mercoledì 6 aprile 2016

Bimbi e centenari testimonial ad Ogliastra

Dai bambini che hanno ideato i cartelli da sistemare nei parchi ai centenari che raccontano i segreti della loro longevità. Passando per gli adolescenti che stanno allestendo un festival per i loro coetanei che scelgono Baunei, Santa Maria navarrese, Arbatax e tante altre perle della zona per le loro vacanze. Tutta l'Ogliastra unita per il turismo, risorsa vitale per il presente ed il futuro. È il progetto Welcome, ideato dall'associazione Quoziente emotivo in collaborazione con la Fondazione Sardegna Film commission e con il coinvolgimento dell'assessorato regionale del Turismo.

Si tratta di un "format" con quattro azioni che non si fermerà all'Ogliastra: il programma prevede che questa esperienza possa essere replicata anche in altre aree dell'Isola. Soprattutto in quelle che hanno grandi potenzialità ancora non sfruttate al massimo. Per quanto riguarda l'Ogliastra - spiega Daniele Pario Perra, coordinatore dell'iniziativa - il progetto si sviluppa in quattro mosse. La prima coinvolge i bambini delle scuole. Con laboratori didattici che servono a spiegare ai piccoli coetanei che arriveranno da Toscana, Lazio o Germania quali sono i giochi locali più diffusi.

Giochi che saranno illustrati ora in tutte le lingue con colorati cartelli tra Arbatax e Tortolì. La seconda azione, già avviata in tutta la provincia, riguarda l'organizzazione di un festival per un target tra i quattordici e vent'anni. Terzo passaggio: l'offerta di ciò che l'Ogliastra sa fare. Il clou sarà a luglio con il primo mercato per il turismo delle esperienze e dei servizi innovativi per l'ospitalità.

C'è anche una azione, già avviata a Jerzu, di consulenza gratuita ad aziende e associazioni del territorio. E poi il fiore all'occhiello: i racconti dei centenari, dei "ragazzi" dai 70 anni in su. Narrazioni, aneddoti e proverbi che proveranno a svelare ai turisti il più importante segreto del territorio: la longevità.

0 commenti:

Posta un commento