lunedì 25 luglio 2016

Watersport nel Sud della Sardegna

La Provincia di Cagliari è un vero e proprio paradiso per gli amanti degli sport d’acqua: affacciati scenograficamente su un mare cristallino dalle tonalità cangianti, vi sono circa 150 chilometri di costa, attrezzati nel migliore dei modi e per le più disparate attività - dai grandi classici alle nuove frontiere dell’universo watersport, particolarmente ambite nel tratto di mare che va da Capo Teulada a Porto Corallo.

Il windsurf è di certo una delle discipline più gettonate. Una delle aree migliori per mettersi alla prova sfidando la potenza delle onde è Porto Pino, una zona generalmente soggetta ai venti provenienti da occidente, che vanno a generare onde sino ai tre metri di altezza. Non è male nemmeno il litorale di Chia, nota località turistica del Cagliaritano, dove si può surfare circondati da uno dei mari più belli dell’isola, con la sua cornice di dune di sabbia candida e la vegetazione a macchie. Una proposta simile si trova anche nelle spiagge di Campulongu e Porto Giunco, incastonate nel territorio di Villasimius, un’altra perla del turismo sardo.

Chi vuole sperimentare qualcosa di ancor più adrenalinico può recarsi direttamente a Cagliari, presso il centro Flyboard Hero 4 Mori, ad esempio, una delle ultime trovate del capoluogo per il divertimento estivo. Il centro, fondato solo due anni fa, si configura come il maggiore punto di ritrovo per gli estimatori del Flyboard, il fenomeno sportivo di tendenza negli ultimi anni, che consente di compiere incredibili evoluzioni, grazie a una particolare attrezzatura che sfrutta la pressione dell’acqua. Il team di Flyboard Hero 4 Mori offre inoltre la possibilità di sperimentare altri sport acquatici di nuova generazione, come: l’Hoverboard – fino a non molto tempo fa, uno skateboard di fantasia utilizzato nella saga di Ritorno al futuro, oggi una sorta di “volopattino” motorizzato; il Water Catapult – un pallone lungo 10 e alto più di 2 metri, con cui ci si catapulta in acqua con salti che raggiungono gli 8 metri d’altezza; la Waterball – sfere in plastica giganti, all’interno delle quali si può correre, camminare e fare capriole in acqua. Non è un caso dunque che la proposta di Flyboard Hero 4 Mori sia citata nella classifica delle 10 cose da non perdere nel capoluogo sardo, recentemente stilata da Expedia.

Naturalmente, non mancano le possibilità nemmeno sul fronte delle immersioni: i colorati fondali della costa sud – consigliamo di esplorare quelli dell’Isola dei Cavoli e di Serpentara – popolati da una flora e una fauna variegate e di grande bellezza, valgono da soli la pena di prenotare un hotel a Cagliari o nei dintorni. Qui, la limpidezza delle acque è tale da riuscire ad ammirare lo spettacolo marino anche solo muniti di maschera e boccaglio: provare per credere.

0 commenti:

Posta un commento