sabato 8 ottobre 2016

Trieste, il più bel porto d'Europa

TRIESTE - Le gigantesche gru di Amburgo in fila al tramonto, i luccicanti colori della Londra vista dall'acqua, il mare tempestoso nel blu cobalto di Zada, la malinconica Venezia e, soprattutto, la meravigliosa Trieste. Nel concorso di foto bandito dall'Ue in cui i cittadini dovevano immortalare a scelta uno dei 3.000 porti dell'Ue, Trieste ha vantato il più alto numero di scatti.

Tra le 50 foto selezionate, è stata la città più rappresentata (6 volte). Per la Giornata europea del mare, la Commissione Ue, per far conoscere i porti che puntellano le coste europee, ha lanciato #myportforTurku, dal nome della città finlandese quest'anno capitale della Giornata.

I cittadini hanno immortalato con macchine fotografiche e cellulari il porto di maggior gradimento: in 234 di 24 paesi hanno postato 579 foto di 166 porti. Trieste è la città con più scatti, seguono Amburgo, Saint-Malo, Antwerpen. La mostra che è stata allestita ha aperto a Turku, poi a Bruxelles, Amburgo e ora Trieste, organizzata dall'Autorità Portuale.

Trai fotografi amatoriali, professionisti, blogger, giornalisti e appassionati di mare, il risultato è una mappa colorata ed emozionante dove tra mare e imbarcazioni - unici elementi fissi per tutte le foto - si scoprono sconosciuti scorci di pescatori, distesa di alberi e vele; o si resta sgomenti davanti alla mole immensa delle navi da crociera o delle gigantesche portacontainer che oscurano qualunque panorama. Se Trieste è la città con il maggior numero di scatti, non scherzano nemmeno Amburgo, Saint-Malo, Antwerpen. I 50 scatti piu' belli sono stati selezionati, stampati e ne e' stata allestita una mostra, ovviamente, a Turku.

Di lì le foto sono state messe in esposizione a Bruxelles, poi ad Amburgo e ora sono a Trieste. La Sottostazione elettrica del Porto Vecchio dunque, dove l'Autorita' Portuale ha allestito la mostra, e' frequentata da scolaresche e visitatori guidati giunti in citta' anche in occasione della 48 Regata Velica Internazionale Barcolana. E di vela in vela, di onda in onda si solcano i mari che tengono uniti l'Unione, piu' di quanto non riescano a fare gli uomini.

0 commenti:

Posta un commento