrà investire 25 € in più. Un’occasione vantaggiosa si riscontra nella città di Berlino, dove si possono risparmiare circa 22 € viaggiando dall’aeroporto Tegel al centro città in treno piuttosto che in taxi, impiegando tra l’altro lo stesso tempo (20 minuti).

Se si guarda alla convenienza, sono ancora una volta le isole greche a dominare la classifica, questa volta per quanto riguarda i costi modici per il trasporto pubblico che collega aeroporto e città: Zante (1 €) e Santorini (1,20 €) si trovano rispettivamente al primo e al secondo posto, seguite da Valencia (1,45 €), Corfù (1,70 €) e Lisbona (1,90 €). Chi invece in vacanza ama concedersi il lusso di una comoda corsa in taxi, deve guardare a Lisbona, Santorini, Corfù e Zante: tutte città in cui il costo del trasferimento si aggira attorno ai 10 €.

I costi più elevati per allontanarsi dall’aeroporto: Londra sul podio
I dati svelano inoltre quali sono le città che nel complesso richiedono i costi più elevati per il trasporto dall’aeroporto alla città: in cima alla classifica svetta Londra, con 70 € per un taxi e 24,30 € per lo spostamento con i mezzi pubblici; seguita da Parigi con un costo di 60 € per una corsa e 10,30 € per trasporto pubblico e Copenaghen, dove il taxi richiede 40 € e i mezzi 5 €.

Aeroporti italiani: il taxi più caro è da Milano Malpensa
Guardando agli aeroporti del Bel Paese, Milano si conferma una città costosa da raggiungere, soprattutto in taxi. La situazione tuttavia cambia leggermente a seconda dell’aeroporto da cui si parte: Milano Linate è conveniente per chi viaggia con mezzi pubblici (2 €), così come Orio al Serio (5 €). Malpensa, invece, registra il prezzo più alto richiedendo una spesa di ben 13 € per i mezzi pubblici. Anche una corsa in taxi da questo aeroporto può risultare un vero investimento, 95 €. Si tratta del prezzo più alto tra gli aeroporti italiani, seguito da Orio al Serio (con 75 € in taxi) e dagli aeroporti romani con 48 € per una corsa.

Bologna, invece, risulta essere un’ottima meta per chi è in cerca di offerte: solo 2 € per 34 minuti a bordo di mezzi pubblici e 15 € per una corsa in taxi di 15 minuti. Anche spostarsi da Napoli Capodichino è vantaggioso, con un costo di 18 € per il trasferimento in taxi e 4 € per un viaggio con i mezzi pubblici, con tempi di percorrenza in entrambi i casi di 18 minuti.

“Prima della partenza - spiega Cristina Nieddu, esperta di viaggio KAYAK- è utile informarsi per conoscere le effettive distanze tra l’aeroporto di arrivo e la città. Diverse compagnie low cost, infatti, volano verso aeroporti piuttosto distanti dal centro e questo può rendere difficile e costoso il trasferimento. L’app di KAYAK offre diverse funzionalità che consentono al viaggiatore di risparmiare, ad esempio utilizzando KAYAK Explore, gli italiani possono trovare le migliori opzioni di volo che si adattino al proprio budget, indicando l’aeroporto di origine e scegliendo le offerte anche in base a quello di arrivo. In questo modo potranno risparmiare denaro da impiegare nell’attività che preferiscono per vivere appieno la destinazione prescelta.”

giovedì 12 ottobre 2017

Presenze hotel: tra gennaio e settembre +2,9%

RIMINI- Nei primi nove mesi 2017 crescono i pernottamenti negli esercizi alberghieri con una percentuale pari al 2,9% rispetto allo stesso periodo del 2016, derivante dalla crescita di entrambe le componenti (italiani +2,2% e stranieri +3,5%). A rilevarlo l'osservatorio di Federalberghi in occasione del TTG Incontri alla Fiera di Rimini.

In attesa di poter tracciare un bilancio consolidato dell'andamento della stagione estiva, il Centro studi di Federalberghi ha acquisito alcune prime informazioni, rese disponibili da alcuni osservatori, pubblici e privati. Il quadro d'insieme risultante dai dati parziali è nel complesso positivo, anche se non va dimenticato - sottolinea Federalberghi - che alcune aree sono purtroppo caratterizzate da una tendenza al ribasso.

Nel periodo gennaio - giugno 2017, il fatturato dei servizi di alloggio è aumentato del 4,6% rispetto allo stesso periodo del 2016. La spesa dei turisti stranieri in Italia nel primo semestre 2017 ammonta a 16,7 mld, con un incremento del 4,6% rispetto

martedì 10 ottobre 2017

Halloween: la classifica degli hotel più spettrali al mondo


ROMA - Ecco la classifica dei 10 hotel più spettrali al mondo, luoghi da brividi dove poter vivere l’atmosfera della festa di fine ottobre stilata da momondo.

Dalla Malesia alla Danimarca, passando per il Colorado fino ad arrivare in Italia: i castelli sono sicuramente i luoghi più facilmente riconducibili ad atmosfere da brividi, ma i palazzi antichi non sono da sottovalutare: e cosa ne pensate delle navi? La grande presenza di fantasmi è un fattore comune in questi luoghi, sicuramente paurosi ma al tempo stesso attraenti nella loro unicità.
momondo pensa a chi vuole provare uno di questi luoghi proprio ad Halloween, proponendo un hotel in Italia, ma anche a chi non rinuncia a un’esperienza da brividi in qualsiasi momento dell’anno.

First World Hotel – Genting Highlands, Malesia
Il First World Hotel è un immenso resort collocato sulla cima delle Titiwangsa Mountains in Malesia e vanta di una foresta tropicale, un centro commerciale, una sala da bowling e un parco a tema nell'area circostante, ma il lato più agghiacciante di questo luogo è senza dubbio l’attività paranormale. Diversi testimoni affermano di aver avuto notti insonni a causa dei fantasmi che infestano le 6.118 stanze, quelli dei grandi giocatori d’azzardo che hanno deciso di porre fine ai loro giorni dopo aver bruciato ingenti quantità di denaro al casinò del resort aperto 24/7.

Hotel Burchianti – Firenze, Italia
Negli anni ’30 era il rifugio preferito da artisti e poeti: l’hotel Burchianti è noto a Firenze come uno dei luoghi più spettrali della città. Vagando per i tortuosi ed eleganti corridoi dell’hotel si ha la sensazione di essere osservati e di incontrare da un momento all'altro un fantasma. Secondo la testimonianza di alcuni ospiti il fantasma di una donna intenta a lavorare a maglia su una sedia da studio sarebbe stato avvistato, così come lo spettro di una donna delle pulizie che sveglia i visitatori nelle prime ore del giorno. La stanza Fresco è quella da evitare se si è particolarmente fifoni: i viaggiatori che ci hanno trascorso la notte hanno raccontato di sentirsi osservati durante la notte e ricoperti di gelidi sospiri in faccia.

Il castello Dragsholm – Odsherred, Danimarca
Questa vecchia fortificazione costruita 800 anni fa, è uno dei luoghi più incantevoli di tutta la costa della Danimarca e spesso etichettato come il castello più infestato d’Europa. Il Dragsholm Slot è un luogo veramente misterioso e infestato da fantasmi. Durante alcune opere di restauro negli anni 30′, gli operai scoprirono uno scheletro avvolto da un vestito bianco, seppellito tra le mura del castello!
Ci sono tre ospiti d’eccezione, tre fantasmi, sempre presenti nell’hotel: la Grey Lady, un’antica domestica del castello conosciuta per il suo impegno nell’aiutare gli ospiti a disfare le valige, il Conte di Bothwell, un ex prigioniero di corte scozzese che gironzola nel cortile sul suo cavallo e infine la tristissima White Lady, una giovane ragazza nobile che fu imprigionata nella sua stanza a vita, dopo che il suo padre malvagio scoprì che la fanciulla si era innamorata di un giovane che lavorava nel castello.

The Russell Hotel – Sydney, Australia
Situato nel quartiere The Rocks, il più antico della città, il the Russell Hotel era frequentato da marinai in cerca di un posto dove poter riposare e in seguito utilizzato come ospedale durante la peste bubbonica all’inizio del XX secolo. L’hotel venne poi trasformato in un Bed & Breakfast di classe, ma si narra che lo spettro di un marinaio, conosciuto per aver pernottato nella stanza 8, osservi da vicino gli ospiti e assicuri loro sonni tranquilli.

The Queen Anne Hotel – San Francisco, USA
In origine era la Mary Lake’s School, una scuola per sole ragazze, oggi il The Queen Anne Hotel è un hotel/B&B a San Francisco dove sembra vivere il fantasma della direttrice della vecchia scuola, Miss Mary Lake. Dopo la vendita della scuola contro il suo volere, la donna non ha infatti mai lasciato queste mura, continuando a suonare l’antico pianoforte risalente all’epoca vittoriana.
Se si vuole provare veramente un’esperienza da brivido, si consiglia di prenotare la stanza 410, l’abitazione che un tempo apparteneva a Miss Mary Lake. Miss Lake sarà ben felice di sprofondare la testa sul cuscino e dormire accanto ai viaggiatori durante la notte.

The Fairmont Le Château Frontenac – Quebec, Canada
Pietra miliare della città antica, questo castello in Québec è davvero imponente e patrimonio mondiale dell’UNESCO con una storia davvero straziante, di uno spettro fragile e al tempo stesso romantico.
Il governatore della New France del XVII secolo, Louis de Buade de Frontenac, morì in questo luogo nel 1698. Si narra che la tristezza provata nel lasciare l’amata moglie a Parigi, ebbe un grosso contraccolpo sulla sua salute e dopo oltre 300 anni, alcuni ospiti del Château Frontenac giurano di aver avvistato il governatore vagabondare nei corridoi del castello, in cerca della sua anima gemella.

The Stanley Hotel – Colorado, USA
Se questo enorme e isolato resort in Colorado ha fatto venire i brividi persino al celebre scrittore di libri horror, Stephen King, saprete già di non essere in un posto tranquillo. L’ispirazione per scrivere The Shining l’ha presa da qui. Passeggiando da soli, si deve fare attenzione alle giovani ragazzine che ridacchiano e corrono al quarto piano, mentre le feste nelle sale da ballo sono all’ordine… della notte! Party per soli fantasmi vengono organizzati con grande frequenza.

The Tequendama Falls Hotel – Bogotà, Colombia
Nella periferia di Bogotà, a picco sulla vallata, sorge questa piccola, e allo stesso tempo spaventosa, meraviglia. Questo hotel, aperto nel 1928, era un tempo conosciuto come il lussuoso Hotel del Salto, luogo di riposo per turisti benestanti dopo lunghe giornate stancanti passate nelle incantevoli gole e cascate del Tequendama Falls.
Le acque del fiume vennero però col tempo contaminate e il picco di 157 metri diventò un luogo pericoloso per tutti i visitatori malinconici. Le loro anime indugiano ancora nei corridoi dell’hotel. In stato di rovina per ben vent’anni, nel 2012 l’edificio fu completamente ristrutturato e riportato al suo antico splendore e gloria quasi come fosse un museo. Sebbene non sia possibile trascorrere la notte qui, la fantastica vista sul fiume Bogotà, le culture locali e la possibilità di incontrare uno spettro da brividi ne fanno un posto unico e indimenticabile.

Port Arthur Motor Inn – Tasmania, Australia
Il sito di Port Arthur ha una storia indubbiamente particolare. Si narra che sia il penitenziario la motivazione della presenza di strane presenze in questo luogo, che a prima vista sembra un vecchio e gelido manicomio rinnovato. Pare che sia infestato dai fantasmi che adorano fare sorprese simpatiche agli ospiti una o due volte durante la notte, una compagnia degna di un’esperienza unica e indubbiamente da brividi!

The Queen Mary – Long Beach, California
The Queen Mary è una grande crociera abbandonata situata a Long Beach: salire su questo relitto significa vivere una crociera senza farla realmente. La Queen Mary è stata utilizzata come nave civile per i viaggi transatlantici di lusso per pochi anni, dal 1936 al 1939, poi usata come mezzo militare durante la Seconda Guerra Mondiale. In questo luogo è possibile pernottare e dedicarsi a tour alla ricerca di fantasmi: durante il giorno è sicuramente un’esperienza particolare e unica nel suo genere, ma di notte si trasforma in un’avventura da brividi, alla scoperta dei segreti che la Queen Mary ha tenuto come un testimone silenzioso.

lunedì 9 ottobre 2017

Volo in Ritardo e Sicurezza: rimborso possibile?

Al giorno d'oggi viaggiare in aereo è sicuramente il modo più veloce, comodo e funzionale di coprire grandi distanze. Con l'avvento delle compagnie low cost, che permettono l'acquisto di biglietti a prezzi molto contenuti ed economicamente vantaggiosi, l'aereo è diventato un mezzo di trasporto accessibile davvero a tutti. Purtroppo però anche con questo mezzo di trasporto così rapido e affidabile possono capitare degli imprevisti e non è raro imbattersi in situazioni che possono creare enormi disagi ai viaggiatori.

A causa degli attacchi terroristici degli ultimi anni le misure di sicurezza nelle città sono state intensificate ed una particolare attenzione nei controlli è riservata proprio agli aeroporti. Questi alti livelli di sicurezza possono paradossalmente causare ritardi di vario genere.

Soltanto pochi giorni fa è stata comunicata la notizia che nell'aeroporto internazionale di Malpensa un falso allarme bomba ha ritardato di diverse ore la partenza di un volo diretto a Londra.

Casi come questo provocano enormi disagi non solo a coloro che sono passeggeri dell'aereo vittima del falso allarme, ma anche a chi deve partire a distanza di pochi minuti con altri voli e per altre destinazioni.

Il rischio che si possa incappare in ritardi e attese anche di ore è concreto. 

Il più delle volte, per fortuna, l'allarme bomba in questione si rivela essere solo uno scherzo di pessimo gusto, ma frasi mal interpretate o bagagli abbandonati da passeggeri disattenti possono addirittura bloccare l'attività di un intero aeroporto. Burle e distrazioni possono scatenare sospetti e panico tra i viaggiatori e, una volta rientrato l'allarme, aver creato disagi e fatto accumulare ai vari voli un consistente ritardo.


Cosa può fare, dunque, un viaggiatore in una situazione di questo tipo per tutelarsi?

La cosa essenziale è essere informati suoi propri diritti. Come prima cosa, se non vengono fornite informazioni dal personale aeroportuale, è bene far riferimento alla Carta dei Diritti del Passeggero, consultabile e scaricabile in modo gratuito sul sito dell' Enac (Ente Nazionale Aviazione Civile). Tale documento stabilisce che i passeggeri di un volo che abbia accumulato un ritardo superiore alle due ore abbiano diritto a ricevere gratuitamente delle assistenze primarie che comprendono pasti e bevande, sistemazione in hotel in caso di pernottamento, trasferimenti da/per l'aeroporto finanche ad arrivare al rimborso del biglietto se il passeggero in questione ritiene opportuno non intraprendere più il viaggio a causa del ritardo accumulato.

Esiste inoltre una normativa europea che con il Reg. (CE) N. 261/2004 istituisce le regole comuni in materia di compensazione ed assistenza ai passeggeri in caso di negato imbarco, di cancellazione del volo e di ritardo prolungato.

Suddetta normativa riconosce ai passeggeri, qualora ci siano le condizioni, un rimborso economico che va dai 250 ai 600 euro a seconda del disagio subìto. In altre parole la compagnia aerea, qualora sia responsabile del ritardo del volo e non abbia offerto alternative per sopperire al disagio, deve corrispondere ai viaggiatori che abbiano subìto ritardi importanti una compensazione monetaria che viene stabilita in base alla lunghezza della tratta aerea.

Tutte queste informazioni possono creare confusione, soprattutto in chi non è abituato a viaggiare in aereo frequentemente. Per questo motivo negli anni sono nati diversi siti internet di esperti a cui poter richiedere assistenza per inoltrare la richiesta di rimborso alle compagnie aeree. Sono siti affidabili che offrono servizi molto spesso gratuiti ed il loro utilizzo è davvero semplicissimo.

Basterà inserire in un apposito modulo disponibile sul sito internet le informazioni sul viaggio per cui vogliamo ricevere assistenza, indicando l'aeroporto di partenza e quello di arrivo, il numero del volo, la data della partenza, il ritardo accumulato e la descrizione dell'accaduto, fornendo quanti più dettagli possibile. Inoltrata la richiesta il nostro caso verrà verificato da un esperto legale che ci ricontatterà successivamente per informarci sulle possibilità effettive di ricevere il risarcimento.

L'esperto procederà poi ad avviare le pratiche legali contattando in una prima fase la compagnia aerea per cercare di ottenere direttamente la liquidazione della somma. In caso di rifiuto da parte della compagnia si rivolgerà al Giudice di Pace. In entrambi i casi il passeggero riceverà successivamente l'accredito del risarcimento senza doversi preoccupare del compenso per i servizi dell'esperto. Anche il pagamento dell'assistenza legale, infatti, verrà liquidato dal giudice e sarà a carico della compagnia aerea.

Avendo adesso la consapevolezza di quali sono i nostri diritti e i mezzi a nostra disposizione per tutelarci non sarà più sicuramente un ritardo aereo a rovinarci un viaggio.

venerdì 6 ottobre 2017

Msc: verso il superamento dei 3 mln di passeggeri nel 2018

PALERMO - Msc Crociere annuncia che nel 2018 nei porti italiani prevede di superare i 3 milioni di passeggeri movimentati grazie a quasi 700 scali delle navi della compagnia, con una crescita del 4,5% rispetto all'anno in corso.

"Per la prima volta in Italia sorpasseremo la soglia dei 3 milioni di passeggeri movimentati in un anno. Questa crescita - ha detto Leonardo Massa, country manager di Msc Crociere, intervenendo all'Italian Cruise Day in corso oggi a Palermo - è la naturale conseguenza dell'imponente piano industriale avviato dalla compagnia nel 2015 e che nei prossimi mesi si appresta ad entrare nel pieno sviluppo grazie all'arrivo di 2 delle 11 nuove navi in costruzione entro il 2026. Entrambe le navi sono in costruzione in Italia, nei cantieri di Monfalcone, frutto di una lunga partnership che Msc Crociere ha con Fincantieri che ha riguardato anche il programma 'Renaissance' realizzato proprio qui a Palermo sulle 4 navi di generazione Lirica".

"A beneficiare - ha aggiunto - di questa crescita saranno nel 2018 la maggior parte dei 14 porti in cui arriveranno le navi della flotta Msc Crociere, in particolare Genova che sfiorerà il milione di passeggeri Msc, Civitavecchia dove raggiungeremo il mezzo milione di passeggeri e Palermo, città dove siamo oggi, in cui i nostri crocieristi passeranno da 205.000 a ben 265.000". La grande novità del 2018 sarà l'arrivo di Msc Seaview, futuristica nave in costruzione a Monfalcone, che a partire dal prossimo giugno opererà nel Mediterraneo dopo la cerimonia del battesimo a Civitavecchia.

martedì 3 ottobre 2017

'Buy Puglia Tour' approda a Vienna


VIENNA - Si è svolta ieri a Vienna la seconda tappa dopo quella di Parigi di “Buy Puglia Tour”, un roadshow in più tappe che porta il meglio dell’offerta turistica pugliese in viaggio per l’Europa.

"Il modello Puglia è un modello che funziona. Lo ha ribadito ieri, in ultimo, il ministro Franceschini sottolineando come la nostra regione abbia saputo combinare il prodotto mare a quello dei borghi, dei parchi, dei beni culturali, del buon cibo. È la sfida della Regione, al fianco degli operatori, degli stakholders, della comunità, per costruire un'offerta turistica capace di attrarre 365 giorni l'anno ma anche di migliorare la qualità dei servizi resi, di incidere sull'occupazione, sulla professionalizzazione. In questa sfida "Buy Puglia Tour" si pone come uno strumento importante. Perché ci consente di portare all'estero, nelle principali capitali europee, dove abbiamo già investito su collegamenti veloci attraverso Aeroporti di Puglia, il racconto di una storia tutta nuova che la Puglia sta scrivendo e che aggiunge valore alla bellezza dei nostri monumenti, dei nostri centri storici, del mare, delle nostre tradizioni orali, musicali, enogastronomiche. La grande partecipazione che ha caratterizzato anche la tappa viennese del “Buy Puglia Tour” è indicativa dell’attenzione che c'è attorno Puglia”.

 Dopo Vienna, il tour toccherà Monaco domani e poi Bruxelles, Amsterdam e Zurigo.

 Nel corso dell’evento viennese, che si è tenuto all’interno del MuseumsQuartier – uno dei complessi museali più grandi al mondo – i rappresentanti di PugliaPromozione, l'Agenzia Regionale del Turismo della Regione Puglia, hanno raccontato ai media e agli operatori turistici austriaci tutto quanto la Puglia rappresenta in termini di offerta turistica: dalle più rinomate località balneari del Salento, del Gargano e della costa barese, fino ai borghi e alle bellezze artistiche e paesaggistiche dell’entroterra, passando per le incredibili masserie nascoste fra gli ulivi della Valle d’Itria e le innumerevoli opportunità che il territorio offre a tutti coloro che desiderano praticare sport all’aria aperta e degustare una enogastronomia a km 0.

Ma oltre alle bellezze del territorio, la Puglia ha molto da proporre anche dal punto di vista dell’offerta ricettiva, con un numero di strutture in forte crescita sia in termini numerici (nel 2016 hanno raggiunto quota 6.295, +10% rispetto al 2015) sia in termini di servizi offerti ai turisti. Proprio la grande varietà dell’offerta ricettiva e dei servizi è stata al centro dei numerosi incontri B2B che si sono tenuti durante la serata fra i principali seller pugliesi e 58 buyer e tour operator austriaci che hanno preso parte all’evento.

giovedì 28 settembre 2017

Turismo: al via 'Buy Puglia Tour', la Puglia incontra buyer e media europei

PARIGI - Parte oggi da Parigi “Buy Puglia Tour”, un roadshow ,organizzato dall’Agenzia regionale del turismo, Pugliapromozione, che porterà il meglio dell’offerta turistica pugliese in viaggio per l’Europa toccando, subito dopo la capitale francese, Vienna, Monaco, Bruxelles, Amsterdam e Zurigo. La scelta di Parigi come prima tappa non è casuale: nel 2016, infatti, l’incoming dalla Francia ha fatto registrare un incremento record, con 61.000 pernottamenti e 21.000 arrivi in più rispetto al 2015 (+22,4%), portando il turismo transalpino nel territorio pugliese sul secondo gradino del podio dopo quello tedesco. Un risultato che conferma lo storico legame fra la Francia e la Puglia, una delle regioni italiane che fa registrare il maggior numero di turisti provenienti dalla Francia che apprezzano oltre al mare i prodotti turistici culturali della regione.

“La Puglia è protagonista di questi appuntamenti nelle città più strategiche e ricettive d’Europa, dalle quali i viaggiatori possono arrivare con voli diretti in tutte le stagioni dell'anno – ha commentato l’assessore all’Industria Turistica e Culturale della Regione Puglia, Loredana Capone - La regione si racconta come destinazione godibile sempre, in virtù di un clima mite e di un territorio che ha moltissimo da offrire, anche allontanandosi dalle coste dal mare cristallino. La valorizzazione dell’entroterra e del suo grande potenziale attrattivo è uno dei principali obiettivi del roadshow: natura incontaminata, itinerari, arte e siti storici, borghi caratteristici e la calda accoglienza del popolo pugliese rendono unico e affascinante il cuore rurale del territorio, un mondo da scoprire e da apprezzare in tutte le stagioni. La genuinità, freschezza e varietà del food è parte integrante di un patrimonio regionale da valorizzare ed esportare. E' questa la strategia della Regione  che si concentra sugli obiettivi  prioritari  di far conoscere sempre più la destinazione, renderla sempre più accessibile e lanciare nuovi prodotti di qualità".

Ogni tappa del tour, per il quale sono state scelte location di grande fascino e prestigio, prevede momenti di informazione, confronto ed entertainment, con l’obiettivo di far vivere agli ospiti un assaggio della vera atmosfera di un’esperienza made in Puglia.

martedì 26 settembre 2017

Dalla Grande Muraglia Cinese a Machu Picchu in Perù: le 7 meraviglie del mondo moderno sono le destinazioni di tendenza per gli italiani

MILANO – Viaggiare è uno dei veri piaceri della vita e se la destinazione è già di per sé una delle sette meraviglie del mondo, allora l’entusiasmo potrebbe aumentare ancora di più. La Grande Muraglia Cinese, Petra in Giordania, Il Colosseo a Roma, Chicen Itza in Messico, Machu Picchu in Perù, il Taj Mahal in India e il Cristo Redentore a Rio de Janeiro sono state dichiarate meraviglie del mondo moderno nel 2007 e da lì entrate di diritto nella lista di attrazioni da visitare almeno una volta nella vita dei viaggiatori del Bel Paese. Ora, dopo dieci anni, Il motore di ricerca viaggi KAYAK.it ha analizzato i propri dati per esplorare preferenze e trend di viaggio degli italiani rispetto alle magnifiche sette e fornire utili consigli per pianificare la propria vacanza al meglio e vivere appieno un’esperienza magica.

La Grande Muraglia Cinese, Cina
Dichiarata patrimonio dell’umanità dall'UNESCO nel 1987, la Grande Muraglia si estende per circa 8.851 Km, partendo dal golfo di Liao-Tung e toccando il passo di Kia-gu in Tibet. I viaggiatori non potranno lasciarsi scappare la possibilità di camminare per quasi 4 km a piedi in cima al mondo, si dice che la costruzione sia visibile dallo spazio.
Prezzo medio per un volo a/r per Pechino nel 2017: 423 €
Prezzo medio per un soggiorno in camera doppia a notte in hotel 3 o 4 stelle nel 2017: 71 €

Petra, Giordania
Il sito archeologico della Giordania, dichiarato Patrimonio dell'umanità dall'UNESCO nel 1985, ha avuto una ricca e variegata storia, da capitale a luogo dedito ai commerci, passando anche per catastrofi naturali. Le sue molteplici affascinanti facciate di roccia sono finemente intagliate e la maggior parte degli spazi erano adibiti a sepolcri.
Prezzo medio per un volo a/r per Amman nel 2017: 305 €
Prezzo medio per un soggiorno in camera doppia a notte in hotel 3 o 4 stelle nel 2017: 77 €

Il Colosseo, Italia
Nel centro della città eterna sorge l’anfiteatro più grande al mondo, il celebre edificio a base ovale in grado di ospitare fino a 75.000 persone. Una delle maggiori attrazioni turistiche italiane che anticamente ospitava i più popolari eventi sociali tra gladiatori, rievocazioni di battaglie, battute di caccia e opere mitologiche classiche.
Prezzo medio per un volo a/r per Roma nel 2017: 74 €
Prezzo medio per un soggiorno in camera doppia a notte in hotel 3 o 4 stelle nel 2017: 112 €

Chichén Itzá, Messico
L’ampio complesso archeologico, tra i più famosi e meglio conservato al mondo, è situato nel nord della penisola dello Yucatan ed è uno dei più importanti attribuiti all’antica popolazione Maya. In occasione degli equinozi è possibile assistere a un particolare gioco di luci grazie al quale si può scorgere il dio Kukulkan in veste di serpente piumato.
Prezzo medio per un volo a/r per Cancún nel 2017: 534 €
Prezzo medio per un soggiorno in camera doppia a notte in hotel 3 o 4 stelle nel 2017: 168 €

Machu Picchu, Perù
Il sito archeologico più famoso del Perù e preziosa eredità Inca sorge nella valle dell'Urubamba. Il nome stesso, che significa “vecchia montagna”, è emblematico del suo posizionamento e della sua struttura: sorge a 2.453 m di altitudine ed è una vera e propria città antica, circondata da templi, terrazzamenti, canali d'acqua e suddivisa in settori.
Prezzo medio per un volo a/r per Cusco nel 2017: 909 €
Prezzo medio per un soggiorno in camera doppia a notte in hotel 3 o 4 stelle nel 2017: 80 €

Taj Mahal, India
Lo storico mausoleo di Agra è da sempre una delle più affascinanti strutture architettoniche musulmane presenti in India. Fatto costruire dall'imperatore moghul Shah Jahan nel 1632 e da oltre 30 anni incluso tra i patrimoni dell'umanità dell'UNESCO, è un memoriale dedicato alla consorte prediletta del sovrano.
Prezzo medio per un volo a/r per Agra (via Nuova Delhi) nel 2017: 470 €
Prezzo medio per un soggiorno in camera doppia a notte in hotel 3 o 4 stelle nel 2017: 55 €

Cristo Redentore, Brasile
Sulla cima del Corcovado svetta Il Cristo Redentore di 700 m in stile Art Déco, realizzato in calcestruzzo e pietra saponaria, che allarga le braccia e accoglie la popolazione. Simbolo della città e del mondo carioca, ha avuto innumerevoli imitazioni nel tempo e a varie latitudini. Per raggiungere l’originale è possibile cimentarsi nella scalata di 222 gradini oppure servirsi di 3 ascensori panoramici e 8 scale mobili.
Prezzo medio per un volo a/r per Rio de Janeiro nel 2017: 540 €
Prezzo medio per un soggiorno in camera doppia a notte in hotel 3 o 4 stelle nel 2017: 98 €

I dati relativi ai voli, inoltre, svelano quali destinazioni dove sono ubicate le sette meraviglie del mondo sono le più gettonate dagli italiani, e quanto spendono per raggiungerle quest’anno, in relazione allo scorso. Con Roma e il Colosseo alla prima postazione, Cancun con Chichen Itza al secondo posto e Rio de Janeiro si posiziona al terzo dove i viaggiatori possono ammirare il Cristo Redentore. È interessante notare che le due destinazioni asiatiche, India e Cina, seguendo in classifica, mentre a chiudere il ranking, ci sono Giordania e Perù rispettivamente al 6° e 7° posto.

In media quasi tutte le sette destinazioni registrano un calo dei prezzi dei voli per partenze nel 2017, con la più consistente decrescita volando su Pechino (-11%), seguito da Amman (-9%) mentre Roma (-4%), Cusco (-2%) e Agra (-1%) vedono solo un leggero ribasso quando si tratta di voli di andata e ritorno. Diversamente, Cancún è l’unica meta a registrare un aumento per quanto riguarda il prezzo medio dei voli (+16%) mentre il costo delle tratte brasiliane verso Rio de Janeiro rimane stabile se comparato allo scorso anno.

giovedì 21 settembre 2017

Gubbio, al via il Festival del Medioevo

GUBBIO - Il grande racconto della Storia torna a Gubbio dal 27 settembre al 1 ottobre con la terza edizione del Festival del Medioevo, un grande appuntamento culturale, colto e insieme popolare che non è solo una festa e nemmeno una rievocazione.
   
"La città" sarà il filo conduttore e il tema principale dell'edizione 2017: "stato d'animo" e luogo fisico, centro di scambi, di incontri, di flussi di uomini, merci, idee, capitali e culture. Letta nei quotidiani "Incontri con gli autori" attraverso la storia dei luoghi del potere e dello spirito: piazze, scuole, cattedrali, cantieri, università, mercati.
 
Da non perdere il primo incontro tra i discendenti diretti di Dante Alighieri e Cante Gabrielli, il podestà eugubino che condannò il "ghibellin fuggiasco" all'esilio perpetuo da Firenze. Tutti medievali gli spettacoli, le danze, il mercato, la fiera del libro, il torneo di scherma, le miniature e addirittura le start up. Su www.festivaldelmedioevo.it tutti gli appuntamenti.

martedì 19 settembre 2017

TripAdvisor, museo Egizio più apprezzato degli Uffizi

TORINO - E' l'Egizio di Torino il museo italiano più apprezzato dai viaggiatori di tutto il mondo. A stabilirlo una classifica stilata da TripAdvisor, secondo cui l'esposizione dedicata alla cultura e all'arte dell'antico Egitto - la più importante al mondo dopo quella del Cairo - ha superato nel gradimento dei viaggiatori anche gli Uffizi di Firenze, secondi.

Grazie all'Egizio, sempre secondo TripAdvisor, l'Italia entra anche nella top ten della classifica europea dei musei, dominata dal Musee d'Orsay di Parigi e dall'Hermitage di San Pietroburgo, piazzandosi al nono posto.

Torino si piazza ai primi posti della classifica nazionale anche con il Museo del Cinema (7/o) e dell'Automobile (9/o). Si difende bene Firenze, che conquista anche il terzo posto con la Galleria dell'Accademia, mentre Roma occupa il 4/o e il 6/o posto con Galleria Borghese e Castel Sant'Angelo.

TOP 10 ITALIA
1. Museo Egizio di Torino, Torino
2. Galleria degli Uffizi, Firenze
3. Galleria dell'Accademia, Firenze
4. Galleria Borghese, Roma
5. Musei Vaticani, Vaticano
6. Castel Sant'Angelo, Roma
7. Museo Nazionale del Cinema, Torino
8. Collezione Peggy Guggenheim, Venezia
9. Museo dell'Automobile, Torino
10. Museo Archeologico Nazionale, Napoli

TOP 10 EUROPA
1. Musée d'Orsay, Parigi, Francia
2. Palazzo d'inverno e Hermitage, San Pietroburgo, Russia
3. Museo dell’Acropoli, Atene, Grecia
4. Museo del Prado, Madrid, Spagna
5. Victoria and Albert Museum, Londra, Regno Unito
6. National Gallery, Londra, Regno Unito
7. Vasa Museum, Stoccolma, Svezia
8. Museo del Louvre, Parigi, Francia
9. Museo Egizio di Torino, Torino, Italia
10. Il Rijksmuseum (Museo Nazionale), Amsterdam, Paesi Bassi

TOP 10 MONDO
1. The Metropolitan Museum of Art, New York, USA
2. Museo Nazionale della Seconda Guerra Mondiale, New Orleans, USA
3. Musée d'Orsay, Parigi, Francia
4. Istituto d’Arte di Chicago, Chicago, USA
5. Palazzo d'inverno e Hermitage, San Pietroburgo, Russia
6. Memoriale per l'11 settembre, New York, USA
7. Museo Nazionale di Antropologia, Città del Messico, Messico
8. Museo dell’Acropoli, Atene, Grecia
9. Museo del Prado, Madrid, Spagna
10. Victoria and Albert Museum Londra, Regno Unito

lunedì 18 settembre 2017

Vacanza a Cattolica: gita all'acquario

Ogni tanto concedersi una piccola fuga dallo stress del lavoro e degli impegni è la soluzione migliore per ritrovare benessere e buonumore. Non serve progettare un viaggio dall’altra parte del mondo, soprattutto se i giorni a disposizioni sono pochi e il tempo ridotto; ecco quindi che per vivere una piccola vacanza basta partire alla volta della meravigliosa Emilia Romagna e scegliere uno dei numerosi hotel vicino all’acquario di Cattolica. Cattolica è una delle città simbolo dell’Emilia Romagna, conosciuta e apprezzata in tutto il mondo per l’ampia offerta turistica ( soprattutto durante il periodo estivo) e ovviamente per il suo Acquario. Si tratta di una struttura molto particolare: l’acquario è infatti ospitato in quella che doveva essere una colonia navale, ed infatti ad esso è stato dato il soprannome LE NAVI. L’acquario si estende infatti in più strutture singole, disposte in modo tale da costituire, in visione aerea, tante piccole flotte. Tante le iniziative rivolte ai piccoli e ai grandi che sono organizzate dalla struttura per rendere la visita all’acquario un evento imperdibile e indimenticabile, in grado di arricchire sapere e buonumore.

Ma l’acquario, ricco tra l’altro di numerose percorsi tecnologici per accompagnare ogni visitato alla scoperta del mondo marino, non è l’unica attrazione da vivere nella Perla dell’Adriatico; una volta giunti infatti nella splendida città di Cattolica sarà possibile visitare il Museo della Regina all’interno del quale sono ospitate due sezioni, quella dei reperti storico-archeologici e quella dei reperti della Marineria. Un modo nuovo e diverso di conoscere la nostra storia e la nostra cultura, per imparare di più e comprendere meglio la storia della nostra civiltà.

Per continuare il viaggio sulle tracce di un passato ancora vivido, oltre a vedere la casa nella quale alloggio il celebre Guglielmo Marconi e il Teatro della Regina ( dove nel periodo estivo vengono organizzati numerosi eventi e concerti), non si può non visitare la Rocca di Cattolica, situata al centro della città nel lontano 1400 e ancora oggi in piedi. Eretta con lo scopo di proteggere dagli invasori e dai malintenzionati l’antico insediamento medievale, la struttura torreggia ancora oggi sul centro urbano, quasi ad incutere ancora paura a chi intende varcare le mura della città con cattive intenzioni.

Oltre i siti di interesse storico-culturale e scientifico la città di Cattolica sa offrire ai suoi turisti anche momenti di svago e divertimento: assolutamente imperdibile è infatti la passeggiata sul lungomare della città, dove è possibile ammirare le barche e le spiagge; dove poter ammirare il morire del sole comodamente seduti a sorseggiare un ottimo aperitivo in uno dei numerosi ristori dissipati lungo tutta la passerella.

Prima di lasciare questa bella città bisogna visitare il parco della Pace, la grande area verde di Cattolica dove famiglie e singoli si ritrovano durante il giorno per incontrarsi e respirare un po’ di serenità e tranquillità, lontani dal caos delle automobili. Sedersi su una panchina e ritrovare la giusta carica per tornare alla vita di tutti i giorni avrà un sapore malinconico, ma ne varrà assolutamente la pena.

venerdì 15 settembre 2017

Napoli, al via 'Le Mille luci di New York'

NAPOLI - Gli anni '80 riletti partendo dai suoi principali protagonisti, con due vincoli fondamentali: la pittura e New York. E' questo l'obiettivo della mostra "Le mille luci di New York. Basquiat, Clemente, Haring, Schnabel, Warhol" ospitate nelle Gallerie d'Italia - Palazzo Zevallos Stigliano.
 
Gli anni al centro della mostra sono gli stessi nei quali anche Napoli si dimostra la città italiana artisticamente più stimolante e dal taglio internazionale, grazie all'attività di gallerie come Lucio Amelio, Lia Rumma, Morra e Trisorio, che fanno da ponte tra l'Italia e la Big Apple creando le condizioni per il contatto di questi cinque straordinari artisti.
   
La mostra, curata da Luca Beatrice, presenta una selezione di opere dei cinque grandi artisti, provenienti da collezioni private, quindi raramente disponibili al pubblico, e da istituzioni come il Museo Madre di Napoli, oltre che dalla collezione di Intesa Sanpaolo. Il progetto espositivo Le mille luci di New York - dal titolo del romanzo Bright Lights, Bright City pubblicato nel 1984 da Jay McInerney - accende i riflettori sul clima culturale degli anni '80, che vede la città di New York più splendente che mai, illuminata da neon colorati a suggellare un decennio davvero straordinario, dove cultura ed economia, arte e finanza, vita mondana e divertimento sono tra gli indicatori di un nuovo boom, anche più clamoroso di quello degli anni Sessanta. L'esposizione sarà aperta al pubblico da domani al 5 novembre.

martedì 12 settembre 2017

Abbazia di Montescaglioso, al via lavori Civitars

MATERA - Al via a Montescaglioso i lavori per la realizzazione, all'interno dell'Abbazia di San Michele Arcangelo, del Centro di eccellenza delle Arti del Mediterraneo (Civitars). Il progetto è stato finanziato dal Ministero per i Beni culturali e il Turismo per un milione di euro, attraverso la società in house Arte lavoro e servizio spa (Ales).

L'intervento di restauro prevede il completamento dei locali del corridoio sinistro del primo piano dell'Abbazia, compresa la Biblioteca dell'Abate, oltre a importanti interventi su affreschi, portali e altre opere artistiche e alla dotazione di arredi e attrezzature. "Particolare attenzione - ha evidenziato il sindaco, Vincenzo Zito - è stata riservata alla Sala del Capitolo che sarà dotata di tutti i servizi indispensabili per renderla finalmente un luogo idoneo a incontri pubblici". "A proposito le Città di Montescaglioso e Matera - ha concluso il sindaco - hanno firmato un protocollo d'intesa che sancisce il complesso monastico quale centro congressuale culturale internazionale di Matera 2019 e per ogni altra iniziativa nell'ambito di tale programma".
 
Durante i lavori l'Abbazia sarà regolarmente fruibile dai visitatori.

sabato 9 settembre 2017

A Venezia la collezione Al Thani

VENEZIA - Sbarca a Venezia una mostra dedicata alle gemme e ai gioielli indiani, dal XVI al XX secolo, appartenenti alla Collezione Al Thani. Sono oltre 270 gli oggetti esposti a Palazzo Ducale che racconteranno fino al 13 gennaio cinquecento anni di storia dell'arte orafa legata, per origine o ispirazione, al subcontinente indiano.
 
Promossa dalla Fondazione Musei Civici di Venezia, la mostra 'Tesori dei Moghul e dei maharaja: la Collezione Al Thani' offre l'opportunità al pubblico di ammirare per la prima volta quasi trecento pezzi provenienti dalla collezione creata da sua altezza lo sceicco Hamad bin Abdullah Al Thani, membro della famiglia reale del Qatar.
   

giovedì 7 settembre 2017

Louvre Abu Dhabi apre i battenti l'11 novembre

ABU DHABI - Louvre Abu Dhabi aprirà l'11 novembre. Ad annunciarlo il ministro della cultura, Francoise Nyssen, affermando che "la Francia è fiera di collaborare a questo progetto con gli Emirati arabi uniti", una risposta congiunta di Parigi e Abu Dhabi in un momento in cui "la cultura è attaccata".
 
Soddisfatto il direttore del Louvre di Parigi, Jean Luc Martinez, che ha parlato di "una collaborazione senza precedenti tra i due paesi". E' un "messaggio di tolleranza", ha detto il presidente dell'autorità del turismo e della cultura di Abu Dhabi, Mohamed Khalifa Al Moubarak.
   
Concepito dall'architetto Jean Nouvel, il museo è frutto di un progetto avviato 10 anni fa e prevede inizialmente una durata di 30 anni, durante i quali Parigi fornirà la sua consulenza. Il solo uso del nome Louvre frutterà alle casse francesi 400 milioni di euro. La struttura si estenderà su 86 mila mq e ospiterà 700 opere esposte in 55 gallerie; circa 300 saranno prestate da 13 musei francesi. Macron sarà presente all'apertura.

martedì 5 settembre 2017

Inverno in crescita dopo estate boom

Si preannuncia un inverno in crescita, dopo un estate boom, grazie al buon andamento dell'economia. L'indice di fiducia - rileva l'indagine periodica di Confturismo-Confcommercio in collaborazione con l'Istituto Piepoli - raggiunge ad agosto un valore pari a 69 punti, vicino al massimo annuale toccato a luglio (70 punti), confermandosi a livelli ottimali pur con una leggera diminuzione.

Sono i giovani fino a 34 anni e coloro che si trovano in piena età lavorativa (fino a 54 anni) a dimostrare maggiore propensione al viaggio nei prossimi mesi, con valori dell'indice che segnano rispettivamente 81 e 75 punti, ben al di sopra della media generale. Dopo un'estate molto positiva per l'Italia, il flusso turistico crescerà anche per la prossima stagione invernale, almeno così prevede il 42% degli intervistati.

La spinta - evidenzia Confturismo in una nota - arriva dal buon andamento economico. Il prodotto interno lordo crescerà nel 2017 dell'1,3%, il valore massimo da quando l'Italia è uscita dalla recessione nel 2015. Il dato è confermato dall'indagine: si evidenzia un saldo positivo dall'inizio dell'anno tra ottimisti e pessimisti per quanto riguarda la fiducia degli italiani nei confronti della situazione economica nel lungo periodo.

La forte crescita nel settore turistico è trainata dalle destinazioni nazionali. Si denota un allungamento della stagione estiva a settembre, con il mare che rimane in cima alle preferenze. Al tempo stesso la visita di musei, monumenti o mostre rimane la prima motivazione di viaggio per quasi 5 italiani su 10 ed in particolare la scoperta dei beni culturali è indicata al primo posto da per chi viaggerà per riposarsi sia da chi viaggerà per divertirsi. Per questi motivi, destinazioni quali Puglia, Toscana, Lombardia, Lazio, Veneto, Emilia Romagna e Sicilia sono preferite dai turisti che resteranno in Italia nel prossimo trimestre. La Spagna rimane in cima alle preferenze, nonostante i tragici fatti di Barcellona, mentre gli Stati Uniti saranno la meta prediletta nel continente americano.

giovedì 31 agosto 2017

Lady Diana, una guida per 15 itinerari a Londra

LONDRA - A vent'anni dalla morte di Diana nel tragico incidente di Parigi, esce una guida di Londra e dintorni con tutti gli itinerari segreti ed i luoghi frequentati dalla principessa.

Il libro, disponibile da fine settembre su Amazon, è a cura di Marina Minelli, giornalista, scrittrice e royal blogger, ed è a metà fra la guida turistica e la biografia con percorsi nella capitale britannica alla ricerca di un personaggio sicuramente controverso e contraddittorio ma ancora oggi amatissimo.

“La vita della principessa di Galles – evidenzia l’autrice – si dipana attraverso Londra, da quella più frenetica e alla moda, fra negozi e atelier degli stilisti in voga, ai palazzi dove si svolgeva la sua vita ufficiale, dove i ricordi sono ancora numerosi”. A Clarence House, la residenza della Queen Mum, Diana passa, in totale solitudine, la notte che precede il fidanzamento e poi la vigilia delle nozze.

“Da qualche anno – aggiunge Marina Minelli – questo bell’edificio in stile Regency è aperto al pubblico per circa un mese ogni estate e conserva ancora l’atmosfera dell’epoca. Ma anche la cattedrale di Saint Paul, una delle mete cult del turismo londinese, è indissolubilmente legata all’immagine della giovane sposa mentre sale l’immensa scalinata con il vento che le scompiglia il velo e il lunghissimo strascico”.

Nel suo libro Marina Minelli percorre tutti questi luoghi, raccontandone la storia, i segreti e le connessioni con Diana. “Ai Kensington Gardens oggi ci sono una fontana e un playground dedicati alla memoria di Diana – spiega l’autrice – ma in realtà la principessa è molto presente in spirito e immagini anche all’interno del museo di Kensington Palace situato a poche centinaia di metri dall’appartamento dove vive a partire dal 1982”.

La storia di Carlo e Diana, che tanto assomiglia a una tragedia di William Shakespeare, ha avuto come palcoscenico Londra ma anche i paesaggi idilliaci di quella straordinaria Inghilterra rurale conservata con amore da secoli. Questo libro/guida offre punti di vista diverso, qui dove la metropoli moderna proiettata verso il futuro e i verdi campi delle contee fanno da sfondo a un dramma dalle tinte fosche e alla turbolenta esistenza di un personaggio fatto di luci e di ombre che ha travolto e sconvolto l’imperturbabile monarchia inglese cambiandola per sempre. Tanti gli aneddoti e le vicende meno note legate soprattutto all’infanzia e alla giovinezza di quella che diventerà la principessa di Galles.

martedì 29 agosto 2017

A Venezia 'Picasso. Sulla spiaggia'

VENEZIA - Al via la nuova mostra-dossier 'Picasso. On the beach/Sulla spiaggia', curata da Luca Massimo Barbero, che la Collezione Peggy Guggenheim di Venezia proporrà negli spazi espositivi della Project Room da venerdì 26 agosto e fino al 7 gennaio 2018.

Attraverso una selezione unica di opere (tre dipinti - Sulla spiaggia, Femme assise sur la plage, Grande baigneuse au livre -, dieci disegni realizzati da Pablo Picasso tra febbraio e dicembre del 1937 e una scultura - che arriverà a Venezia a fine settembre -, esposte insieme per la prima volta in occasione della mostra), Barbero cerca di gettare nuova luce sul lavoro dell'artista spagnolo, evidenziando i suoi collegamenti con quel Mediterraneo che ha avuto un ruolo così importante nella sua carriera artistica. L'esposizione, nata in collaborazione con il Musée national Picasso-Paris e che rientra nel programma di seminari, pubblicazioni, studi ed esposizioni legato al progetto triennale 'Picasso-Méditerranée', è stata presentata in anteprima dal direttore della Peggy Guggenheim di Venezia, Karole Vail, e da Barbero.

"E' una mostra - ha spiegato Vail - piccola ma di altissima qualità. Di Picasso possiamo sempre trovare cose sempre più interessanti da scoprire. Qui ci incentriamo su opere composte nel 1937, anno molto importante per la storia europea e quella dello stesso Picasso".

martedì 22 agosto 2017

Dimmi quanti giorni hai e ti dirò dove andare

AMSTERDAM - New York in 12,7 giorni, Londra 7,3 giorni, Amsterdam in 4,9 giorni: Skyscanner.it ha analizzato la durata media dei soggiorni ricercati per l’estate dai viaggiatori italiani e si è divertito a creare delle mini-guide per dieci delle destinazioni più popolari, pensate proprio per ottimizzare il soggiorno in base alla durata media del viaggio.

Ecco quindi 10 itinerari perfetti per sfruttare al meglio il tempo-vacanza a New York, Bangkok, Ibiza, Londra, L'Avana, Barcellona, Amsterdam, Tokyo, Lisbona e Malta!

1. New York - Durata media di permanenza: 12,7 giorni
Dall'Empire State Building al MoMa, fino alla distesa verde di Central Park, sono infinte le attrattive di New York, la città che non dorme mai, la destinazione più sognata, la meta da vedere almeno una volta nella vita. In quanti giorni? Avrete bisogno di una settimana almeno, ma con 12,7 giorni troverete... l'America!

2. Bangkok - Durata media di permanenza: 18,9 giorni
Pronti per volare nella “città degli angeli”? Bangkok vi saprà stupire con l'antichissima storia del Regno del Siam e con la contrastante modernità di una delle città asiatiche più vivaci del momento. Benvenuti nel Paese del Sorriso, da esplorare da nord a sud!

3. Ibiza - Durata media di permanenza: 7,3 giorni
Un'isola delle Baleari che non stanca mai, spagnoli e non, è Ibiza. La isla blanca ha due facce: quella del divertimento puro fatto di aperitivi al tramonto e feste fino all'alba e quella del relax più totale da gustare all'ombra di ulivi e tra le baie nascoste. Trascorrere una settimana a Eivissa, come la chiamano i catalani, significa passare gran parte della giornata al sole con i piedi nella sabbia calda, tra tuffi ristoratori e cocktail tropicali, sulle note di un'estate che sarà difficile dimenticare.

4. Londra - Durata media di permanenza: 7,3 giorni
Con una settimana di viaggio, o poco più, si può godere al meglio di una città ricca di storia e attrazioni come la cosmopolita Londra. Musei, visite e tanto shopping in un tour che vi porterà fino alle bianche scogliere del Sussex, le mitiche Seven Sister Cliffs.

5. L'Avana - Durata media di permanenza: 16,8 giorni
I colori de L'Avana non si dimenticano facilmente. Quanti giorni servono per visitare la capitale di Cuba e il meglio dell'isola? Skyscanner propone un itinerario da occidente a oriente, attraverso le bellezze di questo stato caraibico che odora di tabacco e magia.

6. Barcellona- Durata media di permanenza: 6 giorni
Vicina, divertente, economica, Barcellona è una meta perfetta da raggiungere in ogni momento dell'anno, anche se avete a disposizione un solo weekend. Con 6 giorni, invece, un viaggio nella capitale della Catalogna si trasforma in esperienza...

7. Amsterdam - Durata media di permanenza 4,9 giorni
Seducente, artistica, innovativa, Amsterdam è una destinazione perfetta da esplorare in una manciata di giorni. Dovrete organizzarvi al meglio per non mancare nessuna delle sue principali attrazioni!

8. Tokyo - Durata media di permanenza 16 giorni
Estremamente caotica ma perfettamente organizzata, Tokyo è una delle più grandi metropoli al mondo, una città che regala un Giappone tecnologico ma tradizionale al tempo stesso, tra palazzi imperiali, quartieri dello shopping e parchi in fiore...

9. Lisbona - Durata media di permanenza 8 giorni
Una città che vi farà perdere la cognizione del tempo merita una settimana, e più. Lisbona può essere
esplorata al meglio con una permanenza media di 8 giorni e con un po' di intraprendenza: dopo tutto, è sempre stata una città di scrittori e navigatori!

10. Malta - Durata media di permanenza 7,5 giorni
Si trova a metà strada tra Italia e Africa, ma parla inglese. Malta è un'isola che sembra un miraggio per quanto è bella, circondata dalle acque cobalto di un Mediterraneo unico. La durata media di una vacanza qui è di 7,5 giorni.