mercoledì 30 novembre 2016

La Tunisia punta sull'economia del mare

TUNISI - Il porto di Sidi Bou Said, meraviglioso villaggio nei pressi della capitale, sarà totalmente rinnovato e numerosi porti da pesca verranno presto trasformati in porti turistici. Ad annunciarlo il ministro tunisino del Turismo Selma Elloumi Rekik alla Conferenza internazionale Tunisia 2020 illustrando i progetti per il futuro del proprio dicastero che punta sullo sviluppo della cosiddetta Economia del Mare. Un settore promettente come ha dimostrato il successo dello Yacht Med Festival Blue Tunisia Lazio svoltosi recentemente al porto turistico di Gammarth.

Per portare a termine i progetti in seno al ministero e' stata creata un'unità speciale dedicata a porti turistici e crociere, ha annunciato Rekik, che ha esposto ai molti investitori stranieri presenti in sala le immense potenzialità della Tunisia nel settore del turismo, con la presenza di oltre 40 mila siti storici e archeologici e 60 isole in grado di offrire soggiorni indimenticabili a tutti le tipologie di turisti.

Alcune destinazioni, ancora sconosciute al grande pubblico, come Tataouine e Tabarka, possiedono caratteristiche uniche al mondo, ha detto il ministro evidenziando inoltre il processo di rinnovamento intrapreso dal suo ministero per quanto riguarda l'e-visa, il visto elettronico, che faciliterà l'ottenimento del visto a distanza agevolando dunque l'entrata nel paese per chi proviene da paesi con obbligo di visto

0 commenti:

Posta un commento