sabato 27 agosto 2016

Basilicata, l'altra 'meraviglia' di Montescaglioso

MATERA - E' lo stupore il sentimento comune nei visitatori degli ambienti ipogei, estesi su tre livelli, dell'abbazia di San Michele Arcangelo di Montescaglioso (Matera) per il sistema di cantine, depositi cerealicoli, impianti molitori e oleari realizzati nei secoli dalla comunità monastica benedettina che ha gestito la struttura e i possedimenti terrieri per secoli, all'insegna dell'efficienza e della produttivita'.

Il complesso ipogeo, restituito di recente alla fruibilità, ricostruisce con l'attraversamento di ambienti restaurati, attrezzi, vasellame riprodotto con decorazioni dell'abbazia, in alcuni casi recuperati, strumenti e pannelli divulgativi bilingue, le "linee produttive" di olio, formaggi, conservazione di derrate, panificazione e molitura di cereali. Di rilievo sono le cisterne per la raccolta dell'acqua piovana, profonde 18 metri, e la cantina, di epoca tardo medievale, che si estende per una lunghezza di 80 metri e con un'altezza di otto.

0 commenti:

Posta un commento